José Mourinho si becca un'altra espulsione e diventa... War-inho

Tabloid scatenati contro il portoghese, accusato di non saper più vincere né di mantenere il controllo, e di trascinare nel fango il buon nome del Manchester United.

Mourinho

710 condivisioni 0 commenti

di

Share

Se un calciatore si fa buttar fuori dopo mezzora di gioco, è garantito che il giorno dopo le sue pagelle siano più sanguinolente di una tonnara. E allora quale trattamento dovrebbe ricevere un allenatore che abbia commesso la stessa sciocchezza? In effetti, coerentemente, stamattina José Mourinho non se la sta passando bene sui tabloid. Secondo la geniale intuizione del Sun, a causa dell'espulsione rimediata ieri nella prima parte di Manchester United-West Ham, il portoghese è diventato War-inho (che potremmo tradurre con un Guerrinho niente male):

José Mourinho è una minaccia, è fuori controllo, al centro del palcoscenico per i motivi sbagliati. Nessuno riesce a fermare quest'uomo che s'infuria, sbraita e ringhia. È in guerra. Con se stesso. Con il mondo. Con l'arbitro Jon Moss. Sta rovinando la buona reputazione del Manchester United. Cosa potranno mai pensare di lui Sir Alex Ferguson e Sir Bobby Charlton? Come la FA, saranno sicuramente stufi marci di lui. Lo siamo tutti

Col risultato fermo sull'1-1 (gol di Ibrahimovic dopo il vantaggio immediato degli Hammers), Mourinho ha perso la ragione dopo che l'arbitro aveva ammonito Pogba per simulazione, poco prima del 30' minuto, protestando platealmente e prendendo a calci una bottiglietta d'acqua innocente che si trovava nei paraggi.

Il Sun continua e ci va giù pesantissimo:

Una volta Mourinho era il volto stesso del calcio, tutti avrebbero voluto un pezzo di questo carismatico supercoach. Ma oggi è soltanto un moccioso viziato e petulante. I suoi giocatori preferirebbero essere allenati da Guardiola, da Wenger, da Conte o da Klopp e lui non lo sopporta. Così li ostacola e nel farlo sta trascinando il club nel discredito generale con i suoi atteggiamenti sconcertanti e psicotici

Meno caustico il Mirror, che preferisce concentrarsi su ciò che (non) si vede sul campo:

Mourinho sta diventando uno specialista nel non vincere con il Manchester United. Calci alle bottiglie, invettive contro gli arbitri, non importa: lui trova sempre nuovi modi per non vincere (...). Inoltre, gli è sempre più difficile comportarsi con un minimo di decoro, e questo non è un bel modo di fare per un manager di un top club

Il sempre meno Special One era già stato espulso il mese scorso durante il pareggio a reti bianche contro il Burnley, scontando un turno di squalifica contro lo Swansea, e si era poi beccato 50mila sterline di multa per i suoi commenti sulla nomina di Anthony Taylor per il match con il Liverpool. Con ogni probabilità, la sceneggiata di domenica contro il West Ham costerà a Mourinho almeno due giornate da spettatore.

Il che potrebbe anche non rivelarsi un male, per il Manchester United, alle prese con la sua peggior partenza dal 1989-90, cioè da quando la Premier League ancora non esisteva, e che ha pareggiato le ultime quattro gare casalinghe consecutive, come non gli accadeva dal 1980. Tra l'altro, di questo passo Mourinho potrebbe raggiungere Allegri nell'angusta categorie di tecnici in grado di perdere il campionato con uno Zlatan Ibrahimovic nella faretra.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.