Istanbul, autobomba vicino allo stadio del Besiktas: 38 morti e 166 feriti

Due autobomba hanno fatto ripiombare Istanbul nel terrore. Una di queste è esplosa nei pressi della Vodafone Arena, stadio del Besiktas, e ha provocato 38 morti e 166 feriti.

Vodafone Arena

350 condivisioni 0 commenti

Share

Istanbul di nuovo nel terrore. Due autobomba sono esplose nel centro città: una vicino a Macka Park, un'altra nei pressi dello stadio del Besiktas che aveva da poco giocato e vinto 2-1 contro il Bursaspor. Il tragico bilancio - ancora provvisorio - è di 38 morti (la gran parte agenti) e 166 feriti. Secondo la Cnn turca, l'obiettivo dell'autobomba deflagrata vicino alla Vodafone Arena sarebbero stati i poliziotti che abitualmente pattugliano la zona in tenuta antisommossa. Su Twitter il ministro dei Trasporti turco, Ahmet Arslan, ha parlato di attentati terroristici. Il governo ha imposto il silenzio stampa, il sito Stratfor scrive sui possibili responsabili: Isis o gli estremisti curdi del Tak (Kurditsan Freedom Falcons), scissionisti del Pkk dal 2004.

Erdogan: "Abbiamo martiri e feriti"

Le esplosioni sono avvenute nel giorni in cui il Parlamento stava iniziando e esaminare le riforme costituzionali che condurranno la Turchia a diventare una Repubblica Presidenziale, da sempre volontà del presidente Recep Tayyip Erdoğan. Proprio quest'ultimo ha dichiarato: 

Abbiamo martiri e feriti. Quando la Turchia s'appresta a fare un passo positivo verso il futuro, la risposta delle organizzazioni terroristiche è il sangue, la confusione e la brutalità. Tutte le organizzazioni terroristiche attaccano il nostro Paese e la nostra nazione con lo stesso scopo".

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.