Cain Velasquez fuori da UFC 207. Salta il rematch con Fabricio Werdum

La Commissione Atletica del Nevada ritira momentaneamente la licenza da atleta a Cain Velasquez. Troppo alti i rischi qualora l'ex campione avesse affrontato Werdum.

Cain Velasquez vs Fabricio Werdum

100 condivisioni 0 commenti

di

Share

Cain Velasquez non prenderà parte a UFC 207. A seguito dei gravi problemi alla schiena accusati dall'ex campione dei pesi massimi UFC, la Commissione Atletica del Nevada ha deciso di negare il nullaosta legato alla licenza medica dell'atleta. La notizia era già nell'aria da un paio di ore, ma fino all'arrivo del definitivo annuncio ufficiale da parte della promotion molti continuavano a sperare nel miracolo.

Nulla da fare dunque per il tanto atteso rematch che avrebbe visto per protagonisti Fabricio Werdum e lo stesso Velasquez. Dopo l'upset compiuto dal brasiliano a UFC 188 salta dunque l'incontro che avrebbe con tutta probabilità stabilito chi sarebbe stato il prossimo sfidante dell'attuale detentore del titolo Stipe Miocic, il quale dopo aver battuto Werdum a UFC 198 è riuscito a difendere la cintura contro Alistair Overeem a UFC 203. La decisione dell'organo di controllo statunitense non ha comunque sorpreso nessuno, pur destando parecchio sconforto nei cuori di tutti gli appassionati che da mesi ormai attendevano la tanto decantata rivincita.

La scelta finale è stata dettata dal buon senso, vista e considerata l'operazione alla schiena alla quale Velasquez si sarebbe dovuto sottoporre il 4 di gennaio, ovvero cinque giorni dopo il match che lo avrebbe visto opposto a Werdum. Poco o nulla stavolta da rimproverare all'infortunato esponente dell'AKA - camp che nell'ultima parte del 2016 ha visto molti suoi atleti saltare incontri importanti a causa di alcuni stop fisici -, che fino alla fine aveva provato ad onorare l'impegno preso, continuando ad allenarsi nonostante il forte dolore provato. Ciò nonostante, come confermato dallo stesso Velasquez ai microfoni di ESPN l'operazione chirurgica resta l'unica soluzione per far sì che tali problemi svaniscano - almeno per un determinato periodo -.

È un dolore che parte dalla schiena e arriva fino al piede. Ad oggi non posso star in piedi per più di dieci minuti che subito devo sedermi. Il dottore ha detto che dopo l'operazione di cui beneficierò il dolore potrebbe andar via per sempre, ma facendo il fighter di professione e conoscendo i miei regimi di allenamento sono consapevole del fatto che il fastidio potrebbe ripresentarsi.

A nulla sono servite le infiltrazioni di cortisone e l'utilizzo del cannabidiolo - metabolita della Canabis -, la sentenza della Commissione è stata inappellabile. Il direttore esecutivo dell'ente di controllo Bob Bennett ha confermato - ai microfoni di MMA Fighting - che la scelta presa è stata portata avanti nell'ottica di una salvaguardia delle condizioni di salute dell'atleta, ponendo una pietra definitiva sulla questione legata all'incontro che non troverà luce a UFC 207.

Basandoci su una serie di fattori, tra cui le cartelle mediche dell'atleta e le interviste rilasciate dallo stesso, non sussistevano le condizioni idonee per permettere al signor Cain Velasquez di combattere. I rischi erano evidenti ed il disagio nella lotta sarebbe stato considerevole. Per questo siamo giunti ad una conclusione conservativa: sospendere momentaneamente la licenza a Velasquez a causa dei problemi fisici rilevati.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.