Canelas 2010: imbattuto da 12 partite grazie... alle minacce dei tifosi

Nella 4° divisione portoghese, la squadra composta dai tifosi del Porto, ha vinto le ultime 12 partite a tavolino perché gli avversari non si presentano in campo.

Squadra portoghese

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Probabilmente occorre citare i casi estremi per apprezzare degli elementi dati fin troppo per scontato. Si scopre l'importanza dell'avversario proprio quando questa figura viene a mancare, con nessuna delle due squadre può scendere in campo. Per il Canelas 2010, compagine interamente composta dai tifosi più caldi del Porto (soprannominati Super Dragoes) che disputa la quarta divisione portoghese, l'assenza degli avversari è il risultato di una precisa strategia di minacce e aggressioni che gli ha consentito di vincere tutti gli ultimi 12 match per 3-0 a tavolino

Non solamente scontri di gioco

La politica del terrore va avanti dal 23 ottobre, data dell'ultima partita realmente disputata in campo dai portoghesi. Gli avversari preferiscono pagare la multa di 750 euro e perdere 3-0 a tavolino rispetto al rischio - più simile a una certezza - di subire un incredibile numero di infortuni. Scontri di gioco che nelle serie inferiori rappresentano il credo di molte squadre e che spesso - provocato più da limiti tecnici che da pura cattiveria - rappresenta l'intera trama delle partite. I due pullman incendiati del Pedrouços, però, non possono e non devono essere archiviati come normalità. 

L'allarme

Squadra portogheseFacebook
La tanto discussa Canelas 2010

C'è chi accetta tutto questo in silenzio e chi invece prova a invertire la brutta tendenza, denunciando i fatti. Un dirigente avversario ha raccontato i dettagli della strategia intimidatoria del Canelas 2010 ai microfoni di El Pais :

Vincono esclusivamente grazie a minacce rivolte a ragazzi di 20 anni o a giocatori che hanno famiglia. Il vero scandalo è che tutto ciò non viene scritto nei referti degli arbitri o controllato dalla polizia, tutti intimoriti dai Super Dragoes.

La risposta

Fernando Madureira, soprannominato Macaco, è il capitano in campo del Canelas 2010, e il leader in curva dei tifosi del Porto: si dice completamente estraneo ai fatti e le sue dichiarazioni più che nascondere la verità, sembrano non prendere proprio in considerazione la denuncia. 

Nel 2012 ho accettato questa proposta insieme ad altri amici. Sono felice di contribuire a questo bel progetto.

Capitano Canelas 2010Facebook
Fernando Madureira, capitano Canelas e capo dei Super Dragoes

Decisamente più piccata la risposta del club portoghese che non esita affatto a negare tutto.

Giochiamo con il cuore, disputiamo una categoria in cui è normale fare contrasti duri: il calcio è anche questo. Non è una strategia nostra, bensì loro che vogliono strumentalizzare il fatto che in rosa abbiamo Madudeira e 3 altri ragazzi dei Super DragoesGli stessi giocatori che denunciano questi fatti magari sono le stesse persone che a fine partita vengono a chiedere il selfie.

Controcorrente

La paura non sconfigge tutti però. Il 2016 è ampiamente archiviato, ma il prossimo 15 gennaio il Canelas 2010 sarà costretto a scendere nuovamente in campo, perché dopo 12 vittorie a tavolino, c'è una squadra che non si lascia intimidire. Il Candal sembra avere tutta l'intenzione di affrontare sul campo il Canelas 2010.

Scenderemo in campo. Coprirebbe di vergogna l'intero club non affrontare il Canelas per paura.

Ha dichiarato Alberto Carneiro, dirigente del Candal che vuole mettere i bastoni tra le ruote del Canelas, diretta a "tavolino" verso la promozione in terza categoria portoghese. Il brutto episodio di cronaca si trasformerà in una favola a lieto fine?

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.