Mascherano, 300 col Barça e polemica coi quei "geni" delle televisioni

Contro il Borussia M'Gladbach, il Jefecito festeggia lo storico traguardo in blaugrana e pizzica i media, che lo accusano di commettere troppi falli da rigore.

Javier Mascherano, centrale argentino classe '84 del Barcellona

226 condivisioni 0 commenti

di

Share

Un match di Champions League vinto 4-0. Ottimo modo di tagliare il traguardo delle 300 presenze in blaugrana per Javier Mascherano. Anche se non è mancata l'occasione per una polemica con i media. Il Barcellona ha chiuso il girone da capolista, regalandosi una goleada contro il Borussia Mönchengladbach. E il Jefecito ha festeggiato una meta storica: è il terzo straniero nella storia culé a toccare quota trecento. In questa speciale graduatoria lo precedono solamente Leo Messi (549 partite) e Dani Alves (che ha chiuso il suo score a quota 391):

Non è facile arrivare a questa cifra, è molto difficile rimanere tanto tempo in un club e giocare tante gare. Sono felicissimo di essere qui da tanto tempo e di tutte le cose che abbiamo raggiunto. Però io devo guardare avanti e cercare di raggiungere traguardi ancora maggiori.

El Jefecito in azione nella partita vinta 4-0 dal Barcellona contro il Borussia Mönchengladbach

La sua bacheca personale, del resto, è l'esempio vivente del semi-proverbio "un trofeo tira l'altro": nel curriculum catalano appaiono in sequenza 4 campionati, 2 Champions League, 2 Mondiali per club, 2 Supercoppe europee, 3 Coppe del Re, 3 Supercoppe spagnole. Sedici titoli vinti nelle sue prime sei stagioni complete di Barça:

Non me lo sarei mai immaginato. Sarei ipocrita se dicessi che mi sarei aspettato tutto questo quando sono arrivato. Ovviamente era un club con grandi ambizioni, però da qui a immaginarmi tutte le cose che sono successe... In ogni caso non sono il tipo che traccia bilanci anzitempo. L'unica mia preoccupazione è di continuare a lavorare.

30 agosto 2010: Mascherano si presenta al Barcellona. Da allora sono passati più di sei anni e 300 partite

Fin qui, le note liete. Quelle dolenti, polemiche più che altro, arrivano con un'altra domanda posta al centrale argentino dall'inviata di Antena 3, che lo stava intervistando nel post partita:

Sei uno che commette molti falli da rigore?

L'antefatto più diretto rimanda al rigore, anzi al "non-rigore" che Mascherano ha rischiato di concedere al Real Madrid nel Clásico: dopo appena due minuti di gioco, il capitano dell'Albiceleste era stato protagonista di un contrasto molto dubbio con Lucas Vazquez, non sanzionato però dall'arbitro. La stampa e i media filo-merengues hanno soffiato sui venti della polemica.

Mascherano durante l'intervista post partita ai microfoni di Antena 3

Alla domanda della giornalista, il numero 14 blaugrana ha quindi risposto in maniera molto piccata:

No, non me ne hanno fischiati troppi, credo mi abbiano fischiato quelli che ho commesso. Non secondo però quei geni che commentano attraverso uno schermo, per loro li commetto tutti io. È facile commentare con la moviola, potendo contare su mille immagini e angolazioni. Ma noi non prestiamo attenzione ai commenti e questo ci ha sempre permesso di ottenere risultati.

Non provocate il Jefecito che vuole solo festeggiare le sue 300 presenze in blaugrana, insomma. Anzi, già vederlo fermarsi davanti alle telecamere delle tv è un passo avanti rispetto a quanto proclamò un mese fa: "Né ora né mai", rispose a un giornalista di Radio Marca dopo il match dello scorso 6 novembre vinto in casa del Siviglia. Che l'interlocutore fosse di una testata notoriamente vicina al Real e "avversa" al Barcellona, può aver contribuito. Essere accusato di commettere tanti falli da rigore, invece, non lo accetta proprio da nessuno.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.