Real Madrid, Inter e Milan sono i club europei più popolari in Cina

Il calcio in Cina avanza a passi da gigante e la Serie A, per una volta, non si fa cogliere impreparata: i due club milanesi sono i più popolari dopo il Real Madrid.

Inter Cina

535 condivisioni 0 commenti

di

Share

Fino a qualche mese fa il campionato di calcio cinese era considerato con sufficienza, una specie di cimitero degli elefanti, una Florida d'Oriente pronta ad accogliere a braccia, e soprattutto borse, aperte i campioni europei e sudamericani sul viale del tramonto, che si godevano a Shanghai o a Guangzhou la loro meritata pensione dorata.

Ezequiel Lavezzi è in Cina dall'inverno scorso

Ma il primo a guardare oltre i sorrisini ironici era stato il manager dell'Arsenal Arsène Wenger che, un anno fa, dopo gli acquisti cinesi di Gervinho, Guarin e Lavezzi, aveva lanciato l'allarme:

Credo che dovremmo cominciare a preoccuparci: i cinesi hanno i mezzi economici per saccheggiarci.

Nella scorsa sessione invernale di mercato, infatti, il campionato cinese aveva speso più di tutti gli altri: 275 milioni, davanti alla Premier League con 247 e alla Serie A con 89. Poi è arrivata Suning, che si è presa l'Inter, e un secondo gruppo cinese che sta per acquistare il Milan, ma la forza economica della Cina non sembra intenzionata a fermarsi.

Sono di questi giorni, poi, gli approdi cinesi a cifre record di Tevez e di Oscar, quest'ultimo non certo un pensionato, considerato da qualcuno come un marziano, tanto che Jurgen Klopp lo ha apertamente criticato:

Non riesco a capire la scelta. A 25 anni non si può andare in un posto in cui non si gioca a pallone solo perché ti offrono tanti soldi. Quello cinese, ora, non è un campionato in cui si vuole realmente giocare.

Ma il punto, forse, sta proprio in quella preposizione temporale che ha usato il manager del Liverpool: ora. Se è vero che per ora il campionato cinese non ha un livello paragonabile a quelli europei, è altrettanto sicuro che si sta attrezzando per crearlo e che ha tutte le intenzioni e le potenzialità per farlo al meglio e probabilmente in tempi molto più brevi di quanto si possa immaginare.

L'Inter ha sempre avuto un occhio di riguardo al mercato cinese

L'interesse per il calcio in Cina non ha smesso di crescere a ritmi vertiginosi dal 1994, quando è stato creato il primo campionato professionistico. Secondo un recente studio condotto da Nielsen, il 31% della popolazione cinese urbana è interessato al calcio che, insieme al basket Nba, risulta già lo sport più seguito nel paese, dove ha largamente soppiantato il tennis tavolo. E questo rappresenta l'aspetto più sorprendente, perché in questo sport la Cina vanta i migliori giocatori del mondo oltre a una lunga tradizione.

Il Real Madrid ha un'importante Academy in Cina

Il bacino di praticanti e di pubblico del gigante asiatico è praticamente illimitato e in Italia, va detto, siamo stati fra i primi a capirlo: la Serie A è stato il primo campionato straniero a essere trasmesso in Cina, già alla fine degli anni ottanta, raro esempio di lungimiranza nostrana. Per questo ora club come Inter e Milan sono al secondo e terzo posto fra i più seguiti laggiù con 106 milioni di fan, dietro al Real Madrid con 127.

Certo, le gesta di campioni come Cristiano Ronaldo - per il quale è stata svelata l'ultima "follia", una proposta cinese di 300 milioni al Real e 100 al giocatore - hanno una presa enorme sul pubblico, ma strutture come Inter Campus, insieme alle sinergie con Suning e Alibaba, possono costituire importanti teste di ponte per consentire alla Serie A di non farsi soppiantare su un mercato che la vede inaspettatamente al secondo posto fra i campionati più visti in Cina, da poco tempo dietro alla Premier League, ma ancora davanti a Liga e Bundesliga.

Vota anche tu!

Il campionato cinese può diventare davvero il più importante del mondo?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.