Cinque inquietanti fighter UFC con cui non vorresti avere a che fare

Cosa c'è di meglio che un bel viaggio tra i fighters più terrificanti passati da UFC? Allacciatevi le cinture e godetevi la nostra Top 5.

Colin Fletcher Copyright: UFC.com

534 condivisioni 0 commenti

di

Share

Che molti fighter UFC non abbiano un aspetto rassicurante non è certo una sorpresa. Tra cicatrici enormi, volti segnati e tatuaggi dal dubbio gusto, tantissimi sono stati gli atleti passati all'interno della promotion. Alcuni sinonimi di sobrietà ed eleganza - basti pensare a Yoshihiro Akiyama, storicamente accompagnato da "Con te partirò" di Andrea Bocelli, walkout song marchio di fabbrica del giapponese - altri di estro e sregolatezza.

Come detto però, non saranno quelli sopraelencati i combattenti di cui andremmo a parlare. Dunque bando alle ciance, e gettiamoci a capofitto nella nostra top 5 sui fighters più inquietanti passati da UFC.

Colin Fletcher 

Va senza dubbio a Colin Fletcher la palma di atleta più spaventoso visto all'interno dell'ottagono più famoso al mondo. La carnagione smunta, unite ad un tatuaggio parecchio inquietante - come potete constatare nell'immagine principale dell'articolo -  e ad un amore per un make-up decisamente creepy, fanno di Freakshow un atleta capace di tener fede al proprio nome. Peccato per lui però che l'avventura in UFC sia durata molto meno del previsto: dopo le due sconfitte arrivate per mano di Mike Ricci e Norman Parke, l'atleta inglese ha infatti fatto ritorno nella britannica BAMMA, spostandosi successivamente in Made4TheCage e venendo ricordato dai fans statunitensi più per un look bizzarro che per le non eccezionali prestazioni.

Copyright: MMA Fighting

Cain Velasquez

Copyright: MMA Fighting

Qui sfondiamo una porta aperta. Chi infatti tra i fan più o meno assidui delle MMA non conosce Cain Velasquez? L'ex campione dei pesi massimi UFC è noto per la sua incredibile ferocia all'interno dell'ottagono. Artista del ground and pound, tra i suoi tanti incontri si ricordano i bagni di sangue con Antonio Bigfoot Silva e Junior Dos Santos, usciti malconci dall'incontro con l'enorme statunitense di origini messicane. Adesso, già vi vediamo lì a chiedervi: "Che razza di uomo potrà mai essere un combattente così sanguinario?", e qui sta la sorpresa. Velasquez è soprattutto un uomo e padre di famiglia davvero esemplare, come testimoniano i numerosi scatti personali diffusi tra i social. Ciò non può che confermare al meglio il vecchio ma sempre attuale detto "L'abito non fa il monaco".

Sunday morning Spanish lessons. Clases de español domingueros.

A photo posted by Cain Velasquez (@officialcainvelasquez) on

Cris Cyborg Justino

Semplicemente la donna più temuta nel mondo degli sport da contatto. Chi infatti non ha provato terrore misto ad adrenalina nell'assistere agli incredibili match - divenuti in men che non si dica veri e propri massacri - di Cris Cyborg Justino? L'ex campionessa pesi piuma Strikeforce - oggi dominatrice della stessa categoria in Invicta FC - è ampiamente conosciuta per il suo striking aggressivo e frenetico, capace di annichilire e distruggere qualsivoglia avversaria le si pari davanti. Sbarcata da poco in UFC - dopo anni di rumors, voci di corridoio e trattative - Cris Justino è riuscita a confermare il proprio incredibile rendimento anche nella promotion più importante al mondo. Due catchweight disputati al limite delle 145 libbre e altrettanti ko parlano per la brasiliana, una vera e propria schiacciasassi dall'incredibile esplosività e dall'aura di imbattibilità, confermatasi anche all'interno della promotion presieduta da Dana White.

Wanderlei Silva

Copyright: FOX Sports

E qui ai più nostalgici scapperà una lacrima, in preda ai cosiddetti "big feels". Wanderlei The Axe Murderer Silva, brasiliano e leggenda del vale tudo e delle mixed martial arts, incarna forse più di tutti la visione del killer, sportivamente parlando. Picchiatore feroce e sempre aggressivo, gloria del Pride e della UFC, di Silva si ricordano le innumerevoli e memorabili battaglie con Quinton Rampage Jackson, Mirco Cro Cop Filipovic e soprattutto l'ultima - in ordine di tempo - guerra, ovvero quella con l'ex U.S. marine Brian Stann.

Demetrius Johnson

Copyright: MMA Fighting

Giungiamo  al fighter più temibile. Sì, lo sappiamo: già vediamo molti di voi pronti a storcere il naso, chiedendosi: "Come può un uomo di 1,60 cm per 57 chilogrammi essere considerato un combattente così spaventoso?". Beh, per descrivere Demetrius Mighty Mouse Johnson noi le parole le abbiamo già finite da un pezzo. Numero 1 indiscusso dei ranking pound for pound UFC, è atleta velocissimo, dal gran cardio e completo in tutti gli aspetti del combattimento. Dominatore assoluto della propria categoria di peso - i mosca -, non c'è avversario che non abbia sofferto contro "Il Topo Assassino": tolte le due sconfitte arrivate in una divisione impropria, ovvero quella dei pesi gallo, nessuno è infatti riuscito ad impensierire più di tanto Johnson, capace di trascinare nell'oblio ogni sfortunatissimo fighter trovatosi di fronte alla propria strada. Ne sa qualcosa il buon Tim Elliott, che pur bene aveva fatto nel primo round contro il campione sabato scorso, al TUF 24 Finale. Nulla di fatto però, Johnson è infatti stato capace di prendere le misure al ben più grosso sfidante, chiudendo qualsiasi spazio e surclassandolo con costanza e pressione da vero fuoriclasse.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.