Liverpool, Gerrard e il nuovo lavoro: "Sono eccitato e nervoso"

L'ex capitano del Liverpool si confessa alla vigilia dell'ingresso all'Academy: "Non vedo l'ora di cominciare". E su Coutinho che ha appena rinnovato: "Fa cose magiche".

0 commenti

di - | aggiornato

Share

L'accordo è stato raggiunto una settimana fa, ma il lavoro comincerà fra qualche giorno, all'inizio di febbraio. Intanto Steven Gerrard si aggira fra corridoi, uffici e campi dell'Academy del Liverpool, riprende confidenza con un ambiente che, in fondo non aveva mai abbandonato.

Da quando è tornato in Inghilterra, Steven Gerrard segue tutti i match del Liverpool

Terminata la breve esperienza americana, Steven aveva dato l'addio al calcio e, tornato in Inghilterra, annusava l'aria e cercava un modo per cominciare a capire come ritagliarsi una carriera da tecnico-manager. Prima di Natale l'Mk Dons gli aveva offerto la panchina, ma a quel punto al Liverpool hanno capito che dovevano muoversi. Non potevano lasciarsi scappare il suo patrimonio di sapienza tattica, tecnica ma anche di "liverpoolitudine" che avevano edificato insieme in 28 anni.

Gerrard prende confidenza con la struttura dell'Academy del Liverpool

L'hanno chiamato e gli hanno offerto un ruolo importante nella formazione dei giovani dell'Academy, un modo per ringraziarlo e offrirgli una possibilità di sviluppare la carriera, ma anche per tenerlo in casa e monitorarne la crescita. Un trattamento e un privilegio mica da tutti: se bandiere come Ryan Giggs e Javier Zanetti sono passati dal campo alla panchina o alla scrivania, altri come Maldini o Del Piero non sono più transitati per Milanello e Vinovo, imboccando percorsi e ruggini differenti.

Gerrard, che al Liverpool è arrivato all'età di sette anni e se ne è andato a 35, con 11 trofei in bacheca - fra cui una Champions League, una Coppa Uefa e due Supercoppe europee - non vede l'ora di cominciare la sua nuova avventura ma, al tempo stesso, ha voluto chiarire a BBC Sport:

Naturalmente fra me e il Liverpool c'è e ci sarà sempre un legame forte. Ma se fossi tornato per ragioni emotive o sentimentali avrei fatto una scelta sbagliata. Il Liverpool mi aiuterà a crescere, ma io mi impegnerò in questo nuovo ruolo e lavorerò duramente.

Come se qualcuno potesse dubitarne. Ma intanto si avvicina il primo giorno di lavoro:

Sì, e sinceramente non vedo l'ora di cominciare. Sono davvero molto eccitato, ma allo stesso tempo sono anche un po' nervoso e in ansia perché è un ruolo nuovo di zecca per me.

Chi è più in forma? Gerrard insieme a John Terry in un'immagine postata su Instagram

E al Mirror, che gli chiedeva che cosa pensasse del rinnovo di Coutinho, che col nuovo accordo fino al 2022 è diventato il giocatore più pagato del Liverpool, Gerrard ha risposto:

Lo conosco molto bene, siamo stati compagni di squadra: è cresciuto molto e ora è un calciatore fenomenale che con la palla sa fare magie. Ora è un giocatore intorno al quale si può costruire una squadra.

Gerrard e Coutinho sono stati compagni di squadra nel Liverpool

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.