Italiani d'Eurolega: Datome non si ferma, Gentile non trova il canestro

Il capitano azzurro batte in rimonta il Galatasaray e si prende il derby turco. Ale chiude senza segnare, mentre il Mago vince ma è condizionato dai falli. Ancora KO Melli.

Gentile chiude senza segnare

42 condivisioni 0 commenti

di

Share

Settimana da stakanovista per i giocatori italiani impegni in Eurolega. A nemmeno 48 ore dal turno precedente, infatti, i nostri azzurri sono tornati in campo per la ventesima giornata. A portare a casa la vittoria sono stati Datome e Bargnani. Il capitano azzurro è stato tra i protagonisti della grande rimonta nel derby col Galatasaray, mentre il Mago è stato limitato dai falli nella partita col Barça. Sconfitti, invece, Gentile e Melli. Il primo ha chiuso senza segnare; il secondo è stato il miglior realizzatore dei tedeschi, ma non è bastato contro l'Oly. Andiamo ad analizzare più da vicino le prestazioni dei giocatori italiani.

Luigi Datome (Fenerbahce)

La gioia di Datome e compagni

Il Fenerbahce vince in rimonta 85-80 il derby di Istanbul contro il Galatasaray e trova il terzo successo consecutivo. Partita da gregario di lusso per Gigi Datome, che lascia a Vesely, Dixon e Bogdanovic il ruolo di protagonista. Gigi aiuta la squadra nelle piccole cose, dalle difese asfissianti ai rimbalzi, facendosi trovare sempre e comunque pronto. Dopo la grande rimonta di squadra, è proprio un canestro in penetrazione di Gigi ad impattare il match sul 72 pari. Nel finale, poi, non trema la mano per i tiri liberi che mettono al sicuro il risultato. Continua quindi il periodo positivo del capitano azzurro che, coi suoi 16.2 punti di media, si conferma tra i migliori del Fenerbahce nelle ultime cinque partite.

Gigi chiude la partita con 14 punti (3/4 da 2 e 2/5 da 3 punti), 6 rimbalzi, un assist e una palla recuperata in 30 minuti di gioco.

VOTO: 7,5

Alessandro Gentile (Panathinaikos)

Ancora una serata sfortunata per Alessandro Gentile

Il Panathinaikos torna sconfitto da Belgrado, dove a vincere è la Stella Rossa che si impone 72-66. Ancora una volta Alessandro Gentile fatica a rendersi protagonista del match e chiude la partita senza segnare nemmeno un punto. Rispetto alla partita di 48 ore prima contro il Barcellona, però, Alessandro non si incaponisce sul tiro e anzi cerca di mettersi al servizio della squadra cercando dare una mano, soprattutto a rimbalzo. Nonostante un minutaggio limitato, la sua rimane comunque una partita sotto il livello della sufficienza. Si sa, cambiare squadra a metà stagione è dura e Ale avrà bisogno di altro tempo per diventare un giocatore fondamentale del Panathinaikos.

Gentile termina la partita senza trovare il canestro (0/2 da 2 punti), ma con 6 rimbalzi, 2 assist e 3 palle perse in 11 minuti.

VOTO: 5

Andrea Bargnani (Baskonia)

Andrea Bargnani impegnato in un tagliafuori al limite

Il Baskonia, dopo tre sconfitte consecutive, torna a vincere espugnando il campo del Barcellona per 93-79. Andrea Bargnani ancora una volta non riesce a imporre il suo gioco, rimanendo in campo poco meno di 10 minuti. Questa volta a limitare il suo minutaggio non è coach Alonso ma lo stesso Andrea: nel secondo periodo commette due falli in poco meno di due minuti, facendo seguire subito un fallo tecnico. Nell'ultimo periodo poi, col Baskonia già a +20, commette gli ultimi due falli che decretano la fine della sua partita. Un peccato per il Mago che aveva iniziato con 5 punti importanti in avvio di partita. 

Bargnani finisce con 6 punti (1/4 da 2 e 1/1 da 3 punti) e 5 falli in 9'.

VOTO: 5

Nicolò Melli (Bamberg)

Melli al tiro contro Papanikolaou

Quarta sconfitta consecutiva per il Bamberg di Andrea Trinchieri che, al Pireo, si arrende 83-77 contro l'Olympiacos. Ancora una volta non basta una buona prestazione di Nicolò Melli ai tedeschi per portare a casa la vittoria. Dopo un primo tempo anonimo, Nicolò, si scatena nella seconda metà della partita, chiudendo da miglior realizzatore del Bamberg, pur sbagliando qualcosa di troppo al tiro. Segna comunque canestri importantissimi, che tengono in partita il Bamberg in più riprese, come la bomba del -3 (69-66) a 5 minuti dalla fine. 

A fine partita, il tabellino di Melli dice 14 punti (4/8 da 2 e 1/3 da 3 punti), 4 rimbalzi e una palla recuperata in 26 minuti di gioco.

VOTO: 6,5

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.