Andy Carroll: "Ho dovuto cercare su Google i nomi dei miei compagni"

Sei anni fa, il poderoso centravanti inglese passava dal Newcastle al Liverpool per una cifra-record, senza avere idea di come si chiamassero i suoi futuri compagni.

Andy Carroll al West Ham

0 commenti

di - | aggiornato

Share

DisneyPlus, un nuovo mondo ti aspetta. Abbonati ora.

Sembra strano, ma Andy Carroll ha solo 28 anni. Sembra strano perché sono passati già sei anni da quel 31 gennaio 2011, giorno in cui passò dal Newcastle al Liverpool in cambio di 42 milioni di euro, diventando il secondo giocatore inglese più pagato della storia alle spalle di Rio Ferdinand. Le cose, per lui, non sono andate troppo bene, visto che nel frattempo non ha mai superato le 9 reti stagionali e ha finito per essere considerato uno dei più grandi flop del calciomercato inglese.

I motivi che hanno concorso alla sua precoce decadenza sono diversi: doti tecniche sopravvalutate, senza dubbio, ma anche una relazione troppo intensa con la bottiglia e una dose massiccia di infortuni. Tuttavia, dopo la chiacchierata con Jamie Redknapp sulle pagine del Daily Mail, possiamo aggiungere un altro elemento: allo spilungone il calcio non piace. E non ne sa molto. A tal punto che, il giorno della sua firma per il Liverpool, fu costretto a cercare su Google i nomi dei suoi prossimi compagni di squadra:

Stavamo per atterrare a Melwood (il quartier generale dei Reds, ndr) con l'elicottero e ho dovuto consultare Google per scoprire quali giocatori c'erano al Liverpool. Avrei firmato da lì a poco il contratto con il mio nuovo club e non avevo idea di chi vi giocasse! Certo, conoscevo Stevie (Gerrard, ndr) e qualche altro, ma la maggior parte no.

La strana disposizione di Carroll per il suo lavoro non si è granché modificata nel corso degli anni, nonostante adesso ci metta, se non altro, un po' più di impegno:

Non mi piace per nulla guardare il calcio. I miei genitori guardano la partita in tv, mentre ascoltano la radiocronaca e con il laptop si aggiornano sugli altri risultati! Mentre io non tengo mai accesa la tv, a meno che non sia per i miei amici. Sento i miei compagni al West Ham che discutono di questo e quel giocatore, e io sono lì che mi domando: "Ma di chi stanno parlando?". Altre volte l'allenatore ci parla della squadra avversaria, mentre io mi chiedo: "Chi è quel difensore? Da dove viene?". Ma ultimamente sto cercando di informarmi di più, così posso partecipare anche io alle discussioni coi ragazzi senza che mi prendano in giro. Credono che io sia un tipo bizzarro

Effettivamente. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.