Rio 2016, Neymar e il rigore decisivo: "Mai stato così nervoso in vita mia"

Il brasiliano torna a parlare del rigore trasformato in finale contro la Germania: "Mi ricordo che stavo camminando verso l'area di rigore e non riuscivo a pensare a niente".

Neymar

712 condivisioni 0 commenti

Share

A rivederlo non si direbbe, eppure Neymar era tutt'altro che sereno prima di calciare l'ultimo rigore nella finale dei Giochi Olimpici di Rio de Janeiro tra Brasile e Germania. La Seleção Under 23 ha vinto 6-5 e si è messa al collo la medaglia d'oro, il penalty decisivo lo ha realizzato il fuoriclasse del Barcellona dopo un'esecuzione impeccabile. La rincorsa da fuori area, il fischio dell'arbitro, due passi, la solita finta e il gol. Palla da una parte, Horn dall'altra. Tutto molto semplice. E invece Neymar racconta: 

Non sono mai stato così nervoso in vita mia. Mi sono detto: "E adesso dove la tiro?"

Il brasiliano è tornato con la mente a quel match nella giornata di ieri, quando ha rimesso piede al Maracanã per partecipare alla partita di beneficenza in favore dei parenti delle vittime del disastro aereo che ha coinvolto la Chapecoense.

Mi ricordo che stavo camminando verso l'area di rigore - ha continuato Neymar - e non riuscivo a pensare a niente. È stato il momento in cui sono stato più nervoso in vita mia. Poi Dio mi ha dato la possibilità di essere calmo e di segnare il gol della vittoria.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.