Juventus, calciomercato: è fatta per Caldara dell'Atalanta

Con la difesa non si scherza. E la Juventus si porta avanti: accordo raggiunto con l'Atalanta per Mattia Caldara, talento del 1994. Può arrivare la prossima estate.

Caldara, Atalanta

3k condivisioni 0 commenti

di

Share

La BBC bianconera continuerà. Barzagli, Bonucci e Chiellini, oggi e domani. Ma non solo, perché la Juventus a breve incoronerà il suo futuro Ministro della Difesa. E l'onere e l'onore saranno tutti tra i piedi Mattia Caldara, giovane certezza della retroguardia dell'Atalanta. Il classe 1994 sarà bianconero a partire dal luglio 2018. Affare fatto. Per ora nessuna firma, solo una stretta di mano: oggi in Lega Calcio, tra Marotta e la dirigenza bergamasca.

Mattia Caldara in marcatura su Icardi

Futuro

Tutti d'accordo. Anche il giocatore e il suo agente sono convinti. Per un’operazione da circa 15-20 milioni, tra bonus e parte fissa. E via con la testa alla Juventus di domani. Con Rugani e Caldara al centro della difesa, magari ancora davanti all'inossidabile Buffon.

L'ufficialità è da destinarsi. O a luglio 2017, o nell'estate del 2018. Perché la Juventus, ora come ora, in difesa è davvero a posto. Certo, qualche infortunio di troppo disturba: ma la coperta della retroguardia di Allegri è calda e lunga. Così, in base al rendimento dei difensori attuali, i bianconeri senza fretta valuteranno quando accogliere il baby Mattia a Vinovo. Un giovane terribilmente bravo a servizio di Gasperini. Nato a Bergamo, cresciuto nel vivaio della Dea, con la quale ha rinnovato fino al 2021. E ha impressionato, soprattutto. Come nell'ultima trasferta contro il Milan. Perché a San Siro Mattia è stata una luce abbagliante nella nebbia di Milano.

Caldara, a duello con Lapadula

Conteso

Anche il Milan ci ha provato. Assieme all'Inter. Ma la Juve è stata più veloce: in campo e sul mercato. E i bianconeri spingeranno anche per Gagliardini, l'altro fulgidissimo talento atalantino, conteso proprio dalle due milanesi. Che per il centrocampista dovranno sborsare minimo 25 milioni.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.