Barcellona, Piqué e Puyol su Messi: "Resterà, questa è casa sua"

L'ex capitano del Barcellona e il potenziale futuro presidente del club sono convinti che l'argentino resterà in Catalogna: "Qui lo amano tutti, lui lo sa bene".

418 condivisioni 0 commenti

di

Share

Manca pochissimo ormai al Clásico tra Barcellona e Real Madrid delle 16.15 (esclusiva Fox Sports). Lionel Messi e Cristiano Ronaldo sono pronti a sfidarsi sul campo e poi, a prescindere da come andrà, i dirigenti catalani aspetteranno l'argentino in sede per tentare di chiudere una volta per tutte il discorso rinnovo. Messi fino a oggi ha preso tempo, così si sono susseguite continue indiscrezioni di mercato che lo hanno avvicinato prima al Manchester City di Guardiola (che però ha smentito subito dopo augurandogli di chiudere la carriera a Barcellona) poi al Paris Saint-Germain, già in contatto con il padre di Leo attraverso la mediazione del ds Patrick Kluivert.

Inevitabile sia così quando il contratto di uno dei due giocatori più forti del pianeta si avvicina alla scadenza, ecco perché il Barça farà di tutto per arrivare prima possibile a dama e spegnere sul nascere le sirene straniere. Secondo due leggende catalane come Gerard Piqué e Carles Puyol, però, non ci saranno problemi e alla fine la Pulce firmerà il prolungamento. Lo confermano in una lunga intervista a La Vanguardia, partendo proprio dal difensore che tra poco scenderà in campo al fianco di Messi per sfidare il Real Madrid:

Rinnoverà, sa benissimo che da nessun'altra parte starà bene come qui.

D'accordo con lui anche il suo ex compagno di squadra:

Credo proprio di sì, è il posto migliore per lui. Qui tutti lo amano. È casa sua.

Messi e il Clásico

A questo punto si può passare ad analizzare l'incidenza di Messi sui Clásicos e quale sia il suo modo di comportarsi dopo una prestazione eccezionale. Si parte sempre da Piqué:

Non solo nei Clásicos, lui incide in tutte la partite. Penso sia maturato molto negli ultimi tre anni. Dopo una bella prestazione non fa niente di particolare, prende il suo smartphone come tutti gli altri. Gli piace giocare a pallone, semplice. Così come è lui.

Poi tocca a Puyol:

Ha capito che la squadra ha sempre bisogno di lui, è coinvolto in ogni azione. È un giocatore generoso, non si risparmia mai. E nello spogliatoio, dopo una grande prestazione, in genere gli si passa il pallone con il quale ha realizzato la tripletta dicendogli: "Eccolo un altro Leo". Tenendo conto della sua importanza, comunque, Messi è molto naturale, normale. Ed è quello che conta di più.

L'avversario, CR7

Si passa poi a parlare del rivale per eccellenza di Leo Messi, cioè Cristiano Ronaldo. Ecco il parere dei due difensori sul portoghese del Real Madrid, quando gli viene domandato se sia stato il più difficile da marcare nella loro carriera. Puyol non crede sia così:

No, non è stato il più complicato da marcare. Messi lo è stato, in allenamento. Poi ci sono Henry e Drogba, per le loro caratteristiche.

Più diplomatico invece Piqué, che tra poco se lo troverà di fronte sul campo: 

Ha un istinto incredibile per segnare, anche se non sta bene fisicamente. Una dote innata. Ed è molto competitivo, una macchina che cerca sempre di migliorarsi, anche se adesso è meno coinvolto nel gioco collettivo.

Gli idoli da bambini

Si passa poi al momento amarcord, con i due catalani che raccontano quali fossero i loro idoli da bambini. E mentre Puyol si limita a indicare l'ex difensore del Barcellona Miguel Àngel Nadal - "Era una bestia" - il suo amico Piqué sceglie giocatori molto più offensivi:

Stoichkov era il mio idolo. Poi arrivò Ronaldo. Qualcuno del Real Madrid? Dico Hierro. Era un duro, ma l'ho sempre ammirato: difendeva la sua parte. Poi Mijatovic e Seedorf, sembrava un bravo ragazzo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.