Volley, Serie A1: Ravenna a rischio chiusura?

L'appello è stato lanciato in rete dalla società della Porto Robur Costa. Entro il 20 gennaio servono fondi per proseguire nel massimo campionato nazionale.

Ravenna costretta a abbandonare ancora la serie A1? porto costa facebook

43 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

La Porto Robur Costa chiede aiutoSul sito della società compare un appello.

Ravenna è ricca di Associazioni e Confederazioni, molti privati potrebbero affiancarci sentendosi orgogliosi di partecipare a questo progetto.

La richiesta di supporto prosegue così:

La modalità di sostegno che abbiamo identificato richiede non uno sforzo fine a se stesso, ma una specie di "anticipo" sull’abbonamento dei prossimi 5 anni al prezzo di 1.000 euro. Per la società sarà un peso in quanto non potrà contare sull’incasso degli abbonamenti nei prossimi anni, ma questo sforzo, se la città risponderà, potrà garantire la prosecuzione di questo spettacolo (qui la lettera completa).

Una richiesta che ha anche un termine temporale, il 20 gennaio, e un Iban. Un tentativo che appare disperato, Ravenna rischia di nuovo di perdere la serie A1.

Ravenna e il suo palazzetto di appassionatiPorto Costa facebook

Avrebbe potuto avere un altro epilogo la rinascita del sodalizio che ai tempi del Messaggero, a livello maschile, e Teodora, nel settore femminile, aveva raccolto trofei in Italia e nel mondo: la striscia di successi consecutivi per la Ravenna rosa è ancora un record da sognoSono ben 11 gli Scudetti consecutivi vinti con Sergio Guerra in panchina e 6 le Coppe Italia messe in bacheca. Dal 2003/04 l'addio alla serie A1 per problemi finanziari.

I successi degli uomini iniziano con l'arrivo dei fenomeni americani, alla guida c'è Daniele Ricci: uno Scudetto e 3 Coppe Campioni consecutive. Poi le difficoltà economiche e nel 2000 la cessione del titolo a TrentoNegli ultimi anni Ravenna prova a risalire. L'unione tra alcune realtà locali, l'associazione sportiva Angelo Costa Ravenna e il Robur Ravenna, fa ripartire una prima volta la scalata. Ecco il ritorno nella massima serie, seguito subito dalla retrocessione. La società romagnola è costretta ad acquistare i diritti della Gabeca per restare in A1. Un'altra fusione nel 2013, tra il Porto Ravenna e il Gs Robur Angelo Costa, cerca di far rispolverare i fasti del passato.

Ora a guidare Ravenna in panchina c'è Fabio Soli, secondo nella nazionale femminile di Marco Bonitta. Proprio l'ex coach delle azzurre è tornato nella sua Ravenna con il ruolo di direttore generale. Il successo contro Modena, in casa dei campioni d'Italia, ha suscitato grande clamore. Il sold out tra le mura amiche contro Perugia e due set persi con il minimo scarto hanno fatto capire che la squadra può puntare ai play off: per ora la Bunge in classifica è nona. Ma la lettera sul sito della società sposta l'attenzione degli appassionati romagnoli in altri ambiti. Che futuro attende la gloriosa Ravenna?

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.