Premier League: i 10 peggiori acquisti del mercato invernale

Il mercato di riparazione è ormai alle porte anche in Premier League. Scaviamo nel passato e ricordiamo quali sono stati i colpi peggiori degli ultimi anni.

639 condivisioni 0 commenti

di

Share

Avete presente quei giocatori presi nel mercato invernale che riescono a dare la svolta alla stagione ripagando la fiducia del mister e della società? Bene, in questo articolo parleremo dei loro opposti, ovvero di quei giocatori arrivati a gennaio carichi di aspettative che hanno ottenuto risultati parecchio deludenti. Ne abbiamo scelti dieci acquistati da squadre di Premier League che negli ultimi anni hanno lasciato il segno in maniera importante. In negativo, ovviamente.

10. Kim Kallstrom: in prestito dallo Spartak Mosca all'Arsenal - Gennaio 2014

Ultimo giorno del finestra invernale di mercato del 2014. L'Arsenal, secondo in classifica a -1 dal Manchester City (che pochi mesi più tardi vincerà il titolo), è reduce da un pareggio per 2-2 in casa del Southampton e Wenger capisce che alla sua squadra mancano sostanza e forza fisica a centrocampo. Si decide quindi di contattare lo Spartak Mosca per chiedere il prestito con diritto di riscatto fissato a 2 milioni e mezzo di Kim Kallstrom, mediano svedese classe '82 che a Londra era stato forse solo in vacanza con la famiglia. Con i Gunners giocherà solamente tre partite in campionato causa problemi alla schiena ed evidenti limiti tecnici. A fine stagione il riscatto chiaramente non viene esercitato, l'Arsenal finisce al quarto posto e Wenger, stranamente, viene ricoperto dalle critiche. 

Getty Images

9. Jean-Alain Boumsong: 11 milioni di € dal Rangers al Newcastle - Gennaio 2005

Ora a tutti gli juventini devono illuminarsi gli occhi. Perché Jean-Alain Boumsong è stato un "pilastro difensivo" della Vecchia Signora nell'anno della Serie B (chi ha memoria si ricorderà il suo errore che portò Ricchiuti a pareggiare la sfida d'esordio tra Rimini e Juve). Con Deschamps collezionò 33 presenze e due gol nel campionato cadetto, per essere poi ceduto nel gennaio 2008 al Lione. Ma prima di sbarcare nella Torino bianconera l'ex difensore francese è stato il colpo di gennaio del Newcastle nel 2005. Pagato la bellezza di 8 milioni di sterline, fece discretamente bene nella sua prima stagione inglese, salvo poi mostrare tutte le sue debolezze nella stagione 2005/2006. 

Getty Images

8. Michael Ricketts: 5 milioni di € dal Bolton al Middlesbrough - Gennaio 2003

All'ottavo posto di questa classifica troviamo un giocatore che a tanti probabilmente non dirà nulla. Pensate che Michael Ricketts, ex attaccante inglese sul quale anni fa gli esperti puntavano molto, nel giro di 10 anni ha cambiato maglia la bellezza di tredici volte. Una sorta di Nicola Amoruso inglese, per capirci. Tra le sue tante parentesi calcistiche nel gennaio 2003 arrivò il Middlesbrough, che puntò forte su di lui. Ma tre gol in 38 presenze non furono abbastanza e nel luglio 2004 passò a titolo gratuito al Leeds.

Getty Images

7. Juan Cuadrado: 30 milioni di € dalla Fiorentina al Chelsea - Febbraio 2015

L'esterno colombiano, arrivato al Chelsea dalla Viola alla fine del mercato invernale del 2015, in Inghilterra non è mai riuscito ad esprimere il proprio potenziale. Sembra decisamente più adatto a lui il campionato nostrano, dove con Udinese, Lecce, Fiorentina e ora Juventus ha sempre reso al massimo. Peccato che a Londra non abbiamo intravisto nulla, perché parliamo davvero di un signor giocatore.

Getty Images

6. Afonso Alves: 17 milioni di € dall'Heerenveen al Middlesbrough - Gennaio 2008

Ancora il Middlesbrough, signori. Dopo Ricketts, sembra proprio che da quelle parti il mercato di riparazione, più che riparare, faccia più danni della grandine. In questo caso il flop di mercato è un certo Afonso Alves, ex punta centrale brasiliana capace di segnare la bellezza di 45 gol in 39 apparizione in Olanda con l'Heerenveen. Ci siamo dunque, il giocatore è pronto per il grande salto e il Boro è disposto a spendere 17 milioni di euro per assicurarsi i suoi gol. L'inizio non è male, arriva una doppietta contro il Manchester United e una tripletta nel finale di stagione contro il Manchester City. Ma nella stagione successiva segna soltanto quattro gol in Premier e viene ceduto a cuor leggero in Qatar.

Getty Images

5. Christopher Samba: 15 milioni di € dall'Anzhi al QPR - Gennaio 2013

Acquistato nel gennaio del 2013 per ben 15 milioni di euro, Samba doveva aiutare il QPR a risalire la classifica ed evitare la retrocessione. Volete sapere com'è andata a finire? Dieci presenze al centro della difesa, prestazioni horror (su tutte quella nella sconfitta contro il Fulham per 3-2) e QPR retrocesso con 25 punti conquistati. Quando si dice fiuto per gli affari.

Getty Images

4. Kostas Mitroglou: 15 milioni di € dall'Olympiacos al Fulham - Gennaio 2014

Ah, il Fulham. Dopo anni passati saldamente in Premier League (tredici consecutivi per l'esattezza), nella stagione 2013/2014 l'incubo Championship sembra più concreto che mai. Per cercare di evitare il peggio alla fine del mercato di riparazione la squadra londinese spende 15 milioni per garantirsi il bomber greco Mitroglou, pronto a sfondare nel calcio che conta. Peccato che sia per lui, sia per la storica squadra inglese le cose vadano male, malissimo. Vedrà il campo solo tre volte senza segnare, il Fulham retrocederà e lui tornerà in prestito all'Olympiacos ad agosto. Un matrimonio che non s'aveva da fare.

Getty Images

3. Savio Nsereko: 8,5 milioni di € dal Brescia al West Ham - Gennaio 2009

Tifosi del Brescia, vi ricordare del giovane Savio Nsereko, transitato dalle vostre parti dal 2005 al 2009? Se sì, vi ricorderete certamente che la sua cessione portò nelle casse del club del compianto Corioni una bella somma. Per quanto riguarda il centrocampista ugandese classe '89, il suo passaggio al West Ham si rivelò un flop. Dopo 10 partite con gli Hammers, Nsereko passò alla Fiorentina dove non trovò spazio e da lì iniziò un giro di prestiti infinito alle squadre più disparate durato fino al 2013. 

Getty Images

2. Fernando Torres: 58 milioni di € dal Liverpool al Chelsea - Gennaio 2011

Eccolo, il flop di mercato del decennio. Sembra passata una vita da quando il Chelsea allenato da Carlo Ancelotti decise di spendere quasi 60 milioni per accaparrarsi uno dei migliori centravanti europei, quel Niño Torres capace di segnare 65 gol in 102 presenze in Premier con la maglia Liverpool. Causa un brutto infortunio al ginocchio destro, nel finale della sua esperienza con i Reds non sembra più lui. Sceglie così di provare a ritrovarsi con i Blues, ma la sua esperienza a Londra è fatta da molti bassi e pochi alti. 45 gol in 142 presenze tra tutte le competizioni non sono comunque numeri da buttare, ma le premesse erano altre. Il passaggio al Milan, poi, fu un disastro su tutta la linea.

Getty Images

1. Andy Carroll: 41 milioni di € dal Newcastle al Liverpool - Gennaio 2011

Al primo posto di questa classifica un altro flop di mercato del gennaio 2011 che probabilmente verrà ricordato come il mercato dei flop. Il giocatore in questo caso è Andy Carroll, ai tempi 22enne pieno di speranze capace di segnare 31 gol in 76 presenze al Newcastle. Il suo passaggio al Liverpool venne accolto con grande entusiasmo dai tifosi Reds, vogliosi di tornare a vincere il titolo dopo tanti anni. Addirittura fu il secondo inglese più pagato di sempre dopo Rio Ferdinand. I presupposti per fare bene c'erano tutti, peccato però che dopo un anno e mezzo costellato da qualche infortunio e da scarsa continuità l'ex Newcastle passò al West Ham, lasciando pochi ricordi dalle parti di Anfield e segnando solo 6 gol in 44 presenze.

Getty Images

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.