Liga, il Barcellona ha la rosa più pagata del campionato

I blaugrana hanno il monte ingaggi più alto della Liga. In Premier League regna il Manchester United, in Italia la Juventus. Il Bayern Monaco doppia il Borussia Dortmund.

Immagine del Barcellona

668 condivisioni 0 commenti

di

Share

Alla fine dell’anno si fanno i conti. Tempo di bilanci, non solo sul campo, ma anche nelle casse dei club. Il portale Sporting Intelligence ha analizzato gli stipendi di tutte le squadre dei maggiori campionati d’Europa. In Liga regna il Barcellona, poi il Real Madrid e l'Atlético seguono a distanza.

L’analisi

I blaugrana pagano tanto i propri campioni. Alla voce stipendi il totale ammonta a 156.832.280 euro, in media 7,1 milioni a giocatore. Il Real Madrid è sotto con 153 milioni, 6,3 il salario medio. Più distante c’è l’Atlético Madrid di Simeone con una spesa media per giocatore di 3,2 milioni di euro, poi a sorpresa c'è il Valencia fermo a 2,2. Per chi non lo ricordasse, la squadra di Cesare Prandelli è 17esima in classifica dopo 16 turni. E i club più piccoli? Pochi soldi e scarsi risultati? Non proprio. L’Alavés, il Las Palmas e il Leganés in media un giocatore 300mila euro. E nessuna delle tre è in zona retrocessione.

Gli altri campionati

La Liga in totale spende 771 milioni per una media di 1,5 a giocatore. In Premier League le cifre fanno spavento: più di 1 miliardo e mezzo per gli stipendi, una media di circa 3 milioni a giocatore. Il club che paga di più è il Manchester United (quasi 7,3 milioni di media a giocatore), quello che spende meno il Burnley (1,2 milioni a giocatore).
In Italia la Juventus batte tutti (5 milioni di media), poi ci sono Roma (quasi 3,8 milioni in media) e Inter (3,1 milioni). La spesa totale per i salari in Serie A è di circa 756 milioni, poco meno inferiore alla Spagna. In Germania il Bayern Monaco doppia il Borussia Dortmund (5 milioni rispetto ai 2,5 dei gialloneri), in Francia il Paris Saint-Germain paga tre volte di più del Monaco. Si dice che i soldi nella vita non fanno la felicità, ma nel calcio sì. 

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.