Premier League, Chelsea: Mourinho e le rescissioni dorate

Tra il 2007 e il 2015 lo Special One ha guadagnato dal Chelsea ben 35 milioni di euro solo per aver rescisso i suoi contratti. E intanto i Blues vanno in rosso.

I prezzi delle rescissioni di Mourinho e il suo staff

426 condivisioni 0 commenti

di

Share

Nonostante i flop nelle due ultime esperienze alla guida del Chelsea, José Mourinho non è uscito a mani vuote da Stamford Bridge. Le due risoluzioni contrattuali del 2007 e del 2015 - si legge sul Daily Mail - hanno permesso al portoghese di incassare una discreta somma, per usare un eufemismo: 31.4 milioni di sterline, circa 36 milioni di euro. Come emerso dal bilancio del 30 giugno 2016, solo per la rescissione arrivata a dicembre 2015 - che portò all'arrivo di Hiddink -, i Blues hanno dovuto sborsare 8.3 milioni di sterline. Vi sembrano tante? Aspettate. Molto più redditizia per lo Special One e il suo staff - composto da Rui Faria, Silvino Louro, Jose Morais e Carlos Lalin - è stata la rescissione del 2007: in quell'occasione il patron Abramovich ha speso la bellezza di 23 milioni di sterline.

La rescissione del contratto di Mourinho non è stata l'unica in casa Blues nella scorsa stagione. Il Chelsea ha dovuto pagare 67 milioni di sterline per rescindere con sei anni d'anticipo il contratto con l'Adidas e firmare un nuovo contratto di sponsorizzazione (più redditizio) con la Nike, che però entrerà in vigore solo dal prossimo anno e che porterà nelle casse del club circa 900 milioni di euro per i prossimi 15 anni.

La buonuscita di Mourinho, assieme alla rottura con l'Adidas, ha contribuito a far precipitare i conti della società di Abramovich: il bilancio della stagione 2015-2016 ha visto un pesante passivo di circa 84,3 milioni di euro nonostante un fatturato record di 393 milioni, superiore a quello della precedente stagione (arrivato a 375 milioni). Chissà se il nuovo accordo con la Nike e soprattutto il ritorno in Champions League - con la squadra di Conte attualmente in testa alla Premier League - aiuteranno a migliorare la situazione.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.