Formula 1, Briatore fa chiarezza: "Alonso non andrà alla Mercedes"

Il manager, che da quindici anni gestisce il pilota spagnolo, spegne il sogno di Toto Wolff: "Rispettiamo la McLaren". E Rosberg intanto non ha ripensamenti: "É finita davvero".

Immagini di Briatore e Alonso

80 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

L’ha detto Flavio Briatore, il segnale sul radar Mercedes pare si sia già spento. Fernando Alonso non romperà con la McLaren, lo spagnolo non sarà il pilota designato a sostituire Nico Rosberg. Eppure qualcuno ci aveva sperato, anche all’interno della scuderia tedesca. Ma Briatore, che gestisce ormai da anni la carriera dell’ex Ferrari, non ha dubbi. Alle colonne de La Gazzetta dello Sport ammette:

Possibile che ogni volta si libera un volante, si pensi sempre a Fernando? C’è un contratto, lo rispettiamo.
Fernando però nel 2014 lascia la Ferrari quando aveva ancora un accordo con il team di Maranello. Il manager spiega ancora:
La situazione era diversa, avevamo un patto con Montezemolo: se nel 2014 non fosse arrivato il Mondiale, saremmo stati liberi. E Luca mantenne la promessa. É vero che Mattiacci, sostituto di Domenicali, ci offrì un rinnovo triennale, ma rifiutammo.

Non si torna indietro

Nico Rosberg ha chiuso davvero il capitolo Formula 1. Nessun ripensamento, nemmeno subito dopo il suo addio, quando si vociferava un ritorno. A Sport Bild, il campione tedesco è senza rimpianti:
È finita per sempre, la mia decisione è irrevocabile. Le corse mi mancheranno, ma non al punto di pensare al rientro un giorno. Forse potrò ricoprire un altro ruolo in questa competizione, è lo sport più bello del mondo. Ora però sono marito e padre, la mia famiglia l’ho vista poco. Dopo le vacanze, più avanti, penserò ad altri progetti.

Danke Toto

A photo posted by NICO ROSBERG (@nicorosberg) on

La fine dell’anno si avvicina, la Mercedes dovrà prendere la decisione definitiva. C’è Wehrlein, il favorito, ma i cast continuano. Il 26 marzo a Melbourne si torna di nuovo in pista. 4 i sedili ancora da assegnare: due in Manor, uno in Sauber e appunto quello Mercedes. Il più ambito, il più scottante.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.