Coppa d'Africa, il Burkina Faso vola in semifinale: 2-0 alla Tunisia

E adesso è storia: il Burkina Faso vola in semifinale. Tunisia eliminata, 2-0 giusto. Kasperczak esce ancora contro la sua bestia nera, proprio come nel 1998.

1k condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

L’Africa chiama, i suoi figli rispondono. Adesso la festa in Gabon entra nel vivo: dentro o fuori, nessuna alternativa. Perché questo continente cerca il suo nuovo padrone. E allora via con i quarti i finale. Da una parte il Burkina Faso, dall’altra la Tunisia. Kick-off, via: la storia inizia. Ora il livello si alza, lo sa bene la selezione di Duarte. E la storia si ripete, come nel 1998: gli Stalloni nel finale segnano due gol. Prima la leggenda nazionale Bance, poi il prodigio Nakoulma. E il Burkina Faso vola dritto in semifinale. Già, come nel 1998, quando Kasperczak fu eliminato ai quarti proprio dal Burkina Fasu. E ora il sogno di una squadra si trasforma in quello di un popolo intero.

Che festa

Facce rilassate. Mente libera. Perché queste due formazioni la loro impresa l'hanno già scritta. E così la festa comincia. Le note degli inni pompano sangue e passione nelle vene. Tutti in forma dal punto di vista fisico. Tanti raddoppi. Il film della partita è subito veloce. I giri del motore sono alti. Il tema è servito: i tunisini pensano, quelli del Burkina Faso stringono le maglie e ripartono. E lo fanno grazie alle loro frecce. Limitando anche la fantasia dei trequartisti tunisini. Ma la bilancia delle occasioni, nel primo tempo, rimarrà stabile. Le squadre si spartiscono le occasioni. E la prima vera emozione capita allo scoccare del quarto d'ora, in virtù di una sanguinosa palla persa dalla Tunisia: Traore libera Nakoulma, ma la palla termina alta. Brivido per le Aquile, che però riprendono il volo. Al 17' Khenissi disegna un bel cross, Msakni impatta: nulla di fatto, fuori. Il Burkina Faso, però, dimostra di essere la sorpresa della manifestazione. Lotta, si apre ed emoziona.

Ah, poi c'è un duello nella sfida: quello tra Abdennour e Traore. Il centrale del Valencia viene spostato a sinistra apposta per contenere l'attaccante di proprietà del Chelsea. Risultato? Beh, nel primo tempo Abdennour suda. Si fa ammonire, e poco dopo è imitato dal compagno di linea Yousseff. Doppio giallo per la squadra di Kasperczak. E allora la sofferenza inizia. Traore pizzica la traversa dopo i numeri da circo di Nakoulma: quest'ultimo il migliore in campo fin qui. Intanto le Aquile riprendono a volare. Lo fanno con uno schema su punizione: palla rasoterra e tiro arrotato di Ben Amor soffiato fuori da Koffi. Poi iniziano le storie tese nell'area di rigore degli Stalloni: palla spizzata da Abdennour ma Yacoubi non ci arriva. Si accendono le scintille: scaramucce, ma l'arbitro spegne il parapiglia.

La ripresa

Se lo chiedono tutti: ma Abdennour riuscirà ancora a contenere Traore. Intanto rimangono i buchi nella linea difensiva tunisina. Il Burkina ricomnincia forte, spinto dall'onda di passione dei suoi tifosi. Un'orchesta quasi in tribuna. Nakoulma e i suoi compagni di banco offensivi infiammano il match. Sgommano. Capiscono le lacune tunisine. E cambia anche la trama del match: perché le Aquile palleggiano meno. Così i sogni dei ragazzi di Duarte, piano piano, si trasformano nei sogni di un intero popolo. Brividi e speranze s'intrecciano, come al 61': quando Kone spreca di testa un ottimo cross da maglia bianca. Anche se fino al 70' di occasioni ce ne sono ben poche. Regna l'equilibrio. Il continente è sulle spine. Nessuna delle due formazioni meriterebbe di uscire. 

Il primo cambio di Kasperczak è una scelta forte: fuori Khazri, l'uomo con più qualità. Che la prende male. Perché doveva essere la sua occasione. Il giocatore del Sunderland lascia il campo e viene rilevato da Lahmar. Poi, ad un quarto d'ora dalla fine c'è spazio per la leggende degli Stalloni. La curva del Burkina Faso si scalda: entra Bance. I bianchi si scuotono nella psiche, attaccano a pieno organico. E l'uomo del destino è proprio lui, Bance. Roba incredibile, punizione a due: bomba rasoterra in sacco. Colpevole il portiere tunisino. Ma la storia è scritta. Siamo a 10 dalla fine. Burkina in vantaggio. Poi Aristide colpisce addirittura un palo, pochi secondi dopo il gol. Di tutto e di più nel finale. La Tunisia batte l'angolo della preghiera, Nakoulma sgomma in contropiede, supera il portiere avversario e puccia la sfera in rete. 2-0. Adesso è storia, quella che si ripete: come nel 1998 il Burkina Faso estromette la Tunisia. Che mazzata, ma che spettacolo. Il Burkina Faso vola in semifinale della Coppa d'Africa.

 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.