Per quale squadra tifano i calciatori?

Anche i calciatori sono dei tifosi. La maggior parte di loro non ha esaudito il sogno di vestire la maglia che tifava da bambino, ma c'è anche chi ce l'ha fatta.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Nel mondo del calcio c'è un particolare di cui molti si dimenticano. Un dettaglio che spesso viene trascurato, considerato quasi superfluo, quando invece dovrebbe risultare fondamentale: anche i calciatori sono tifosi. Anche loro hanno passato notti insonni nella speranza di veder la loro squadra vincere una partita o sollevare al cielo una coppa.

Poi la vita li ha portati a fare delle scelte, la professione ha costretto alcuni di loro a nascondere per almeno 180 minuti a campionato la loro passione. Ma ci sono stati anche alcuni giocatori che hanno avuto la fortuna di indossare i colori che osannavano da bambini. Andiamo a scoprire che squadra tifano alcuni dei più grandi calciatori al mondo e chi di loro ha realizzato il sogno di una vita.

Ciro Immobile

Prima l'esplosione nel Pescara di Zeman insieme a Insigne e Verratti, poi Genoa, Torino, Borussia Dortmund e Siviglia. Ora Ciro Immobile è l'attaccante della Lazio e della Nazionale: in futuro riuscirà a giocare con la maglia della sua squadre del cuore, la Juventus?

Andrea Pirlo

Pirlo ai tempi del Milan
Da ragazzino Pirlo sognava di vincere con l'Inter

Andrea Pirlo rientra negli incubi dei dirigenti interisti. La sua passione per la maglia nerazzurra riuscì a trovare soddisfazione solo per due anni (1998-99 e 2009-01), prima di conquistare la gloria con i cugini rossoneri e poi con la Juventus

Daniele De Rossi

Il numero 16 della Roma, De Rossi
De Rossi, "capitan futuro"

Daniele De Rossi è uno che ce l'ha fatta. Il suo soprannome non è a caso "Capitan futuro": sarebbe stato la persona più indicata della squadra per prendere l'eredità di Totti. Romano e romanista da sempre. 

Gianluigi Buffon

Gianluigi Buffon

Ha scritto la storia della Juventus, ma da bambino Buffon tifava Genoa e partiva da Carrara per andare nella Gradinata Nord del Ferraris con lo zio Giampiero, genovese e tifoso rossoblù. Nel 2007 confidò al suo procuratore Silvano Martina

Nell'ultimo anno di carriera giocherò nel Genoa, anche gratis

Ad oggi il suo desiderio è rimasto inespresso. Non solo i colori rossoblù, Gigi simpatizza anche per due squadre straniere: il Borussia Moenchengladbach in Germania e il West Ham in Inghilterra. 

Mario Balotelli

Mario Balotelli ai tempi del Milan
Balotelli non ha mai nascosto la sua passione per i rossoneri

Già dai tempi in cui esordì in Serie A con la maglia dell'Inter, Super Mario non ha mai nascosto la sua passione per l'altra squadra di Milano. Girava addirittura voce che sotto ai calzini nerazzurri che doveva indossare da contratto, Mario ne nascondesse altri rossoneri. Peccato solo che gli anni col Diavolo non siano stati esaltanti come sognava da bambino, ma chissà che il futuro non gli riservi un'altra occasione. Anzi, magari ci sarà occasione per indossare un'altra divisa a cui è particolarmente affezionato: quella rosa del Palermo, sua città natale.

Davide Santon

Il terzino dell'Inter, Santon
Sotto la maglia nerazzurra, Santon nasconde un cuore rossonero

Il terzino classe 1991, Davide Santon, è cresciuto nel vivaio nerazzurro come Balotelli. E proprio con Mario ha un altro aspetto in comune: anche lui è tifoso del Milan. "Diceria" prontamente smentita al suo ritorno ad Appiano Gentile dopo l'esperienza al Newcastle.

Marco Verratti

Il gioiello del centrocampo Azzurro e dei francesi del PSG Marco Verratti non ha mai nascosto la sua fede bianconera. Il suo amore per il Pescara, la squadra della sua città e che l'ha fatto esordire nel calcio che conta, non è in discussione, ma la Juventus è un'altra cosa. Riuscirà a coronare il sogno di indossare la numero 10 che fu di Platini e Del Piero?

Alberto Gilardino

Gilardino con la maglia dell'Empoli
Gilardino avrebbe voluto giocare nella Juve

Alberto Gilardino di maglie ne ha indossate tante. Dal Milan allo Spezi, ha attraversato tutta Italia a suon di gol. Peccato che tra le tante che lo hanno cercato, non c'è mai stata quella in cui sperava di giocare da ragazzino: la Juventus. 

Alessio Romagnoli

Dopo due stagioni alla Roma e una in prestito a Genova sponda Sampdoria, è approdato al Milan nel 2015 a titolo definitivo: i rossoneri per lui hanno sborsato 25 milioni di euro. Alessio Romagnoli, nato a Anzio nel 1995, nel cuore ha i colori biancocelesti della Lazio.

Cristiano Ronaldo

CR7 ai tempi dello Sporting
Sporting o Benfica? CR7 avrebbe scelto la seconda

Probabilmente già ai quei tempi Cristiano Ronaldo pensava solo al Real Madrid. Se però da ragazzino gli aveste chiesto chi preferiva tra Sporting e Benfica, il futuro pluri Pallone d'Oro non avrebbe esitato a rispondere Benfica, seppur con indosso la maglia della storica rivale.

Lorenzo Insigne

L'attaccante del Napoli, Insigne
Insigne, vero e proprio scugnizzo

Lorenzo Insigne è un altro giocatore che può dire di aver esaudito il suo sogno. Dopo l'ottima esperienza con il Pescara in Serie B, lo "scugnizzo" è tornato a casa e il San Paolo lo ha accolto a braccia aperte. 

Edin Dzeko

L'attaccante bosniaco, Dzeko
Anche Edin Dzeko era tifoso del Milan

Da un paio di stagioni Dzeko è finalmente riuscito a far sorridere i suoi tifosi romanisti. Ma il sogno dell'attaccante bosniaco da bambino era di far urlare di gioia i fan di un'altra squadra italiana. Qualche ipotesi? Proprio così, le fantastiche vittorie del Milan negli anni '90 hanno conquistato anche l'est Europa.

Claudio Marchisio

Il centrocampista della Juve, Claudio Marchisio
Marchisio: juventini si nasce

I sogni si avverano. Per informazioni, chiedere a Claudio Marchisio: nato e cresciuto a Torino, indossa da anni la maglia della Juventus, la sua squadra del cuore.

Antonio Candreva

L'ex giocatore della Lazio, Antonio Candreva
Romanista nel cuore ma laziale di professione: Antonio Candreva

Anche Antonio Candreva è nato a Roma, e come tutti i romani fin da bambino ha fatto una scelta. Lui ha preferito i colori giallorossi, ma ogni tanto la vita obbliga a scelte diverse. L'ala classe '87 è diventata una delle colonne portanti della Lazio prima di approdare all'Inter.

Fabio Quagliarella

Quagliarella con la maglia del Napoli
Il sogno di Quagliarella è durato solo un anno

Il sogno di Fabio Quagliarella si è avverato nella stagione 2009-10 quando ha collezionato 34 presenze e undici gol con la maglia del Napoli. Sogno durato troppo poco, l'anno successivo viene ceduto alla Juventus. Non ha mai nascosto che sarebbe rimasto volentieri ai piedi del Vesuvio.

Emiliano Viviano

Un anno alla Fiorentina per Vivano
L'esperienza con la Fiorentina non è andata come Vivano sperava

Il portiere classe '85 avrebbe fatto carte false per giocare con la Fiorentina, ma probabilmente neanche nei suoi peggiori incubi aveva immaginato che l'esperienza in viola potesse concludersi così presto e così male: 32 partite giocate e 34 goal subiti, sono bastati ai dirigenti fiorentini per non riscattare Emiliano Viviano.

Francesco Totti

Il capitano della Roma, Francesco Totti
Francesco Totti: quando la realtà supera l'immaginazione

La Roma è sempre stata nella vita di Totti, questo ormai è un concetto consolidato. Ma forse neanche lui aveva mai sognato così in grande: quasi 800 partite complessive, più di 300 goal totali, Francesco Totti non è solo il capitano, ma il simbolo di un'intera città. 

Antonio Cassano

Con il numero 99, Antonio Cassano
Fantantonio, quando riuscì a esaudire il sogno di giocare all'Inter

Quando si dice il destino: Antonio Cassano è diventato l'"idolo di Bari Vecchia" segnando un gol incredibile proprio contro la sua squadra del cuore, l'Inter. Il fantasista ha impiegato tredici anni per indossare finalmente la maglia della Beneamata, anche se per una sola stagione.

Zlatan Ibrahimovic

Ibra ai tempi dell'Inter
Zlata interista? Chissà...

Anche Zlatan Ibrahimovic si dichiarò interista fin da bambino, quando si trasferì a Milano dopo l'esperienza in bianconero. Sarà anche vero, ma c'è da ammettere che poi l'attaccante svedese ha manifestato amore per ogni squadra dove ha giocato, non esclusa la rivale cittadina rossonera del club di cui si professava estimatore.

Micah Richards

Il difensore inglese Micah Richards
Richards è da sempre tifoso dell'Arsenal

Il 28enne inglese Micah Richards non ha mai negato di essere un tifoso dei Gunners. Dopo gli anni con il Manchester City e l'esperienza italiana con la Fiorentina, è tornato in Inghilterra alla corte dell'Aston Villa. Chissà che non riesca a passare all'Arsenal prima o poi.

Andrei Arshavin

L'attaccante russo Arshavin
Arshavin avrebbe scelto il Barcellona

L'attaccante russo non ha mai nascosto la sua passione per il Barcellona. Anzi, Arshavin dichiarò senza problemi quanto avesse reagito male al mancato trasferimento in Catalogna ai tempi dello Zenit, subito prima di indossare la maglia dell'Arsenal.

John Terry

Lo storico capitano del Chelsea, John Terry
A casa Terry si tifava per il Manchester United

Il calcio per John Terry è sempre stata una questione di famiglia. Per lui fu un vero problema spiegare al padre, tifosissimo del Manchester United, perché voleva rifiutare l'offerta di Alex Ferguson. Era solo un quattordicenne ma con le idee molto chiare: la casacca che voleva indossare non era rossa, ma blu. Era quella del Chelsea. 

Andrea Ranocchia

Il difensore dell'Inter, Ranocchia
Anche Ranocchia tra i tifosi milanisti che hanno invece giocato nell'Inter

Anche Ranocchia rientra nella categoria degli ex tifosi milanisti che invece hanno giocato nell'Inter. Dopo l'addio di Nesta, sembrava a un passo dall'approdo in rossonero, ma il difensore di Assisi ha scelto di continuare la sua esperienza con i "cugini" dell'altra Milano. Dopo l'esperienza in Premier League con l'Hull City, il giocatore è tornato di nuovo alla Pinetina.

Gli ex giocatori

Pippo Inzaghi

L'ex numero 9 del Milan, Pippo Inzaghi
Inzaghi ha giocato per il Milan undici anni, ma da bambino voleva l'Inter

Per fortuna dei tifosi milanisti, anche i sogni di Pippo Inzaghi non sono andati per il verso in cui il calciatore sperava da bambino. Il miglior marcatore italiano della storia della Champions League sperava di diventare il numero 9 dell'Inter. 

Beppe Bergomi

Lo "zio" Giuseppe Bergomi
Lo storico capitano dell'Inter, lo "zio" Bergomi

Incredibile ma vero, perfino lo "zio" Beppe Bergomi, prima di diventare una bandiera dell'Inter, fantasticava di diventare grande indossando la maglia a strisce rossonere. La storia è andata diversamente: dal 1979 al 1999 con il numero 2 dell'Inter stampato sulla schiena, capitano dal 1992 fino a fine carriera, 756 presenze totali, secondo solo a Javier Zanetti.

Franco Baresi

Il capitano del Milan, Franco Baresi
Da tifoso dell'Inter a capitano del Milan: Franco Baresi

La vicenda di Franco Baresi è una di quelle storie che continua a essere raccontata nei bar di tutta Italia. Il piccolo Franco si presenta per un provino per la sua squadra del cuore ma viene scartato perché troppo gracile. Inutile sottolineare quanto quel rifiuto debba essere stato fondamentale per la sua carriera, dandogli probabilmente la spinta per diventare uno dei giocatori più amati dalla tifoseria rossonera.

Paolo Maldini

Il capitano Maldini
Maldini, durante il giro di campo nella sua ultima partita in campionato

Ancora un capitano. Fa ancora più scalpore pensare che qualcuno diventato una bandiera storica di una squadra, in realtà sognasse altro. Proprio così: le fantasie infantili di Maldini non erano colorate di rossonero ma di bianconero. Uno dei più forti difensori della storia milanista e del calcio, nella sua cameretta ammirava i poster di Dino Zoff e Cabrini.

Nicola Berti

L'ex centrocampista dell'Inter, Nicola Berti
Berti è diventato un idolo della tifoseria nerazzurra

Il centrocampista Nicola Berti rientra tra quelli che da piccoli stravedevano per il Milan. Dopo tanti anni da bandiera dell'Inter, ha liquidato quello "spiacevole" momento di confusione con una dichiarazione che fece innamorare ancor di più i suoi tifosi nerazzurri:

Tutti, da piccoli, hanno avuto le malattie infettive

Didier Drogba

L'ex attaccante del Chelsea, Drogba
L' idolo di Drogba era George Weah

Un tifoso d'eccezione per il Milan. L'ex bomber del Chelsea Didier Drogba ha sempre avuto una grande passione per la squadra con più Champions League in Italia. Il motivo è semplice: da piccolo l'attaccante ivoriano era incantato dalle giocate di George Weah.

Alessandro Nesta

L'ex capitano della Lazio, Nesta
Nesta, cuore biancoceleste

Alessandro Nesta ha spesso raccontato della sua infanzia in un palazzo in cui la sua famiglia era l'unica laziale, tant'è vero che il padre rifiutò l'offerta delle Roma. È stato bandiera della squadra biancoceleste dal 1993 al 2002.

Simone Perrotta

L'ex centrocampista della Roma,Simone Perrotta
Perrotta ha sempre simpatizzato per il Napoli

Di soddisfazioni Simone Perrotta nella sua carriera se n'è tolte tante. 246 partite con la Roma, una Coppa del Mondo vinta nel 2006, una statua costruita in suo onore nella sua città natale, Ashton-under-Lyne (città della contea della Greater Manchester). Ne mancava solo una per raggiungere la perfezione: indossare la maglia del Napoli.

Paolo Di Canio

Di Canio, laziale da sempre
Di Canio, laziale da sempre

Paolo Di Canio non ha mai nascosto la sua anima laziale. Anzi, ha fatto di tutto per tornare a Roma e nel 2004, dopo 14 anni a spasso tra Nord Italia e Gran Bretagna, è riuscito a chiudere la carriera con la maglia che desiderava.

Fabrizio Miccoli

L'ex capitano del Palermo, Miccoli
Il "Maradona del Salento" tifa Lecce

Con 81 gol è il miglior realizzatore della storia del Palermo, ma il cuore di Fabrizio Miccoli ha sempre battuto per un'altra squadra: il Lecce. Il "Maradona del Salento" ha esaudito il suo sogno nel 2013, quando la squadra giallorossa militava in Lega Pro.

Roberto Mancini

L'ex giocatore della Samp, Roberto Mancini
Mancini avrebbe voluto giocare nella Juve.

Roberto Mancini è un altro estimatore della Juventus. Negli anni in cui era il numero 10 della Sampdoria probabilmente questa passione si è spenta.

Ole Gunnar Solskjaer

L'attaccante norvegese, Solskajer
Solskajer, quel goal in finale di Coppa Campioni, sognava di farlo con il Liverpool

La felicità che Solskajer ha regalato ai tifosi del Manchester United, con quel gol allo scadere che permise ai Red Devils di vincere la Coppa Campioni contro il Bayern, è un ricordo indimenticabile. L'unica cosa che potrebbe intaccarlo sarebbe scoprire che nei suoi sogni da bambino Soslkajer quel gol lo segnava sempre con una divisa rossa, ma quella dei Reds del Liverpool.

Fabio Cannavaro

Cannavaro con il Pallone d'Oro
Cannavaro era tifoso del Napoli

Per Fabio Cannavaro non c'è bisogno di presentazioni. Bandiera del Parma, dell'Inter, della Juve, del Real, e della Nazionale italiana, il difensore ha lasciato un grande ricordo di se ovunque abbia mai giocato. Ma anni di successi strepitosi non possono intaccare una passione fin troppo radicata: Cannavaro è sempre stato e sempre sarà tifoso del Napoli.

Michael Owen

L'ultimo Pallone d'Oro inglese, Michael Owen
Michael Owen ha l'Everton nel cuore

L'ultimo Pallone d'Oro inglese, Michael Owen, ha giocato le sue migliori stagioni con la maglia del Liverpool, portandosi dentro un gran segreto: la sua passione per l'Everton. Particolare è il fatto che non sia stato l'unico dei Reds a tifare per i rivali cittadini: gli fanno compagnia grandi nomi come Ian Rush, Robbie Fowler, Jamie Carragher e Steve McManaman.

Roberto Mancini

L'ex giocatore della Samp, Roberto Mancini
Mancini avrebbe voluto giocare nella Juve.

Roberto Mancini è un altro estimatore della Juventus. Negli anni in cui era il numero 10 della Sampdoria probabilmente questa passione si è spenta, ma non è detto che prima o poi non possa togliersi lo sfizio di sedersi sulla panchina dei bianconeri.

Steve Gerrard

Il capitano storico del Liverpool, Gerrard
Quella di Gerrard per il Liverpool è una vera e propria fede

Chi invece non ha mai nascosto la sua passione ma anzi ne ha fatto una vera e propria fede, è stato Steve Gerrard. Diciassette anni con il Liverpool, 710 partite, 186 gol.

Più per odio che per amore

C'è una specialità particolare tra i tifosi: oltre a quelli che farebbero di tutto per la propria squadra, ci sono anche quelli che seguirebbero fino in capo al mondo la propria rivale per continuare a investirla di maledizioni. 

Gerard Piquè

Il difensore del Barcellona, Piquè
Piquè ama il Barca, ma ancora di più odia il Real

Catalano di nascita, pilastro del Barcellona e della Nazionale spagnola, Gerard Piqué non ha mai nascosto il suo odio verso la storica rivale del Real Madrid. Anzi, per lui provocare i blancos è una vera e propria passione.

Gary Neville

Il terzino del Manchester, Garuìy Neville
Gary Neville non apprezza il Liverpool

Se c'è qualcosa che Gary Neville non sopporta è il Liverpool. Lo ha dimostrato perfettamente nella partita del 2006 vinta per 1-0 dal Manchester grazie a un gol di Rio Ferdinand. In quell'occasione il terzino inglese non si trattenne e andò a festeggiare proprio di fronte ai tifosi rivali. 

Scott Brown

Il centrocampista del Celtic, Brown
Attenzione: Scott Brown odia i Rangers

Da buon scozzese il centrocampista dei Celtic, Scott Brown, è un uomo di poche parole che si fa intendere con i fatti. Per maggiori informazioni chiedere ai giocatori infortunati del Rangers. "Io odio i Gers". In effetti, non c'è molto da aggiungere.

Ian Wright

Il campione dell'Arsenal, Ian Wright
Per Wright la vera gioia era segnare al Tottenham

Ian Wright è un attaccante che di soddisfazioni se ne è tolte tante e ha fatto felici migliaia di tifosi. C'era qualcosa che però lo riempiva di gioia più di qualsiasi altro trofeo: per lui non c'era niente che valeva quanto segnare una rete contro il Tottenham.

Teddy Sheringham

L'attaccante Teddy Sheringham
Anche Sheringham aveva un nemico particolare: l'Arsenal

Ecco il risvolto della medaglia, perchè non c'è rivalità che venga mantenuta da un solo fronte. E infatti non è difficile trovare qualcuno che tra gli Spurs provi una particolare sensazione a mettere la palla in rete contro l'Arsenal: Teddy Sheringham.

Jamie Carragher

Storico centrocampista del Liverpool, Carragher
Jamie Carragher odia il Manchester United

Nonostante Jamie Carragher abbia ammesso di tifare Everton da ragazzo, ha anche affermato di provare un particolare piacere quando riesce a batterlo. Senza tralasciare l'odio per il Manchester United, simbolo di sana e robusta costituzione per ogni giocatore del Liverpool. 

Carlos Tevez

L'taccante del Boca Carlos Tevez
Tevez l'inventore della Chicken Dance

La rivalità tra Boca Juniors e River Plate è vecchia come la storia dell'uovo e la gallina. E a proposito, fu proprio prendendo spunto dagli uccelli che Tevez festeggiò la vittoria in Copa Libertadores del 2004: esibendosi in una "Chicken dance" dedicata ai tifosi dei loro storici nemici, denominati appunto "Gallinas".

E gli atleti degli altri sport, per che squadra tifano?

C'è un motivo se il calcio è uno degli sport più popolari del mondo. I suoi tifosi sono ovunque, in ogni angolo del mondo. Tra gli appassionati del pallone ci sono anche degli atleti che stanno scrivendo la storia delle loro rispettive discipline.

Novak Djokovic

Il campione di tennis con la maglia del Milan
Djokovic, numero 1 del tennis mondiale, ha una passione per il Milan

Il tennista serbo, numero 2 del ranking ATP, non ha mai nascosto la sua passione per il Milan. Anzi, in ogni occasione importante Djokovic ha sempre dimostrato pubblicamente di seguire le prestazioni del Diavolo con particolare attaccamento.

 

 LeBron James

La stella dell'NBA, LeBron James, non è un tifoso qualsiasi, anzi: è socio minoritario del Liverpool. Tra apparizioni allo stadio e messaggi di solidarietà, l'atleta dei Clevaland non perde occasione per dimostrare il suo amore verso la squadra inglese che ha risposto con un omaggio non da poco.

Usain Bolt

Il velocista giamaicano Usain Bolt ha più volte indicato il Manchester United come la sua squadra del suo cuore. Anzi, ha fatto anche di più: ⤑si è personalmente offerto alla corte di sua maestà Mourinho, senza però ricevere ancora risposta.

Sergio "Maravilla" Martinez

 

Il campione argentino di pugilato Sergio Martinez ha sempre proclamato il suo amore verso il River Plate. Tra un incontro di boxe e l'altro, lascia il ring per raggiungere El Monumental, lo stadio dove il River fa esultare i tifosi di Buenos Aires.  

Steve Nash

L'ex cestista canadese Steve Nash è un vero appassionato di calcio. Tifosissimo del Tottenham, amico di Alessandro Del Piero, ha anche avuto l'opportunità di allenarsi con Ronaldinho, lasciando il brasiliano stupito delle sue qualità tecniche.

Michael Schumacher

Anche Michael Schumacher è un grande appassionato di calcio. Al secondo posto, dopo la Ferrari, nel suo cuore c'è spazio per il Colonia. In questa foto lo vediamo sorridente affianco all'attaccante tedesco Podolski.

Juan Martin Del Potro

Tra i grandi estimatori del Boca Juniors c'è anche il tennista Del Potro. Varie volte è stato visto allo stadio ad incitare i suoi beniamini calcistici. Chissà se c'entra qualcosa con questa visita del suo collega Federer alla squadra di Buenos Aires...

 Kobe Bryant

Un'immagine che parla da sola: Kobe Bryant nel calcio ha scelto il Milan. L'ex stella dei Los Angeles Lakers ama i colori rossoneri fin da bambino, lo ha ribadito in una recente intervista.

Tifo Milan da sempre, stravedevo per Van Basten

Tra fenomeni si intendono. 

Rafael Nadal

Rafael Nadal è sempre stato un appassionato di calcio, da ragazzino tifava Maiorca, la squadra della sua città. Crescendo ha cambiato divisa, indirizzando il suo tifo verso un club sicuramente più blasonato, il Real Madrid.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.