Eredivisie, la comunità ebraica di Roda contro Anelka: "Non lo vogliamo"

L'ex Chelsea è stato assunto dalla società olandese come consulente ma la sua esultanza ai tempi del WBA non è stata dimenticata dalla comunità ebraica.

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Nicolas Anelka continua a subire le conseguenze di quell'esultanza che gli costò il licenziamento dal WBA e una pesante multa di 80 mila sterline da parte della Football Association. L'ultimo episodio che lo ha visto protagonista è avvenuto in Olanda, dove il Roda, attualmente penultimo in Eredivisie, lo ha assunto come consulente scatenando le furiose proteste della comunità ebraica e dell'associazione nazionale ebraica olandese.

Anelka e la quenelle

È una vergogna. Non dovrebbe esserci alcun legame tra il Roda e Anelka. I giocatori vengono spesso presi come esempio, ma questo non è il suo caso. Vanno prese le distanze da personaggi come lui. 

Queste le parole di Benoit Wesly, portavoce della comunità. Ma qual è il gesto tanto discusso? Si fa riferimento a un'esultanza del francese risalente al 2013, quando era in forza al West Bromwich Albion. Quel pomeriggio, dopo aver segnato la rete dell'1-1 a Upton Park contro il West Ham, il giocatore si esibì nel gesto poi diventato famoso come la "quenelle", considerato volgare oltre che antisemita, in quanto spesso utilizzato da associazioni antisioniste e in alcuni casi mostrato al posto del saluto nazista dai gruppi di estrema destra. 

Quello che a noi importa sono le sue competenze e il bene che può fare alla società. Al proprietario è piaciuto e quindi abbiamo deciso di assumerlo. Non c'è nient'altro da aggiungere. 

Così ha commentato la vicenda Ton Caanen, diretto sportivo della società olandese. Non è chiaro come andrà a finire questa querelle, ma quel che è certo è che in Olanda o in qualsiasi altro posto del pianeta Anelka verrà sempre ricordato per quel gesto del quale si è più volte scusato nel corso degli anni, definendolo "anti capitalista ma non antisemita o razzista", e riproponendolo senza problemi anche durante alcune conferenze stampa.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.