Barcellona, da fuori rosa a titolare con gol: riecco Aleix Vidal

Il gol del terzino blaugrana al Las Palmas potrebbe aprire una nuova fase della sua carriera. Luis Enrique: "Sono contento, ha dimostrato che avevo torto".

2k condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

In panchina Luis Enrique sorride e mormora qualcosa facendo ben attenzione a mettersi la mano davanti la bocca. Dietro di lui ci sono Busquets, Luis Suárez e Neymar che invece non prestano la stessa attenzione e se la ridono allegramente. È questa la reazione del Barcellona al gol di Aleix Vidal contro il Las Palmas, il quinto e ultimo della partita dei catalani: una bella azione, iniziata dallo stesso terzino destro e confezionata in partnership con Paco Alcácer.

Ma a prescindere dal valore ai fini del risultato, ai giocatori del Barça fa piacere che quella rete l'abbia segnata proprio lui, l'emarginato per eccellenza di questa parte di stagione. Prima della partita con il Las Palmas, in Liga aveva giocato solo alla terza giornata contro l'Alavés: poi in campionato ha collezionato 4 panchine e 12 tribune, solo 2 per problemi fisici, 10 per scelta tecnica.

Carpe diem

Alla sua seconda opportunità arrivata a distanza di 126 giorni dall'ultima (partite di Copa del Rey contro l'Hércules escluse), l'ex Siviglia pagato 17 milioni nell'estate 2015 ha saputo sfruttare al meglio l'occasione. E Luis Enrique non può far altro che mettere in evidenza la sua prestazione di alto livello.

Credo che la squadra ne esca rafforzata da questa partita, così come è stato confermato che abbiamo bisogno di tutti. Un giocatore come Aleix Vidal, ha dimostrato quanto di buono fatto fatto negli ultimi mesi e adesso è pronto per giocare. Ha dimostrato che l'allenatore aveva torto. Lui è il giocatore che è stato impiegato di meno dopo Masip, ma fisicamente è un portento. Il suo ritmo è stato così alto per la sua condizione di base. Ha fatto davvero un'ottima prestazione.

E quel gol per Lucho non è certo una sorpresa:

Quelli del Barcellona sono terzini "falsi". Sia Aleix Vidal che Sergi Roberto sanno fare meglio la fase offensiva di quella difensiva, dove hanno qualcosa da migliorare perché di fatto sono adattati al ruolo. Fa parte della filosofia di questo club e quindi è normale che abbia fatto gol, è nel suo bagaglio tecnico. Lo vediamo sempre in allenamento e lo abbiamo visto anche in partita.

Sliding doors

Ha coronato così un giorno speciale, Aleix, cominciato con l'ingresso in campo della piccola Chloe, sua figlia, che ha anche partecipato alla foto di rito della squadra prima della partita. Era ovviamente in braccio al papà, impegnata in un pianto a dirotto che ha fatto sorridere tutti i giocatori blaugrana.

Non immaginava, la piccola Chloe, che quel sostegno (anche se mostrato a modo tutto suo) sarebbe stato fondamentale, sicuramente di buon auspicio, per la prestazione del padre, tornato al gol dopo quasi due anni d'astinenza (l'ultima volta nel maggio 2015 con la maglia del Siviglia).

Ovvio dunque che l'esultanza sia stata molto sentita e festeggiata da tutti, dal terzino destro in primis, che si è preso gli applausi del pubblico al quale ha mostrato il suo nome e il simbolo del Barça sul petto. Nel giorno stesso in cui Srna, obiettivo di mercato blaugrana, ha assicurato che resterà allo Shakhtar Donetsk, insomma, questa prestazione con gol potrebbe significare davvero un nuovo inizio per la sua avventura al Barcellona. Una sliding door che potrebbe cambiare il corso della sua carriera.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.