West Ham, Sullivan: "Vendo solo al re dell'Arabia Saudita"

Il proprietario degli Hammers, dopo le voci su una possibile cessione del club, ha rivelato che cederebbe il passo solo a un compratore ricco e con ambizioni vincenti.

David Sullivan, proprietario del West Ham

349 condivisioni 0 commenti

di

Share

La scorsa estate l'offerta era arrivata ma la dirigenza aveva da poco intrapreso una nuova e ambiziosa avventura, trasferendosi nel nuovo stadio e spendendo decine di milioni di euro per il mercato estivo. A qualche ora dalle voci di una possibile cessione al colosso mondiale degli energy drink, la Red Bull, è tornato a parlare David Sullivan, uno dei proprietari del West Ham United

Abbiamo rifiutato un'offerta di 650 milioni di sterline questa estate e non abbiamo nessuna intenzione di vendere il club finché un investitore come il Re dell'Arabia Saudita ci presenti un progetto irrinunciabile al quale noi stessi non potremmo ambire. 

Queste le parole dell'inglese, convinto che gli Hammers possano andare oltre il difficile avvio di stagione e tornare a respirare aria d'Europa, ha specificatamente detto che né lui né David Gold, l'altro proprietario, hanno intenzione di vendere la società. Solo qualche mese fa la prima fase del loro ambizioso progetto aveva preso forma: il trasferimento all'Olympic Stadium. Con questo passo, la dirigenza credeva che il club potesse incrementare i propri guadagni e puntare a sempre più alte posizioni in classifica.

L'orribile avvio, le proteste dei tifosi e le continue polemiche sul nuovo impianto hanno destabilizzato l'ambiente che solo ora, a fine dicembre, sembra essersi risvegliato da un grande incubo. 

Ora andiamo a Leicester, in casa dei campioni in carica. Non sarà facile ma vogliamo portare a cinque il numero di partite di imbattibilità e cominciare al meglio il nuovo anno. Abbiamo la possibilità di farlo, quindi proviamoci.

Così ha concluso il suo intervento David Sullivan. Sebbene il rapporto con i tifosi si sia irrimediabilmente deteriorato, qualche speranza per una stagione vincente, sia in FA Cup che in Premier League, c'è ancora. La parola, ora, passa al campo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.