Clásico: le pagelle di Barcellona-Real Madrid

Suarez la sblocca, pareggia Ramos. Nel primo tempo il migliore è Modric, poi entra Iniesta e sale in cattedra. Male gli attacchi. Ecco i voti dei protagonisti del Clásico.

935 condivisioni 0 commenti

di

Share

Due palle inattive. Il Clásico si chiude in parità, merito delle due capocciate del secondo tempo: a sbloccare il match ci pensa Suarez, pareggio in extremis di Ramos. Ma i migliori in campo sono i due visionari di Barcellona e Real Madrid: nel primo tempo a dirigere la partita è stato Modric, che nel secondo tempo ha dovuto cedere la bacchetta al maestro Iniesta. Sterili gli attacchi, meglio le difese, eccezion fatta per Mascherano.

Le pagelle di Barcellona-Real Madrid

Barcellona (4-3-3): ter Stegen 6; Sergi Roberto 6, Piqué 6.5, Mascherano 5.5, Jordi Alba 6.5; Rakitić 5.5 (dal 60' Iniesta 7), Busquets 6.5, André Gomes 5.5 (dal 78' Arda Turan 5); Messi 6, Luis Suárez 6.5, Neymar 6 (dal 87' Denis sv). All.: Luis Enrique 5.5. A disp.: Cillessen, Denis, Umtiti, Digne, Paco Alcacer.

Real Madrid (4-4-2): K.Navas 6; Carvajal 5.5, Varane 6, Sergio Ramos 7, Marcelo 6.5; Lucas Vázquez 5, Modrić 7, Kovacić 6 (dal 87' Mariano sv), Isco 5.5 (dal 66' Casemiro 6.5); Benzema 4.5 (dal 78' Asensio sv), Cristiano Ronaldo 5.5. All.: Zinédine Zidane 6. A disp.: Casilla, Yáñez, Pepe, Nacho, James.

I migliori

Sergio Ramos 7

Se non si chiamasse già zona Cesarini, la si potrebbe intitolare a Sergio Ramos. Sempre all'ultimo respiro, sempre di testa. Zidane deve ringraziare il suo capitano, il Real rimane imbattuto per la 33esima partita consecutiva e mantiene il Barcellona a -6. Eppure lo spagnolo aveva lasciato a desiderare in fase difensiva: distratto, impreciso, troppo spesso in balia di Luis Suarez. Per sua fortuna il pallone buono gli capita quando tutto sembrava perduto. Dove non arrivano gli attaccanti, arriva Sergio Ramos.

Iniesta 7

Un fenomeno paranormale si abbatte sul Camp Nou. Dopo un'ora di non gioco del Barcellona, Luis Enrique si affida al giocatore che meglio di tutti conosce il peso specifico del Clásico. Da quel momento in poi la partita cambia come per magia. La sua, quella di Don Andres. Che in un paio di circostanze riesce a liberare i suoi compagni davanti al portiere: ma Neymar prima e Messi poi, peccano di precisione davanti a Navas. Vale la pena pagare il biglietto anche per solo mezz'ora di illusione, per solo mezz'ora di Iniesta allo stato puro.

Modrić 7

Perfetto. Non c'è altro aggettivo per descrivere il primo tempo del croato: quando c'è da ricamare gioco non sbaglia un passaggio, quando c'è da ripiegare non sbaglia un intervento. Ecco, Modric sa fare solo la cosa giusta. Sembra che lo avvisino in anticipo, perché dove va il pallone lui c'è. Sempre. Nel secondo tempo anche lui soffre l'ingresso in campo della sua nemesi. Davanti a Iniesta anche il miglior Luka deve inchinarsi. Ma la punizione che disegna per la testa di Ramos gli vale in 7 in pagella. Un altro maestro di calcio assoluto.

Luis Suárez 6.5

La sua è una di quelle partite brutte, sporche e anche un po' cattive. Quando però c'è l'appuntamento per il gol basta citofonare, lui risponde sempre. Neymar pennella, Luis si stacca dalla marcatura di Vazquez e anticipa Varane. Potrebbe essere il gol partita, quello che gli manca da troppo tempo (appena 3 reti nelle ultime 10 uscite stagionali), ma il pareggio in extremis del Real infrange il suo sogno.

I peggiori

Mascherano 5.5

Ha sulla coscienza la marcatura di Ramos sul pareggio del Real. O meglio, la non marcatura. Il difensore del Real è bravo a liberarsi con il fisico da chi, un difensore non lo è. E si era visto anche a inizio partita: dopo pochi minuti Mascherano entra in ritardo su Vazquez, il contatto c'è ed è dentro l'area di rigore. Per fortuna dell'argentino l'arbitro non punisce il suo intervento. L'unica occasione creata da Ronaldo arriva a seguito di un tunnel ai suoi danni. Insomma, troppi errori per un centrale con quella maglietta.

Arda Turan 5

Gioca poco più di un quarto d'ora e, oltre a non aiutare minimamente i compagni, commette un fallo ingenuo ai danni di Marcelo. Il brasiliano era di spalle, a meno di un metro dal fallo laterale, non serviva minimamente affondare il tackle. Dalla seguente punizione nasce il pareggio di Ramos. Bocciato su tutta la linea.

Lucas Vazquez 5

Primo tempo buono, anche di più. Parte esterno di centrocampo e, insieme a Carvajal, costringe Neymar a stare più attento alla fase difensiva che a quella offensiva. Ma nel secondo tempo succede quello che tutti i tifosi del Real Madrid temevano: con l'ingresso di Iniesta, la zona destra dei blancos va in terribile difficoltà. La coppia Neymar-Alba si prende la rivincita con gli interessi, sfonda senza soluzione di continuità. Costringendo Zidane a inserire un centrocampista puro come Casemiro. 

Benzema 4.5

Non era al meglio. E questo è vero. Gli sono arrivati pochi palloni giocabili. E anche questo ci può stare. Ma Benzema ha fatto di tutto per beccarsi l'insufficienza piena. Sempre fuori dal gioco, l'unica occasione che il pallone orbita nella sua zona impedisce a Cristiano Ronaldo di tentare l'acrobazia. In assenza di Morata e Bale, Zidane aspetta fino all'ultimo per sostituirlo. Meglio la freschezza di Asensio che l'insostenibilità di Karim. Deleterio.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.