Serie A, le 5 cose da sapere sulla 22esima giornata

Dalla lotta a distanza tra Juventus e Roma per lo scudetto, a quella ravvicinata per la salvezza tra Crotone ed Empoli: ecco tutti i temi della terza giornata di ritorno.

L'attaccante della Juventus, Paulo Dybala

119 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Terza giornata di ritorno della Serie A. Il calendario propone una doppia sfida interessante già a partire dal sabato, con la Lazio che ospita un Chievo in crisi e l'Inter che - sulla carta - non dovrebbe aver grossi problemi ad avere la meglio del Pescara. Ma i piatti forti arrivano la domenica, a cominciare dal lunch match tra Atalanta e Torino, le cenerentole di questo campionato. Nel pomeriggio fari puntati sulle trasferte di Juventus e Roma, rispettivamente a Modena e Genova. Ricco di insidie anche il viaggio del Milan in Friuli. E poi c'è lo scontro salvezza tra Crotone ed Empoli. La giornata si chiude al San Paolo, con il Palermo del nuovo arrivato Diego Lopez che proverà a mettere in crisi il Napoli di Sarri.

La Juve è tornata

Due vittorie in una settimana. Che potrebbero diventare tre in caso di successo al Mapei Stadium. Non c'è miglior medicina al mal di vittorie per una squadra che non sa fare altro che vincere. La parentesi contro la Fiorentina è stata subito chiusa con la doppietta Lazio e Milan. Entrambe chiuse dopo 20 minuti dall'inizio della gara. Merito del Dybala ritrovato - e mascherato - che segna e fa segnare. Il talento argentino è tornato al meglio della condizione, se ne sono accorte le difese biancocelesti e rossonere. Adesso toccherà a Di Francesco studiare qualche mossa per arginare un potenziale offensivo che non conosce confronti in Serie A.

Lotta per il secondo posto

E se la Juventus ha ricominciato a correre, Roma e Napoli non hanno mai smesso di farlo. I giallorossi hanno vinto le ultime quattro di campionato, mentre gli azzurri da quando è arrivato il nuovo anno non ha sbagliato un colpo. Domenica l'impresa più ardua sarà per i ragazzi di Spalletti: la trasferta di Genova contro la Samp non sarà una passeggiata, anche se Giampaolo&Co. non vincono da oltre un mese. Assolutamente più abbordabile il compito degli uomini di Sarri, che ospiteranno il nuovo Palermo di Lopez. Dopo le dimissioni di Corini, i rosanero sperano nel cambio di panchina per dare una scossa all'ambiente.

E il Milan?

Al netto della partita da recuperare contro il Bologna, nelle ultime cinque partite i ragazzi di Montella hanno battuto solo il Cagliari con il più risicato dei risultati. Per il resto si leggono due pareggi (Torino e Atalanta) e due sconfitte (Roma e Napoli). Evidentemente la dimensione del Milan è questa. L'eliminazione dalla Coppa Italia per mano della Juventus non deve far perdere la rotta ai rossoneri, ancora pienamente in lotta per la corsa all'Europa. E chissà che l'arrivo di Deulofeu non possa aiutare l'aeroplanino a spiccare nuovamente il volo. La trasferta è di quelle che storicamente non aiutano. Il Friuli - ora Dacia Arena - non porta bene al Milan. La sorte, un avversario in più per Bacca e compagni.

Sfida tra cenerentole

Sono state elogiate dagli addetti ai lavori per tutto il girone d'andata. Così come sono stati elogiati i due allenatori: da una parte il maestro Gasperini, dall'altra il vulcanico Mihajlovic. Le facce della stessa medaglia. Quella con su scritto che il lavoro paga, sempre. E se le chiamate sorprese del campionato non gli fate un complimento e, tanto meno, non aspettatevi ringraziamenti. Domenica all'ora di pranzo lo spettacolo è assicurato. E anche i duelli: dagli amici Conti e Barreca, ai numeri 10 Ljajic e Gomez. Al centro dell'attacco i due spavaldi italiani: Belotti contro Petagna.

Adesso o mai più

Si chiama ultima spiaggia. E nessun termine potrebbe essere più azzeccato. Il Crotone ospita l'Empoli e, nonostante siamo solo alla 22esima giornata, si tratta già di una sfida decisiva. Sono 11 i punti che separano le due squadre e, una sconfitta da parte dei calabresi, vorrebbe dire retrocessione. Non aritmetica certo, ma raramente abbiamo assistito a miracoli in coda. Ecco perché il buon Nicola dovrà fare carte false pur di ottenere i tre punti, sapendo che le altre due lì in fondo, se la vedranno con Inter e Napoli.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.