Liga, Siviglia: l'ombra del doping si allunga su Samir Nasri

Sul profilo twitter del giocatore, che era stato hackerato, sono state mostrate foto del francese mentre subiva trasfusioni in una clinica californiana. Nasri nega tutto.

662 condivisioni 0 commenti

di

Share

A Siviglia, in questo scorcio di stagione, sembrava rinato, Samir Nasri. Ma ora le facili ironie dei social si stanno scatenando. Sì, perché un hacker ha violato il suo profilo twitter, pubblicando immagini che mostravano il giocatore, attualmente in vacanza per la sosta natalizia della Liga, mentre si sottoponeva a delle trasfusioni in una clinica di Los Angeles.

Ora, le trasfusioni intravenose non sono di per sé vietate agli atleti, purché non superino i 50 ml e non riguardino ovviamente sostanze proibite. Per questo è immediatamente partita una procedura investigativa dell'AEPSAD (Agencia Española de Protección de la Salud en el Deporte), volta a verificare dosi e sostanze. Nel frattempo la clinica californiana si è affrettata a informare che a Nasri sarebbero state iniettate sostanze volte esclusivamente a idratarlo e a mantenerlo in forma durante tutta la stagione sportiva.

Il giocatore, reimpossessatosi del proprio profilo twitter si è scusato e ha negato ogni addebito, ma il misterioso hacker è subito tornato a violare il suo account affermando che quanto affermato in precedenza era tutto vero al 100%, aggiungendo anche pesanti allusioni sessuali sulla bella dottoressa che ha posato con Nasri in una foto e che, sempre secondo l'hacker, avrebbe passato la notte con lui.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.