Chelsea, il primo Natale di Conte in Premier League

Un video natalizio del club fra il serio e il gioioso. Per il manager è la prima volta senza la sosta. Intanto Fabregas è tornato a sentirsi importante: "Voglio continuare a vincere".

Fabregas

428 condivisioni 0 commenti

di

Share

Natale è alle porte, anche a Londra, e il Chelsea ha diffuso un video che parte serio, anzi serissimo e finisce con i giocatori in pigiamone d'ordinanza che giocano come bambini. Comincia Antonio Conte che con espressione accigliata ammonisce i suoi:

Intensità, concentrazione. Durante il periodo di Natale si gioca senza sosta. Non ci si può fermare, bisogna essere preparati. Natale può creare o distruggere una stagione. Si gioca sempre.

E, visto che si gioca sempre, nelle sequenze successive si vedono i vari Hazard, Courtois, Costa, David Luíz e tutti gli altri impegnati in ogni tipo di gioco, dal Subbuteo a Guess who, a Top trumps etc., chi in maglietta, chi col pigiama con le renne griffato Chelsea. Un modo simpatico, insomma, per fare gli auguri ai tifosi, senza dimenticare però il Conte accigliato delle prime sequenze. Che sarà anche al primo Natale senza la sosta di campionato, ma appare già ben conscio dell'importanza dei match che si giocheranno in questo periodo.

Il Chelsea ha una striscia di 10 vittorie consecutive che l'ha portato ad accumulare già 6 punti di vantaggio sulle seconde. Il 4 gennaio c'è il derby a casa del Tottenham, ma in mezzo Conte ha individuato tre match - Crystal Palace, Bournemouth e Stoke - che sulla carta sembrano favorevoli e lui non vuole che i bagordi natalizi li trasformino in trappole mortali. Quando chiede intensità e concentrazione, insomma, lui non scherza proprio per niente e fissa gli obiettivi.

Hazard col pigiama natalizio del Chelsea

Vincendo le prossime due partite, il suo Chelsea stabilirebbe il filotto dei record, ma soprattutto potrebbe aumentare il proprio vantaggio, visti gli scontri diretti fra le rivali e l'insidioso derby che attende Klopp. E poi nei quattro casi in cui il Chelsea è stato primo a Natale, ha sempre vinto la Premier League: non vuole certo essere lui il primo a smentire la tradizione.

I giocatori del Chelsea impegnati nel subbuteo

Nel frattempo l'ex ct continua a rigenerare giocatori, perché gli impegni sono tanti e ci sarà bisogno di tutti. L'ultimo ri-nato di casa Chelsea è Cesc Fabregas, uno che ha passato quattro mesi fra la panchina e la tribuna a leggere i tabloid che lo davano un giorno a Milano e l'altro a Barcellona. Nemmeno un minuto giocato fra il 24 settembre e il 3 dicembre. Il 3-4-3 di Conte, gli dicevano, non faceva per lui. Poi d'improvviso gli si sono aperte le porte del match contro il Manchester City, stravinto, e contro il Sunderland si è guadagnato il posto andando addirittura a segnare il gol della vittoria.

Fabregas esulta coi compagni dopo il gol al Sunderland

Una favola di Natale? No, per Fabregas è il risultato del lavoro e dell'applicazione: 

La gente dimentica che questa è solo la seconda volta nella mia vita che ho giocato con questo sistema, mi sto abituando. Nel calcio di oggi la gente dimentica molto, molto, molto velocemente chi sei e che cosa sai fare. Spero di continuare a trovare spazio, perché io, come tutti i miei compagni di squadra, voglio vincere.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.