UFC, Ferguson: "Quella pu**ana di McGregor non difenderà mai la cintura"

Parole poco lusinghiere quelle di Tony Ferguson nei confronti di McGregor. El Cucuy, pronto ad affrontare Khabib Nurmagomedov a UFC 209, scalda da subito l'ambiente.

Ferguson UFC Copyright: MMA Fighting

207 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Non saranno baci e abbracci tra Conor McGregor e Tony Ferguson qualora quest'ultimo venisse incoronato nuovo campione ad interim dei pesi leggeri. Non che in UFC ci siano stati molti match-up pacifici negli ultimi tempi, considerate le dichiarazioni volate a cavallo degli ultimi eventi.

Vista e considerata la recente ufficializzazione del match che lo vedrà opposto a Khabib Nurmagomedov, Tony Ferguson si sta attualmente preparando ad affrontare quello che ha tutta l'aria di essere l'incontro più importante della sua carriera. Chi vincerà tra i due contendenti potrà infatti provare a spodestare Conor McGregor dal ruolo di re delle 155 libbre. Ciò nonostante, El Cucuy non crede che l'irlandese avrà mai modo di difendere il titolo recentemente conquistato a UFC 205 - come confermato ai microfoni di ESPN -, visto e considerato il trend poco incoraggiante mantenuto in tal senso da Notorius sia nel Cage Warriors che in UFC.

Conor McGregor sta continuando a scappare. A dir la verità, non credo difenderà mai la sua cintura. L'unico match importante è quello tra me e Khabib. Parliamo di due ragazzi dalle strisce positive incredibili, ma nonostante ciò a UFC 209 ci troveremo a combattere per la cintura ad interim! Questo lo trovo veramente ingiusto, credo che un incontro così dovrebbe farsi con in palio il titolo effettivo. Sono un po' inca**ato. Come detto, non credo che quella pu**ana di McGregor difenderà la cintura. Quando tornerà, il titolo gli verrà strappato di dosso, e quando deciderà di provare a riprenderselo lo prenderò personalmente a calci in c**o.

Mai banale nelle sue dichiarazioni Ferguson, che d'altronde di peli sulla lingua ne ha sempre avuti pochi. Per far sì che i suoi piani si realizzino però bisognerà che porti dapprima la vittoria a casa contro l'ancora imbattuto Khabib Nurmagomedov, che tutto sembra meno che pronto ad alzare bandiera bianca senza dare battaglia. Chi venderà dunque più cara la pelle avrà modo e occasione di fermare Conor McGregor, che dal canto proprio continua a ignorare tutte le diatribe legate ai due contendenti, preferendo di gran lunga godersi l'evolversi della situazione nel ruolo di semplice spettatore.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.