L'Under 15 ko 9-0 nel derby, Rio Ferdinand: "Lo United non è uno scherzo"

L'ex difensore del Manchester United ha motivato così i giovani Red Devils: "Se adesso non siete feriti nell'orgoglio non potete far parte di questa squadra".

2k condivisioni 0 commenti

di

Share

Sono stati giorni amari per i giovani dell’Under 15 del Manchester United. Nella loro ultima partita di Floodlit Cup, i piccoli Red Devils hanno perso 9-0 contro i pari età del Manchester City. Un punteggio ancora più rotondo e umiliante rispetto a quello che Sir Alex Ferguson definì il peggiore della storia dello United, il 6-1 subito dai grandi proprio in casa dei Citizens. In quella sfida all’Old Trafford del 23 ottobre 2011 gli Sky Blues allenati da Roberto Mancini passeggiarono sui padroni di casa con le doppiette di Mario Balotelli ed Edin Dzeko, più le reti di Sergio Agüero e David Silva (di Fletcher il gol della bandiera). In campo c’era anche Rio Ferdinand, che è andato nel centro sportivo di Carrington per spiegare ai giovani Diavoli Rossi come comportarsi per reagire dopo una sconfitta del genere:

Siete stati battuti dal Manchester City l'altro giorno, no? Con quale punteggio? 9? Ricordo quando persi 6-1 all'Old Trafford, contro i Citizens. Dovete trovare qualcosa dentro voi stessi. Dovete tirare il petto in fuori e fare in modo che la prossima volta che ci giocherete contro avrete la meglio.

Imparare dalla sconfitta

Tutti i giovani ascoltano in religioso silenzio il discorso motivazionale dell'ex difensore della nazionale inglese. Poi le sue parole entrano ancora più nel dettaglio:

Dovete capire che quello stemma, il Manchester United, non è uno scherzo. Quando vincete, godetevela. Quando perdete, quello è il momento in cui c'è da imparare, soprattutto alla vostra età. Dovete imparare. Scommetto che alcuni di voi venendo qua oggi abbiano pensato a quella partita, no?

Orgoglio Red Devils

L'ultima domanda di Ferdinand è retorica. La risposta dal suo punto di vista deve essere scontata e condivisa da tutti quelli che vogliono davvero diventare calciatori.

Tutti voi dovreste averlo fatto. Se non siete imbarazzati, se non siete turbati, se non siete feriti, allora non dovreste essere in una squadra di calcio. Perché vuol dire che per voi non significhi abbastanza. Perché dentro voi dovreste sentirvi uccidere dall'imbarazzo e dall'orgoglio. Dovrebbe fare male, è giusto che faccia male. Ma allora cosa dovete fare a quel punto? Dovete reagire. E allenarvi duramente.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.