RIVALITÀ - Lazio-Roma, derby tra orgoglio e barriere

Saranno quasi 50mila i tifosi presenti allo Stadio Olimpico per il derby Roma Lazio. Curva Nord esaurita, la Sud rimarrà semi-deserta. Malagò parla di assurdità.

Rivalità Lazio-Roma

69 condivisioni 0 commenti

di

Share

Dopo che il mondo del calcio ha vibrato per il Clásico, si guarda verso Lazio-Roma. Come ormai accade da tempo, l'Olimpico si prepara ad accogliere i giocatori delle due squadre in un clima insolito, senza il brivido del tifo che, storicamente, coinvolge l'intera città e non solo. La nuova puntata di Rivalità si divide tra biancoceleste e giallorosso.

Lazio
La Lazio ospiterà la Roma nel derby di domenica

L'antefatto

Il fattore scatenante risiede nelle misure di sicurezza installate un anno e mezzo fa. Le due curve dell'Olimpico, infatti, sono state divise a metà da altrettante barriere che dovrebbero arginare i casi di violenza e facilitare la gestione di afflusso e deflusso nel settore. Non ci si è limitati ai soli eventi calcistici, visto che il recente test match dell'Italrugby contro gli All Blacks ha visto il persistere delle divisioni nonostante la Questura ne avesse precedentemente disposto la momentanea rimozione. Il caso romano è un unicum in Italia: nessun altro stadio ha delle barriere all'interno di uno stesso settore.

Lazio-Roma derby
Le barriere che dividono le due curve

La reazione delle tifoserie

Quando le due fazioni contrapposte hanno trovato un punto d'accordo, si è sempre trattato di un episodio o di un periodo relativamente breve. Dalla comparsa delle barriere in curva, però, gli ultras di Lazio e Roma hanno condotto una battaglia comune che dura ormai dalla prima metà del 2015. La scelta di disertare le zone trainanti dell'Olimpico si sta rivelando coerente, a prescindere dai derby o dai grandi eventi. Nella prossima stracittadina, però, i laziali hanno deciso di fare un passo indietro ed entrare. In ogni caso l'atmosfera che caratterizzerà il match di domenica non sarà quella di un tempo.

Derby Roma
Olimpico semivuoto: un'anticipazione del prossimo derby

La voce dei protagonisti

Il derby non si gioca, si vince. Più che una frase fatta, è diventato un vero e proprio motto da parte di chi scende in campo per questo tipo di appuntamenti. Lazio-Roma, ovviamente, non fa eccezione e chi dovrà esserci spera in una reazione d'orgoglio da parte delle due tifoserie. Il primo a tendere la mano agli ultras è stato Daniele De Rossi, che nei giorni scorsi ha invitato i tifosi romanisti a tornare in Curva Sud per il derby:

Un derby senza curve è una miseria. Ci siamo imborghesiti.

Il centrocampista giallorosso, insieme a Totti e Florenzi, ha presenziato alla commemorazione di un tifoso scomparso, ribadendo il concetto anche nei confronti personali con gli esponenti dei gruppi organizzati. Le dichiarazioni di Capitan Futuro, a distanza di poche ore, hanno trovato eco in quelle di Giovanni Malagò, presidente del Coni:

Non è uno spot vincente. Lazio-Roma senza curve presenti è un'assurdità.

DDR
Daniele De Rossi tende una mano, ma gli ultras non cambieranno idea

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.