Ibrahimovic: "A New York la statua della libertà, in Svezia la mia"

L'attaccante del Manchester United svela il monumento in suo onore che sarà posizionato fuori dallo stadio della nazionale svedese: "Così vivrò per sempre".

Zlatan Ibrahimovic, pallone d'oro svedese per dieci anni consecutivi

563 condivisioni 0 commenti

di

Share

Non sarà la Tour Eiffel, cioè il monumento che aveva cordialmente chiesto di farsi intitolare durante la sua permanenza al Paris Saint-Germain, ma è già un buon inizio. Zlatan Ibrahimovic avrà una sua statua, che diventerà una vera e propria attrazione per tutti coloro che andranno a visitare la Svezia. Un ulteriore incentivo per incrementare il suo già ben sviluppato egotismo che lo ha sempre condizionato nel corso della carriera, quell'atteggiamento psicologico che "consiste - come si legge sulla Treccani - in un vero e proprio culto di sé nel compiacimento narcisistico e raffinato della propria persona e delle proprie qualità". Niente di più azzeccato, insomma.

Il monumento

Inevitabile dunque che l'opera a lui dedicata trovasse il suo gradimento: una scultura alta 2 metri e 70 centimetri, con l'attaccante del Manchester United in posa a braccia larghe e torso nudo in una sua esultanza. E Ibra postando la foto di lui al fianco della scultura ha commentato così l'insolita esperienza:

Quando vai a New York hai la Statua della Libertà, quando vai in Svezia ha la Statua di Zlatan #comingsoon

When you come to New York you have the Statue of Liberty, when you come to Sweden you have the Statue of Zlatan #comingsoon

A photo posted by IAmZlatan (@iamzlatanibrahimovic) on

Icona svedese

Il monumento sarà presto piazzato fuori dalla Friends Arena di Stoccolma, lo stadio della nazionale svedese. Si tratta di un riconoscimento per il giocatore che ha vinto il Pallone d'Oro locale per 10 volte consecutive, 11 negli ultimi 12 anni, interrotto solo da Fredrik Ljungberg nel 2006.

In molti penseranno "perché lui?" o cose del genere. Ma dopo aver lavorato duramente oltre 15 anni per la nazionale e 20 nella mia carriera a livello di club, credo che ciò che ho fatto sia stato apprezzato. Generalmente sono cose che vengono fatte quando uno è morto, io però sto ancora benissimo. Quando morirò, la statua mi farà vivere per sempre. 

Eh già, l'egotista Zlatan ora è anche immortale.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.