La "première Balotellade": Balotelli espulso per fallo di reazione

Primo incidente di percorso per Balotelli con il Nizza: cartellino rosso per l'attaccante azzurro nella sfida con il Bordeaux dopo un calcio a Lewczuk nel recupero.

612 condivisioni 0 commenti

di

Share

Stava filando tutto liscio come l’olio, poi ecco il classico incidente di percorso. Un fallo di reazione inutile, che macchia un’inizio di stagione praticamente fin qui praticamente perfetto. A parte qualche infortunio di troppo che lo aveva costretto a saltare 8 partite di Ligue 1, l’approccio di Mario Balotelli al campionato francese fino a ieri era stato infatti entusiasmante: 10 gol in 13 presenze, determinante per il primato in classifica del Nizza, anche se il pareggio di Bordeaux permette alle inseguitrici Monaco e Paris Saint-Germain di recuperare punti preziosi. Poco importa, Super Mario era riuscito a lasciare il suo segno, esclusivamente in modo positivo, senza inciampi di percorso vari.

Il messaggio di Ventura

Ecco perché anche il commissario tecnico dell’Italia Giampiero Ventura aveva aperto le porte a un ritorno dell’ex attaccante del Milan in Nazionale:

Tutti quelli che lo hanno allenato hanno messo in discussione di lui altre cose, non la tecnica. [...] Il colloquio ci sarà. Poi lui si dovrà fare delle domande e dovrà darsi delle risposte.

La “balotellade"

La doppietta al Dijon nella 18esima giornata di campionato era stata l’ennesima conferma di un Balotelli ritrovato, con la testa a posto e di nuovo decisivo, tanto da regalare al Nizza l’inaspettato titolo di campione d’inverno con un turno d’anticipo. Contro il Bordeaux, è arrivata però l’immancabile prima “balotellata”, o meglio la “première balotellade visto che si tratta di un inedito in salsa francese. Quando la partita stava ormai per finire, in pieno tempo di recupero, Super Mario ha reagito a un fallo di Lewczuk con un calcione a palla lontana che per dinamica ricorda molto quello che subì lo stesso Balotelli da Totti in un lontano Inter-Roma del maggio 2010: il risultato è l'espulsione diretta, la prima in Francia (era già stato espulso all'ottava giornata contro il Lorient per una doppia ammonizione discutibile, poi infatti revocata).

Un errore che ha lasciato la sua squadra in dieci uomini (poi in 9 visto che è stato espulso successivamente anche Belhanda) e che non gli permetterà di giocare la prossima partita con il Metz al rientro dalle vacanze e probabilmente anche quella successiva con il Bastia. 

Dalla sua parte

Non ci voleva proprio adesso, anche se Mario sembra aver capito subito l’errore, senza cercare nuove polemiche all’uscita dal campo, regalando anche la sua maglia a una tifosa. 

Stava filando tutto liscio come l’olio, tant’è che in Francia in molti si stanno schierando dalla sua parte, prendendo di mira la provocazione di Lewczuk. Anche per loro, in fondo, se gioca così una “balotellade” ogni tanto ci può anche stare.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.