Liga, Alaves-Atletico Madrid 0-0: Simeone rallenta ancora

Il pareggio a reti bianche rallenta la corsa dei Colchoneros verso la vetta alla classifica. Adesso la squadra di Simeone rischia di essere superata dalla Real Sociedad.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Secondo pareggio consecutivo in Liga per l'Atletico Madrid, che nell'insidiosa trasferta in terra basca contro l'Alaves mette un mostra una prestazione ampiamente al di sotto delle aspettative, rallentando la propria rincorsa verso la vetta della classifica. Possono invece avere rimpianti i padroni di casa, che hanno dominato in lungo e in largo andando ripetutamente vicinissimi al possibile gol vittoria

La partita

Il match è bloccato sin dalle prime battute di gioco. L'Alaves gestisce il possesso palla mentre l'Atletico è arroccato in difesa, pronto a sfruttare le veloci ripartenze di Gameiro e Griezmann. Al 30' la prima vera occasione capita sulla testa di Laguardia che, dall'altezza del dischetto del rigore, colpisce in pieno la traversa. L'episodio non scuote minimamente i Colchoneros, anzi, rafforza le convinzioni dei padroni di casa che continuano ad attaccare alla ricerca dell'occasione favorevole. 

La ripresa

Il secondo tempo segue la falsariga del primo, con l'Alaves a impostare il gioco e l'Atletico Madrid impegnato a respingere gli attacchi. Tra il 50' e il 65' gli uomini di Simeone rischiano con Camarasa e Deyverson vicinissimi al vantaggio in almeno 3 occasioni. I loro tiri, per quanto imprecisi, spaventano la difesa ospite, che sembra essere sul punto di crollare da un momento all'altro. Al contrario di quanto ci si aspetti però, il finale di partita non regala nessuna emozione e dopo quasi 5 minuti di recupero l'arbitro decreta la fine. 

Il pareggio smuove appena la classifica dell'Atletico Madrid, che potrebbe scivolare al quinto posto in classifica nel caso la Real Sociedad riuscisse a vincere al Bernabeu contro il Real Madrid. Dalla prossima partita contro il Leganes servirà un immediato cambio di rotta. L'Alalves, invece, si allontana - anche se di poco - dalla zona retrocessione. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.