Osasuna-Malaga 1-1, tutto nel finale: ma il punto non serve a nessuno

Entrambi i gol arrivano nel quarto d'ora finale: al vantaggio dei navarri con Causic risponde per gli andalusi Camacho. I Rojillos non vincono ormai da 12 gare.

107 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

L'Osasuna sfiora il ritorno alla vittoria, il Malaga limita i danni. Ma la verità è che l'1-1 di El Sadar serve poco a entrambe le formazioni. Tra i navarri di Pamplona e i Boquerones termina come all'andata, ma stavolta succede tutto nel quarto d'ora finale: al vantaggio rojillo di Causic risponde poco dopo l'andaluso Camacho. Gli uomini di Marcelo Romero salgono così a 22 punti, agganciando momentaneamente il Betis al 13° posto di Liga: prosegue così una striscia di sei gare senza successi. L'Osasuna agguanta invece a 10 punti il Granada, eguagliando il proprio record negativo di 12 partite consecutive senza i tre punti: per la squadra di Petar Vasiljevic la salvezza rimane un miraggio.

Michael Santos, Mario santo

Fin dalle prime battute, i ruoli delle due squadre sono ben definiti. L'Osasuna risponde alla legge del vorrei, ma non posso: la grinta c'è, la qualità e la precisione (come dimostra il tentativo fallito da Riera) molto meno. Il Malaga è votato al principe contrario: potrei, ma non voglio. O meglio, non ci riesco. A fare cosa? A concretizzare le buone occasioni create dagli uomini di Romero. Innanzitutto la doppia chance capitata al 7' dalla coppia Juanpi e Chory Castro, seguita dal destro alto di Sergio Leon e dal debole tuffo di testa ancora di Juanpi. Ma è al 18' che accade il "fattaccio" del primo tempo bianco-azzurro.

I protagonisti sono Michael Santos, da una parte, e Mario Fernandez dall'altra. Quest'ultimo, numero uno dei navarri, stende rovinosamente in area la punta uruguaiana: il calcio di rigore è inevitabile. Peccato però per i Boquerones che il portiere classe '88 trova il modo di riscattarsi, respingendo il destro a incrociare di Santos. L'attaccante 23enne impegnerà ancora Fernandez con una conclusione in diagonale alla mezz'ora, ma subito dopo sarà Luis Hernandez (appena arrivato dal Leicester) a rimpiangere di non aver angolato troppo un colpo di testa davvero ravvicinato.

Botta e risposta nel finale

Per esplodere definitivamente, la partita dovrà aspettare il quarto d'ora finale. Per la prima mezz'ora della ripresa, sono i padroni di casa a tentare più volte la via del gol. Su tutti Sergio Leon, capace di impensierire la porta di Kameni due volte in un solo minuto. Nessuna sorpresa, insomma, quando al 76' i Rojillos trovano il vantaggio. Vasiljevic indovina la mossa De Las Cuevas, perché è dal neo-entrato che parte il cross morbido per Kodro: il numero 19 controlla indisturbato in area piccola e serve all'indietro per l'accorrente Goran Causic. Il serbo non sbaglia e festeggia la prima rete in Liga (e la prima dell'Osasuna non realizzata fin qui da giocatori spagnoli): una bella "vendetta", dopo aver visto il suo naso sanguinare copiosamente per una gomitata di Keko.

L'Osasuna accarezza la prospettiva della seconda vittoria in campionato, ma il sogno a occhio aperti dura molto poco: minuto 80, il fallo laterale di Hernandez è un vero e proprio cross per Ignacio Camacho, che di testa anticipa un avventato Fernandez e sigla il suo quarto centro stagionale. È la sentenza su un match che assegna un punto inutile per entrambe.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.