Real Madrid, Zidane: "Sì, sono fortunato, ma lavoro con passione"

Il francese ammette di essere privilegiato, ma rivendica i suoi meriti. Stasera contro il Borussia Dortmund potrebbe arrivare a 34 match senza sconfitte, come Beenhakker.

Zidane

229 condivisioni 0 commenti

di

Share

Quando alleni il Real Madrid ogni partita è importante, ma quella di stasera al Bernabeu contro il Borussia Dortmund, per Zinedine Zidane lo sarà in modo particolare. Vincendo, infatti, la sua squadra scavalcherebbe i tedeschi e vincerebbe il proprio girone di Champions League:

Noi lottiamo sempre per arrivare primi, giocheremo come fosse una finale, senza fare calcoli.

Ma non c'è solo questo. Il francese è arrivato al Real a inizio gennaio e quello di domani sarà il suo match numero 50 sulla panchina dei Blancos, un bel traguardo, considerato che qualcuno all'inizio gli dava del privilegiato:

Sì, è vero, sono molto fortunato: faccio quello che mi piace e lo faccio in un grande club dove avevo anche giocato e non capita a tutti. Ma dietro c'è anche un sacco di lavoro e una grande passione. E poi amo quello che faccio.

Passione, amore e lavoro, tanto lavoro. Senza questi fattori, che il francese giustamente rivendica, ma come sempre senza enfasi, non avrebbe raggiunto i risultati che ha raggiunto: una Champions League, una Liga sfiorata dopo una rimonta epica e soprattutto un ruolino di marcia pazzesco. In 49 match sotto la sua gestione, infatti, il Real ha vinto 37 volte e perso solamente 2, con una media punti di 2,45. Tanta roba, insomma, alla faccia degli scettici.

Ma non è tutto. L'ultima sconfitta del Real Madrid risale al 6 aprile scorso, 2-0 a Wolfsburg nei quarti della Champions poi vinta. Da allora 33 match in otto mesi senza mai perdere e l'occasione, domani, di uguagliare il record di Leo Beenhakker, che era arrivato a 34. Ma Zizou non fa proclami, alzare la voce non è nel suo stile:

Credo che finora abbiamo lavorato bene. La striscia positiva ci fa ben sperare perché il nostro obiettivo è di aggiudicarci tutti i titoli in palio e per farlo dobbiamo vincere il maggior numero di partite possibile.

Semplice e chiaro. Lapalisse, del resto, era francese.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.