UFC, Garbrandt: "Su Dillashaw aveva ragione McGregor: è un serpente"

Nuovo capitolo della guerra fredda creatasi tra i due ex compagni di team. Cody Garbrandt dà ragione a Conor McGregor su T.J. Dillashaw, un anno dopo la famosa rissa.

Garbrandt UFC 207

188 condivisioni 1 commento 5 stelle

di

Share

Niente da fare, Cody Garbrandt e T.J. Dillashaw non sembrano riuscire a stare più di un giorno senza scambiarsi offese e accuse varie. E pensare che poco più di anno fa, prima che Dillashaw lasciasse il Team Alpha Male per accasarsi al neo-fondato Elevation Fight Team, Garbrandt - all'epoca poco più che un esordiente in UFC - finì addirittura per avere una colluttazione con Conor McGregor, colpevole di aver accusato il compagno di No Love di un tradimento che di lì a poco si sarebbe consumato sotto le cocenti luci dei riflettori made in USA.

Profezie o indiscrezioni?

"Snake in the grass", ovvero una serpe, o in senso figurato una persona viscida e falsa. Così Conor McGregor aveva apostrofato Dillashaw, scatenando le ire del giovane Garbrandt che si diresse subito verso l'irlandese creando un parapiglia di gruppo subito sedato dagli altri membri del The Ultimate Fighter 22 ( i cui head coach erano per l'appunto McGregor ed il fondatore di AM Urijah Faber).

Col senno di poi, Garbrandt ha ammesso di essersi pentito del gesto compiuto, ammettendo quanto ad oggi il suo pensiero corrisponda a quello del Conor di allora. 

Nonostante il presidente UFC Dana White abbia chiarito come lo stesso Dillashaw sarà il prossimo sfidante al titolo pesi gallo recentemente conquistato da Garbrandt, quest'ultimo non sembra assolutamente essere interessato ad affrontare l'ex partner d'allenamento. Come chiarito dal campione nel corso di un intervento a MMA Hour infatti, al momento le aspettative sue e del suo management sembrano più orientate verso un money fight di prestigio.

Ora come ora sono alla ricerca di un match che possa garantirmi quanti più soldi possibile. Se non sbaglio poi José Aldo ha già detto che gli piacerebbe affrontarmi, e dal canto mio mi piacerebbe tastare la resistenza del suo mento. Come ha sottolineato, lui è riuscito a conquistare più vittorie sui miei compagni di team e io vorrei riportare in pari i conti. I possibili incontri da fare sono tanti, non resta che sedersi ad un tavolo con Dana (White, ndr), Sean (Shelby, matchmaker UFC, ndr) e i miei manager per studiare una soluzione che possa farci diventare tutti ricchi sfondati, facendoci portare una barca di soldi a casa.

Got to meet @WWE HOF Wrestler Shawn Michaels on Good Day New York. @ufc #ChinMusic

A photo posted by Cody Garbrandt (@cody_nolove) on

Speranze, boutade e progetti concreti

Nonostante Cody Garbrandt continui a tirare in ballo José Aldo, appare chiaro come ad oggi i piani della promotion pendano verso ben altre parti. Il primo, nonostante le rimostranze, affronterà quasi certamente l'ex compagno di team ed ex campione pesi gallo T.J. Dillashaw in uno scontro fratricida, mentre il brasiliano dovrà necessariamente scontrarsi con il campione ad interim pesi piuma Max Holloway per unificare i due titoli di categoria, essendo stato Aldo promosso a campione indiscusso

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.