Liga, Celta Vigo-Granada 3-1: con questo Iago Aspas si può sognare

Al Balaídos quinta vittoria consecutiva per la squadra del Toto Berizzo che ha la meglio anche del Granada: decisive le reti di Iago Aspas, Bongonda e Pape Diop.

87 condivisioni 0 commenti

di

Share

È il solito show di Iago Aspas. Quando gioca il Celta Vigo tutti gli occhi sono per il numero 10, decisivo anche contro il Granada. Un gol e un assist per l'attaccante della nazionale spagnola, che regala altri tre punti a Berizzo. Terza vittoria nelle ultime cinque partite per i celesti, quinta consecutiva in Liga tra le musa casalinghe. Gli andalusi, dal canto loro, erano riusciti a pareggiare le ultime due, ma si devono arrendere alla superiorità dei padroni di casa. Ormai l'ultimo posto sembra una condanna.

Primo tempo

Al Balaídos il Celta va in cerca di riscatto dopo il deludente pareggio di giovedì con lo Standard Liegi, che rischia di compromettere il passaggio del turno in Europa League. La reazione dei ragazzi del Toto Berizzo si vede già dall'approccio alla partita, complice anche la pochezza tecnica del Granada fanalino di coda.

I padroni di casa ci mettono poco più di venti minuti per sbloccare la partita e lo fanno con il solito Iago Aspas. Disastro difensivo degli andalusi, che regalano la sfera all'attaccante spagnolo che da pochi passi brucia Ochoa con un missile sotto la traversa.

Strada in discesa per i celesti, che a pochi minuti dalla fine del primo tempo trovano anche il raddoppio: il gol porta la firma di Bongonda, ma il merito va ancora una volta ad Aspas, autore di un assist splendido. Non c'è stata partita, nel secondo tempo serve un altro Granada per ridare vivacità al match.

Secondo tempo

Nella ripresa i ritmi si abbassano ulteriormente, con gli ospiti che non trovano la forza per rimettersi in carreggiata. L'ingresso di Atzily e Bueno non sortiscono gli effetti sperati, con Alcaraz che non sa più che pesci prendere. L'emozione più grande della sfida la regala Iago Aspas che, all'ora di gioco, si inventa un pallonetto da quaranta metri che supera Ochoa e si stampa sulla traversa: un capolavoro di balistica che avrebbe meritato maggior fortuna. È il momento migliore della carriera di questo calciatore, che non è mai riuscito a fare il salto di qualità.

Ci sono venti minuti anche per Guidetti. Berizzo toglie dal campo Pepito Rossi: l'ex Fiorentina ha lavorato molto per la squadra e il Balaídos applaude la sua prova. Niente a che vedere con la standing ovation riservata a Iago Aspas, che lascia il campo a 5 minuti dalla fine.

Chiamatela superstizione, ma il Granada riesce a tornare in partita proprio nel momento in cui esce l'attaccante della nazionale spagnola. Erroraccio di Cabral, che sbaglia il retropassaggio e concede a Kravets l'occasione per dimezzare lo svantaggio: 2-1, adesso è assedio degli andalusi.

Niente paura, ci pensa il neo entrato Pape Diop a riportare a due le distanze tra Celta Vigo e Granada. Proprio lui, entrato al posto dell'uomo partita, che anche uscendo dal campo è riuscito ad incidere sulla partita. Con questo Iago Aspas si può davvero sognare.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.