Bolt chiama, lo United risponde: ma la presentatrice non ci crede

Alla TV del Manchester United arriva una telefonata. Sorpresa: è Usain Bolt. Il giamaicano si complimenta per l'ultima vittoria, ma la presentatrice non ci crede.

1k condivisioni 0 commenti 4 stelle

di

Share

Sogna il Manchester Unieted e per lui il mercato impazzisce. Perché è lo sportivo dell’anno. Sempre un passo avanti: velocissimo. Perfetto per la fascia. Avanti e indietro. Imprendibile. Uno sprinter, Usain Bolt. Il giamaicano è stato il re di Rio de Janeiro. Giochi stradominati: nove ori in tre Olimpiadi totali. 100 metri sempre polverizzati. E ora dalla pista si passa al campo: quello verde da calcio. Reinventandosi, col pallone tra i piedi. E ci proverà alla corte di Thomas Tuchel, col quale Bolt si allenerà assieme ad Aubameyang e compagni. Ma il sogno, quello vero, restano i Red Devils. Che sono già stati avvisati dal corridore in diretta televisiva, durante una telefonata partita dalla Giamaica verso MUTV. Suscitando l'incredulità della giornalista dello United.

Telefonata

Nel frattempo Mourinho chiude il 2016 col botto. E col batticuore. Perché contro il Middlesbrough è stata una partita pazza. Lo 0-1 firmato Leadbitter sembrava spezzare le gambe ai Red Devils. Ma tra l'85' e l'86' Martial e Pogba hanno ricucito lo strappo vincendo il match. Col il Teatro dei sogni di nuovo vibrante, in una battaglia da diavoli veri, senza mai mollare. E allora il centralino della TV del Manchester, dopo il fischio finale, ha iniziato a squillare senza interruzione. Tanti ascoltatori in linea. Di cui uno speciale: Usain Bolt.

Il fatto

A MUTV arriva una telefonata. La presentatrice, Mandy Henry, introduce così l'ascoltatore collegato:

Benvenuto a Usain Bolt dalla Giamaica. Ma un attimo: lei non è il vero Bolt, il famoso corridore, giusto?

Ma la replica del tifoso in collegamento è 'velocissima':

Sono Usain Bolt, sono Usain Bolt: come ve lo devo dire?

Pazzesco. In studio nessuno ci crede. Ma è proprio lui: il campione olimpico. Che come detto è un super tifoso dello United e sogna di giocare per Mourinho. Anche se nel frattempo si limita solo a dispensare complimenti verso la sua squadra del cuore. Perché la vittoria contro il Boro è stata sensazionale. Da squadra vera: United.

I ragazzi sono stati fantastici. Hanno pressato con perseveranza. Senza mai mollare. E sono davvero orgoglioso di tifare United. Questa è stata una partita top.

Bolt, dopo la telefonata, ha confermato la realtà della sua chiamata attraverso un tweet.

Basta ammettere le proprie colpe per rimediare. E così la presentatrice si è prontamente scusata col corridore. Riconoscendo la reale identità dello sprinter e invitandolo a chiamare ancora lunedì dopo l'importante partita contro il West Ham.

Partita del Manchester United, riposo in Jamaica e qualche fuoco d'artificio. Così Bolt ha dichiarato di aver passato il Capodanno nel corso della sorprendente telefonata. Perché poi, oltre ai 100 metri, si penserà al calcio. E non da tifoso speciale, ma da giocatore vero: magari al servizio dei Red Devils.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.