Gabbiadini, dopo il gol l'addio al Napoli: i perché di un fallimento

La crisi tra Gabbiadini e il Napoli si trasforma in divorzio: il procuratore dell'attaccante ha detto che andrà via. Bundesliga e Premier League le destinazioni.

Gabbiadini, attaccante del Napoli

267 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Eppure ci aveva provato, Manolo Gabbiadini. Fino all'ultimo, al San Paolo. Gol del pareggio contro la Sampdoria, regalo d'addio per tutta Napoli. Già, si può guardarla da entrambi i lati la situazione dell'attaccante bergamasco. Che adesso. attraverso il suo procuratore, Silvio Pagliari, dice basta:

Per Gabbiadini sistemiamo tutto al massimo la prossima settimana. Ormai la decisione è stata presa d'accordo con il Napoli

Fa male. Una sconfitta generale, e per Napoli soprattutto. Una piazza tanto calda quanto incapace di far esplodere uno dei centravanti più promettenti del panorama italiano. Ma è un concorso di colpe, sia chiaro.

'Gabbia' ne ha avute eccome di opportunità. Eclissato l'anno scorso dal Pipita Higuain - un 'mostro' del gol impossibile da scavalcare, quest'anno Manolo aveva l'occasione perfetta per 'spaccare' il mondo. A suon di tagli, strappi, reti ed esultanze. Quasi mai arrivate. Soltanto 4 autografi nelle 18 presenze totali tra Serie A e Champions League. Pochini, per una squadra che deve insidiare la Juventus.

Poi arriva sabato. Il primo weekend dell'anno nuovo. 2017, sarà un'altra vita. Al San Paolo c'è la Sampdoria. Partita strana. Il Napoli ci capisce poco: sotto fino al 77' del secondo tempo. Quando da cinque minuti è entrato lui: Gabbia. Che subito mette in chiaro le cose: movimento da punta vera, inserimento da rapace e palla in rete. Pareggio. E gol di Manolo. Il Napoli vincerà la partita, ma abbandonerà il suo numero 23. Già, poco importa l'ultimo acuto personale, ormai è finita.

E ora, dove va?

All'estero, lontano dalla pressione italiana. Quella che Gabbiadini sembra non reggere. Ma a delineare lo scenario del bergamasco, è ancora il suo procuratore - intervenuto ieri ai microfoni di Radio Onda Libera:

Se lo vedo meglio in Bundesliga o in Premier League? Andrà in uno dei due campionati. Ha forza, potenza, tecnica: può stare benissimo in entrambi i contesti

Ed ecco le pretendenti: una in Germania, al Wolfsburg. Le altre in Premier League, vedi Southampton e Leicester, ma occhio anche allo Stoke City. In realtà, è proprio la squadra tedesca la più accreditata a percorrere la pista Gabbiadini. L'unica davvero disponibile a sborsare i 20 milioni di euro richiesti dal Napoli. Sì, perché il presidente De Laurentis - che è un oste molto caro con il quale fare i conti - non ha intenzione di svendere Manolo. Anche se il Wolfsburg per ora è interessato solo al prestito. Ma il Napoli o lo vende, o lo vende. Per questo la situazione è da monitorare. Intanto oggi in Coppa Italia Gabbiadini sarà titolare.

Cosa manca a Gabbiadini

Iniziamo con le cose positive. Gabbiadini ha tante qualità. Attacca bene lo spazio, vedi ultimo gol, colpisce bene di testa e lavora tanto in tutte le zone del campo. Taglia, spalleggia e chiama la palla. Bene, quindi: qual è il problema?

A questo attaccante manca il carattere. O meglio: spesso non ha dimostrato di averlo. E poi l'approccio, l'atteggiamento: non sono mica roba da poco, soprattutto per una punta. Perché ogni tanto sorridere serve eccome. Ti rivitalizza, anche in campo.

Pressione

Il Napoli in estate ha perso Higuain e sostituirlo da subito non è parso facile. Sarri nella dispensa aveva comunque una buon attaccante. Gabbiadini era lì, pronto. Poi il mercato ha fatto il suo corso: arriva Milik, che subito la butta dentro. Mertens e Callejon non si toccano. Insomma, poco spazio per Gabbia. Quando un giorno, all'improvviso, il ginocchio del polacco si rompe. E da un problema, nasce un'opportunità.

Occasioni

Milik dal 15 ottobre sparisce. Rotto. La bilancia ora pende dalla parte del bergamasco, che fin lì aveva segnato una sola volta. Ed ecco la chance a Crotone: un'occasione subito sprecata. Colpa di una stupida espulsione: 2 giornate di squalifica. E sarà proprio quello l'inizio della fine di Manolo.

Vota anche tu!

Qual è la destinazione ideale per Gabbiadini?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Sarri allora si spreme le meningi. Sarà tridente leggero: Insigne a sinistra, Callejon a destra e in mezzo Mertens. Sì, il folletto: quello piccolissimo. E il belga farà le fortune del Napoli: un sacco di gol e belle cose. Invece Gabbiadini troverà sempre meno spazio, sbagliando tanto e segnando poco, pochissimo. Fino a sabato: dal gol alla cessione annunciata. Biennio terminato, una strana avventura cominciata col Napoli il primo gennaio del 2015: accompagnata da 24 centri personali in due anni e mezzo, su 78 presenze. Ma adesso comincia il rebus più intricato, quello del mercato. E per risolverlo serviranno almeno 20 milioni.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.