UFC, McGregor: "Fa**ulo i fratelli Diaz. Nate è la pu**ana di Mayweather"

Tanta carne al fuoco nell'ultima uscita mediatica di Conor McGregor. L'irlandese questa volta ne ha davvero per tutti: da Diaz a Mayweather, passando per Aldo.

Conor McGregor ad un comizio

650 condivisioni 0 commenti

di

Share

Si sentiva un po' la mancanza di Conor McGregor. Ammettetelo, che siate voi detrattori o sostenitori dell'istrionico irlandese. L'ormai prossima maternità della compagna ci ha regalato un Notorius meno presente a livello mediatico, fatta eccezione per l'estenuante diatriba tutta social e interviste creatasi con Floyd Mayweather, per un match che probabilmente neanche troverà mai compimento.

Ad oggi infatti, gli indizi legati al possibile dream-match portano tutti in questa direzione. Troppo grande il giro di interessi economici, troppo mellifluo il continuo provocarsi da parte dei due fighter senza mai giungere a qualcosa di concreto in termini di progettualità. Se a ciò si ci aggiunge il mezzo ostruzionismo da parte del presidente UFC Dana White - che ha quasi posto un veto relativamente all'organizzazione dell'evento, che dovrebbe essere curato dalla sua promotion -, si giunge ad una fase di stallo la cui risoluzione appare ad oggi assai complicata.

Ciò nonostante Conor McGregor continua imperterrito a mantenersi sul pezzo, giocando sul doppio fuoco nel tentativo - perfettamente riuscito - di massimizzare l'attenzione sul proprio personaggio. In tal senso, emblematiche sono state le sue recenti uscite sui social, così come le ultime interviste rilasciate. In particolare l'intervento di McGregor in quel di Manchester ha regalato ai media nuove perle, soprattutto in termini UFC.

Nate Diaz è una pu**ana, ma proprio una grossa fo**uta pu**ana. Avevo grande rispetto per i fratelli Diaz, prima che Nate facesse quella videochiamata del ca**o con Mayweather. Quella notte è stata un po' la sua fi**etta. Quell'idiota di Floyd gli ha detto qualcosa del tipo: "Vado a finire il tuo lavoro". Nate ha preso un sacco di botte a UFC 202 e non si è mai ripreso. Ecco, per me Nate non era normale in quella chiamata. Non mi aspettavo una cosa simile, sul serio. Nate Diaz è davvero una grossa pu**ana, la più grande. Non fraintendetemi comunque, sono sicuro al 100% che io e lui ci daremo dentro per la terza volta. D'altronde stiamo 1-1! Penso ci scontreremo con il titolo pesi leggeri in palio. Per adesso ha fatto un bel po' di soldi, ma sono sicuro che in un futuro se ne tornerà a parlare.

Una frazione del match che ha visto affrontarsi Conor McGregor e Nate Diaz a UFC 202.

In realtà ci sono stati diversi problemi di comunicazione. Se mi avessero detto: "Conor, sappiamo che avrai un bambino, ma ci chiedevamo se potessi combattere per marzo, con la cintura pesi piuma in palio", io avrei acconsentito senza alcun problema. Sarei stato lieto di gonfiare Holloway, Aldo o chiunque altro. E invece no: hanno creato la cintura ad interim, dando quella da campione indiscusso ad uno che è andato giù in 13 secondi. Mi sono vergognato per loro non appena ho visto il baraccone che hanno tirato su: hanno dovuto creare una farsa per vendere con UFC 206, che ha comunque raccolto risultati di me**a.

Max Holloway affronta Anthony Pettis, nel match che ha regalato al primo la cintura pesi piuma ad interim, a UFC 206.

Dichiarazioni decisamente poco politically correct quelle di Conor McGregor, che tutto sembra meno che esser pronto ad ammainare bandiera bianca nei confronti di alcuni tra i suoi storici rivali. La nuova diatriba legata alla cintura pesi piuma però sembra destinata a far discutere ancora per un po', viste e considerate le precedenti parole dell'irlandese che aveva parlato di un taglio del peso troppo faticoso per rientrare al limite delle 145 libbre. Piccata provocazione o mezza verità? Probabilmente, e ci duole dirlo, la risposta non l'avremo mai.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.