MSN, BBC e molti altri: ecco i terzetti da gol. E il Torino è super

Viaggio tra i tridenti più prolifici d'Europa. Non esistono solo la MSN e la BBC, vanno fortissimo anche i bomber del Torino: Belotti, Falqué e Ljajic. Poi c'è il super Arsenal.

Messi, Suarez e Neymar

651 condivisioni 0 commenti

di

Share

Macchine perfette. Senza alcun difetto di fabbrica. I terzetti da gol sono l’enzima ideale per far lievitare gli attacchi delle squadre. E ora la moda del tridente sta dilagando sempre più. Una mania iniziata grazie alla MSN del Barcellona e alla concretezza della BBC del Real Madrid. Ma oltre i soliti noti c’è di più. Perché il calcio 2.0 impone questo: subire poco, segnare tantissimo. E per farlo, davanti, servono almeno 3 giocatori. Scopriamo assieme la top 5 dei migliori terzetti del calcio europeo.

MSN, Barcellona: 25 gol

Il tridente del Barcellona

Ovvio, sempre loro. Ancora loro. Quei tre: Messi, Suarez e Neymar. Ormai la MSN è un marchio registrato, con tanto di brevetto. Perfetti. E i numeri parlano per loro: 25 gol totali fin qui in stagione. 11 dei quali passati dai piedi fatati della Pulce, 10 dal Pistolero e 4 dal funambolo brasiliano. Ma non è finita, perché nel caso uno dei tre si facesse male, è pronto a salire sul palco il tenore di riserva: Rafinha. Un attore normale in un casting di superstar, comunque in grado di emergere grazie alle 5 reti in Liga. Con la MSN che, all'occorrenza, diventa MSR. Una lettera diversa per un risultato identico. E pieno di gol.

PDS, Roma: 25 gol

Tridente Roma

No, non è un partito politico. Trattasi di un tridente, il più prolifico d'Europa. E d'Italia, soprattutto. I cui componenti stanno facendo sognare la Roma, impegnata fra poche ore nella difficile trasferta dello Juventus Stadium. Ma con loro si può stare tranquilli. Perotti, Dzeko e Salah: i gladiatori del gol. Tanti, 25: per la precisione. Un fatturato altissimo, soprattutto se si considerano le durissime difese della Serie A. Ma loro non li butta giù nessuno.

12 gol stagionali per Dzeko in campionato (17, se si considera anche l'Europa League), 8 quelli di Salah e 5 quelli di Perotti: quest'ultimo il più fantasioso dei tre, ma al quale Spalletti chiede più continuità in termini di rendimento. E poi l'egiziano, l'ultimo dei faraoni del calcio: un uomo capace di miracoli, come quello del suo recupero in extremis per la sfida contro la Juventus. Bianconeri avvisati: pericolo PSD!

WOS, Arsenal: 24 gol

Tridente Arsenal

Ci si aspetta sempre tanto dai Gunners. Ogni anni sembra quello buono. Anche questo, il 2016/2017. Con l'Arsenal quasi al vertice della Premier League, seconda forza dietro alla corazzata di Antonio Conte. Domenica la sfida contro il Manchester City sarà il primo exit poll per eleggere realmente l'anti Chelsea. E a fare le fortune del club di Wenger ci penseranno ancora loro: quelli della WOS.

Un tridente speciale, formato da Walcott, Ozil e Sanchez. 12, 7 e 5: il loro rispettivo fatturato in questa Premier League. Propiziato soprattutto dalla creatività di Ozil, capace di mettere a segno altre 4 reti in Champions League. Per non parlare del rendimento fantastico di Sanchez: una maravilla ora più matura, grazie anche ai progressi con la lingua inglese. Una componente non da poco, che gli ha permesso di entrare in maggior sintonia col resto della squadra.

CLV, Paris SG: 23 gol

E con un Ibrahimovic in meno, a Parigi hanno trovato un Cavani in più. Perché Edison, finalmente, è tornato Matador. Il giocatore uruguaiano, a suon di gol (16), è sempre più il capocannoniere dell'Europa intera. Emery, infatti, senza l'ex Napoli in attacco sarebbe quasi spacciato. Perché è proprio Cavani a far lievitare la contabilità del PSG. Al netto delle reti centellinate dal costosissimo Jesé, soltanto 5 gol per lui. E dalle perle di Marco Verratti, di professione centrocampista.

BFL, Torino: 23 gol

Tridente Torino

Che sorpresa, questo Torino. I granata vanno a mille allora, e poco importa la sconfitta nel derby contro la Juventus. Difficile prenderli per le corna. Facile per Mihajlovic trovare la via del gol grazie ai fantastici tre. A partire dal 'Gallo' Belotti, il futuro della nazionale italiana: autore sin qui di 11 gol in Serie A. Per alcuni ricorda Bobo Vieri, per altri Ciccio Graziani: ma per il popolo torinese Belotti è semplicemente il numero 9. Il migliore che il Toro possa avere.

E poi ci sono loro due: Iago Falqué e Ljajic, due talenti rinati sotto l'egida di Sinisa. Loro sono il pane per ogni fantallenatore, un concentrato di gol e assist. 7 reti per lo spagnolo e 5 per l'ex Fiorentina. E ora i granata alzano corna e cresta: quelle del Toro e del Gallo.

Gli altri tridenti

Primi in Premier League, quelli del Chelsea. Soprattutto grazie a quei tre, Diego Costa, Hazard e Pedro. Per un totale di 23 centri assieme, 12 dei quali pervenuti dai pedi dell'ex Atletico Madrid. Benissimo anche il belga, 8 reti: un giocatore completamente plasmato dal lavoro di Conte. Sugli scudi anche il terzetto del Monaco, 23 sigilli, grazie alle 10 meraviglie del rinato Falcao.

Falcao, Monaco

Il sorprendente Nizza di Balotelli, invece, segue a quota 21, assieme ai tedeschi del Borussia Dortmund. Stentano invece, si fa per dire, l'ineguagliabile BBC del Real Madrid e il terzetto del Bayern Monaco: arenati entrambe a soli 20 reti stagionali. Seguono quello dell'Inter (19 gol), 12 dei quali del solo Mauro Icardi, Fiorentina (18), in compagnia di Atletico Madrid, Liverpool, Juventus, Napoli, Lione e Manchester City.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.