Liga, Bebé risponde a Guerrero: l'Eibar si salva in casa del Leganes

Finisce 1-1 il match all'Estadio Municipal de Butarque: il Leganes ridimensiona i sogni europei dell'Eibar, che non riesce a sfruttare più di un'ora in superiorità numerica.

31 condivisioni 0 commenti

di

Share

Qualche sorriso e una buona dose di rimpianti. Leganes ed Eibar si equivalgono alla fine dei 90 minuti, ma da entrambe le parti il bicchiere può essere visto mezzo pieno oppure mezzo vuoto. È il caso dei padroni di casa che, dopo il vantaggio iniziale, sono rimasti in 10 per l'espulsione del portiere. Gli ospiti - dal canto loro - pur essendo riusciti a rimediare allo svantaggio nei minuti finali, non sono riusciti a sfruttare l'ora giocata in superiorità numerica e strappare l'intera posta in palio. Terzo pareggio consecutivo in Liga per i ragazzi di Garitano, secondo per quelli di Mendilibar.

Primo tempo

Parte subito forte l'Eibar, alla ricerca del gol che potrebbe sbloccare il match. Al 12' serve un doppio intervento prodigioso di Iago Herrerín per mantenere la parità. E dopo essersi salvato, dieci minuti più tardi il Leganes riesce a mettere la freccia: errore difensivo della difesa armera, che consente a Guerrero di battere a rete indisturbato.

Padroni di casa avanti grazie al secondo gol stagionale di Miguel Ángel Guerrero: bravo il 26enne di Toledo a crederci fino alla fine e a battere Yoel. La possibile svolta della partita però arriva verso la mezz'ora. Takashi Inui scappa alle spalle della retroguardia di casa, Herrerín esce dalla sua area di rigore per fermarlo, ma lo stende: per l'arbitro si tratta di chiara occasione da gol ed estrae il cartellino rosso.

Garitano è costretto ad effettuare il primo cambio: fuori Perez, dentro il secondo portiere Diego Barrios, al debutto stagionale. Chiude in avanti l'Eibar, senza però trovare il gol che rimetta in equilibrio le cose. All'intervallo è il Leganes a sorridere.

Secondo tempo

Negli spogliatoi si muove qualcosa, Mendilibar vuole provare a dare la scossa con un cambio: dentro l'ex Elche Adrian. Inizia l'assalto dell'Eibar, che però deve fare attenzione alle ripartenze molto veloci dei padroni di casa, pericolosi Omar Ramos e Machis.

Il tecnico armeros lancia nella mischia anche Kike, ma la sostituzione decisiva è la terza: l'ingresso di Bebé al posto di Takashi Inui porta i frutti sperati. Bastano sei minuti all'attaccante portoghese per trafiggere Barrios, ingannato anche da una deviazione di un suo difensore.

Al termine dei 90' le due squadre si dividono la posta in palio: il Leganes allontana di un altro passo la zona retrocessione, mentre per l'Eibar si può parlare di occasione persa. La squadra di Mendilibar ha giocato più di un'ora in superiorità numerica e non è riuscita ad andare oltre il pareggio.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.