Eurolega - Olimpia, Keith... si rivede! Langford sulla strada dell'EA7

Milano ritrova da avversario uno dei giocatori più amati delle ultime stagioni: classe e leadership, tra il miracolo Final Four sfiorato e lo storico scudetto vinto.

Keith Langford

22 condivisioni 0 commenti

di

Share

Si erano lasciati nel momento più bello, più romantico e più desiderato, con un velo di tristezza da ambo le parti per non essere riusciti a prolungare una storia tanto intensa quanto particolare. Ora, pilotati da un destino che ha modificato anche le regole di un'intera competizione, si ritroveranno nuovamente faccia a faccia: più di due, lunghi anni dopo quella notte da sogno, coronata da uno scudetto che in casa biancorossa mancava da tanto, troppo tempo. Keith... si rivede, insomma: Langford e l'Olimpia torneranno a guardarsi negli occhi in una delle solite, fredde giornate russe, riscaldate dall'inusuale revival di una storia che inevitabilmente strapperà a entrambi un grande sorriso nel riabbracciarsi. Tutto prima della palla a due (diretta dalle 16.30 su Fox Sports), ovviamente: perché poi, almeno per 40 minuti (o poco più), non esisterà ricordo che tenga.

Keith Langford
Keith Langford e l'Alphonso Ford Trophy, conquistato nel 2013-14 con la maglia dell'Olimpia

Di americani di talento, nella storia della pallacanestro milanese, non ne sono certo passati pochi: da D'Antoni a McAdoo, passando per Carr e Carroll. Eppure, K-Freeze occupa sempre un posto speciale nel cuore e nella memoria dell'ambiente Olimpia, pur avendo vinto meno di chi lo ha preceduto: sguardo che si illumina e flashback che tornano d'attualità. Perché al solo pensiero, obiettivamente, risulterebbe troppo difficile trovare nell'attualità cestistica un giocatore tanto completo, dominante ed esaltante sui parquet europei: primo passo mortifero, solidità e resistenza ai contatti anche più duri per chiudere al ferro, isolamenti e tiri in fade-away immarcabili. Ne avevamo esaltato le qualità poco meno di un mese fa, quando faceva registrare numeri da capogiro tra campionato russo ed Eurolega. E tanto per non smentire nessuno è rimasto là, a 23 punti di media a gara, in vetta quella classifica cannonieri già conquistata, proprio con la maglia dell'EA7, nel 2013-14.

Barba folta ed esperienza ulteriormente rafforzata, così come una consapevolezza offensiva mai mancata nel suo bagaglio: nell'osservare attentamente ora Keith, rispetto ai vecchi tempi milanesi, sono i piccoli dettagli a far la differenza. Un po' come in tutto ciò che è grande, giocatori compresi: a Milano, sotto la guida di Scariolo, era arrivato come super colpo dell'estate Olimpia, affiancato a Malik Hairston in un duetto che in tante occasioni, più che esplodere, ha finito per implodere nell'ennesima stagione biancorossa priva di soddisfazioni. Poi, qualcosa è cambiato: la voglia di vincere ad alti livelli anche in Italia, dopo la bella parentesi alla Virtus Bologna, di essere tra i protagonisti di un digiuno milanese ventennale finalmente cancellato. Poco meno di 17 punti di media in campionato, quasi 18 in Eurolega per sollevare l'Alphonso Ford Trophy e portare l'EA7 ad un passo dalle Final Four, crollando dalla lunetta sul primo ferro in quell'incredibile finale di gara 1 contro il Maccabi: errore al quale ha provato a rimediare fino in fondo, con una prova di totale cuore a Tel-Aviv tuttavia inutile ai fini del risultato.

Keith Langford
Keith Langford nel suo classico palleggio, arresto e tiro in fade-away

Giusto, però, che tutto si sia concluso con una gioia. Sofferta, fino in fondo, tra le serie contro Pistoia ed una Siena che, di lì a poco, sarebbe scomparsa dai radar della Serie A: meno appariscente, nei momenti capaci di decidere una stagione, con il duo Gentile-Jerrells a prendere in mano il comando delle operazioni. Eppure, comunque vincitore: e chissà quante scarpe avrà cambiato, Keith, negli intervalli di quelle partite. Superstizioso come pochi, con tanto di calzini fortunati a guidarlo verso il suo primo (e sinora unico) scudetto vinto. A giudicare dalle prestazioni attuali, potremmo essere quasi certi che le sneakers indossate in ogni partita siano rimaste sempre le stesse: con Langford, però, mai dire mai.

Imprevedibile anche nelle situazioni più scontate, motore mancino di un Unics in difficoltà chiamato, contro l'Olimpia, a tentare di ritrovare la via del successo. Lì, in quella Kazan che lo ha accolto proprio dopo l'addio all'EA7: questione (anche) di cifre impareggiabili per un fuoriclasse che, abbondantemente superati i 30 anni, sembra essersi definitivamente scrollato di dosso quegli sbalzi di pressione che, solo in alcuni finali di gara, l'hanno tradito. E che prima di una gara tutt'altro che usuale per lui torneranno a farsi sentire, ma solo prima della palla a due: tra un battito accelerato e l'altro, nel rivedere una vecchia maglia indossata e soprattutto vissuta. Attendendo aprile e quell'ultima giornata di regular season: quando sarà la standing ovation del Forum, stavolta, a far brillare i suoi occhi. Sciogliendo un po' quel ghiaccio che, nelle sue vene, non è davvero mai mancato. 

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.