Serie A, la classifica: il derby va alla Roma, ok Juventus e Milan

La Roma si aggiudica il derby contro la Lazio e resta in scia della Juventus, il Milan vince a fatica contro il Crotone. Salgono in classifica Napoli, Fiorentina e Sampdoria.

Alla Roma il derby contro la Lazio

90 condivisioni 0 commenti

di

Share

La Roma di Spalletti si aggiudica il derby della capitale e risponde alle vittorie di Juventus e Milan. A decidere il match sono due centrocampisti, Strootman e Nainggolan: l'olandese apre le marcature sfruttando un erroraccio di Wallace, il belga chiude la partita con un tiro dalla lunga distanza che sorprende un Marchetti tutt'altro che preparato. Dopo nove risultati utili consecutivi si ferma la squadra di Inzaghi, al primo derby sulla panchina biancoceleste. La Roma mantiene inalterate la distanza in classifica dalla Juventus e si prepara ad affrontare alla prossima giornata il Milan, secondo a pari punti con i giallorossi.

La classifica della Serie A

I rossoneri faticano nel lunch match in casa contro il Crotone, che passa anche in vantaggio dopo 26 minuti con la rete di Falcinelli. Il Milan è però bravo a recuperare, prima con l'incornata di Pasalic e poi - dopo un rigore fallito da Niang - con la zampata di Lapadula a pochi minuti dal termine. L'attaccante ex Pescara trova la sua quarta rete in maglia rossonera, la prima a San Siro. La Juventus, dopo il clamoroso KO della scorsa settimana contro il Genoa, torna ad essere la schiacciasassi che tutti conoscono. Neanche una Atalanta in formissima - sette vittorie consecutive - riesce a bloccare i bianconeri, che passano in vantaggio dopo appena dieci minuti con il primo gol stagionale di Alex Sandro e raddoppiano subito dopo con il colpo di testa di Rugani. Nella ripresa è uno strepitoso Mandzukic (in serata di grazia) a chiudere il match, riaperto a pochi minuti dalla fine dal gol bandiera di Freuler. Niente da fare per Gasperini, che non riesce a battere il record di vittorie consecutive stabilito nel 2014 da Colantuono.

Ad approfittare degli stop di Lazio ed Atalanta è il Napoli, che nell'anticipo del venerdì si sbarazza abbastanza facilmente dell'Inter e sale al quarto posto a pari punti con biancocelesti e bergamaschi. Dopo appena cinque minuti gli uomini di Sarri si trovano già avanti per 2-0 grazie alle reti di Zielinski e Hamsik. Nella ripresa arriva anche il tris di Lorenzo Insigne, alla terza partita consecutiva in rete. Dopo un pareggio e una vittoria, Pioli subisce la prima sconfitta in campionato sulla panchina nerazzurra e si vede superare in classifica dalla Fiorentina, vincente in casa contro il Palermo. Inizia male l'avventura di Corini sulla panchina rosanero: i suoi riescono per novanta minuti a resistere contro la Viola, ma è il gol di Babacar al novantesimo a regalare la vittoria a Sousa dopo il pareggio firmato Bernardeschi e Jajalo. Subito dietro la Fiorentina troviamo la Sampdoria. In una bellissima partita i blucerchiati hanno la meglio sul Torino grazie alle reti di Barreto e Schick, trovando così il sesto risultato utile consecutivo.

In chiave salvezza, pesante vittoria del Sassuolo contro l'Empoli. Al Mapei Stadium, i neroverdi vanno avanti grazie a due rigori - trasformati da Pellegrini e Ricci - e chiudono la partita nel secondo tempo con il gol di Ragusa. Grazie a questi tre punti superano momentaneamente Bologna e Udinese - impegnate nel posticipo del lunedì - e si portano al 14esimo posto. Resta ancora fuori dalla zona retrocessione l'Empoli, che si vede però avvicinare dal Pescara. Il Delfino ottiene un punto contro il Cagliari, avanti al 24' con Borriello. Nonostante la superiorità numerica per più di 60 minuti per l'espulsione di Di Gennaro, la squadra di Oddo riesce a trovare il pari solo allo scadere grazie a Caprari.

Il prossimo turno di Serie A

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.