Perché i portieri stranieri non possono giocare in Cina?

Dal 2001 sono state introdotte restrizioni nel regolamento dalla Federcalcio cinese: massimo 4 stranieri per squadra e tutti necessariamente in ruoli di movimento.

In Cina possono giocare solo portieri autoctoni

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Probabilmente ai vari Buffon, Neuer e Courtois non interessa nemmeno, ma se volessero giocare un giorno in Cina perché attirati dai contratti astronomici del mercato asiatico, la loro unica possibilità per riuscirci (a meno che non abbiano intenzione di cambiare nazionalità) sarebbe quella di gettare i guanti e cambiare ruolo.

Il regolamento

E questo discorso non vale solo per gli estremi difensori più forti del pianeta, ma anche per qualsiasi altro loro collega che volesse tentare la fortuna nello stato più popolato del mondo. Il motivo è semplice ed è previsto dal regolamento della 中国足球协会超级联赛 (sicuramente tutti avranno già capito di cosa si parla, ma per sicurezza traduciamo anche per quei pochi che non masticano il cinese: la Chinese Football Association Super League). La federcalcio cinese, infatti, consente a ogni squadra di tesserare fino a un massimo di 4 calciatori stranieri più un altro che abbia la cittadinanza di un paese facente parte dell'Asian Football Confederation (di cui 3+1 schierabili in campo contemporaneamente), ma tutti - come previsto ormai dal 2004 - obbligatoriamente di movimento: i portieri possono essere solo ed esclusivamente autoctoni.

Salvaguardia

Si tratta di un modo per preservare il ruolo e favorire la sua crescita, dal momento che in passato gli estremi difensori cinesi sono stati il punto debole per eccellenza sia nelle squadre di club che, soprattutto, in Nazionale. Da qui nasce la scelta di applicare queste restrizioni e i risultati hanno dato ragione alla Chinese Football Association: i portiere si sono trasformati in un punto di forza delle selezioni nazionali e anche dei club. Il più forte è probabilmente Zeng Cheng, grande protagonista nella vittoria della Champions League asiatica del 2015 da parte del suo Guangzhou Evergrande.

Due possibilità

E quindi niente. Se Buffon e tutti i suoi colleghi non nati in Cina volessero davvero giocare nel campionato di Tevez, Oscar, Hulk e così via, allora dovrebbero cambiare il ruolo, oppure la nazionalità. Magari non i big, ma qualche portiere di seconda fascia potrebbe anche pensarci davvero. In fondo ci sono milioni di eur... motivi per prendere almeno in considerazione l'ipotesi.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.