Eurolega - EA7-Fenerbahçe, Top & Flop: Sanders non basta, male Hickman

Gli aspetti migliori e peggiori della gara di ieri del Forum: Sloukas imprendibile per l'Olimpia, McLean sempre utile e prezioso. E la gestione di Repesa non brilla

13 condivisioni 0 commenti

di

Share

Non è bastato un terzo quarto super, da 27 punti e da un parziale di +13 capace di portare Milano al massimo vantaggio della partita (+5). Difficile pensare che solo 10 minuti, pur giocati con straordinaria intensità difensiva e con un Sanders indemoniato, potessero bastare all'Olimpia di Jasmin Repesa per avere la meglio sul Fenerbahçe, non nel proprio miglior momento di forma ma certamente tra le migliori squadre di questa Eurolega. Il 70-79 finale lascia un pizzico di amaro in bocca all'EA7, capace di restare attaccata al match per 40 minuti ma di pagare a caro prezzo lo sforzo profuso per mettere la testa avanti dopo l'intervallo: qualche aspetto positivo e ancora tante cose da rivedere, in casa biancorossa, per un mancato successo che avrebbe certamente potuto dare un'enorme iniezione di fiducia in più per il prosieguo della stagione.

Top

Jamel McLean
Jamel McLean

Rakim Sanders - Con i 17 punti segnati ieri sera ha ulteriormente innalzato la media punta accumulata sinora in Eurolega, portandola a quota 14.6: e che sia l'uomo più in forma di questa Olimpia, francamente, non è un mistero. Trascinatore anche ieri, in un terzo quarto pazzesco tra 7 punti, tanta difesa e una super stoppata su Datome, con l'impressione di essere diventato un vero e proprio go-to-guy per la squadra di Repesa: dalla gara contro il Real Madrid, Rakim ha decisamente svoltato a livello di prestazioni, deludendo (come tutta l'EA7) solo nella trasferta di Belgrado. In 5 gare in doppia cifra per l'ala classe '89, sinora, la vittoria è arrivata solo in due occasioni: record decisamente da migliorare, con il necessario supporto di una squadra non sempre totalmente presente nell'appoggiare il suo leader.

Kostas Sloukas - È passato dall'essere sesto uomo di lusso della squadra di Obradovic, svolgendo nell'annata precedenti il ruolo di play di riserva alle spalle di Hickman e Goudelock, a play titolare e momentaneo miglior realizzatore del Fener. Media punti mai mantenuta così alta in carriera, portata sostanzialmente al doppio in Eurolega: 12.8 a partita e 18 ieri, imprendibile per i "piccoli" milanesi e non solo. Dopo i 24 al Galatasaray, con 27 di valutazione, e i 21 nella scorsa gara contro l'Anadolu Efes, è arrivata anche la grande prestazione al Forum, tra scorribande nel pitturato e perfetta gestione del match. E la valutazione recita "25": indicativa...

Jamel McLean - Tra i lunghi più sottovalutati di questa Eurolega, l'ex Alba Berlino si è dimostrato, ancora una volta, uomo semplicemente fondamentale per la presenza nel pitturato della squadra di Repesa. Tanto pulito e semplice nelle proprie giocate quanto efficace: 15 punti dalla panchina con 8 rimbalzi, 6 falli subiti e 22 di valutazione, autore insieme a Sanders della rimonta che aveva portato Milano avanti al termine del 3° quarto di gioco. Per continuità e caratteristiche, da unico elemento atletico sotto al ferro per l'EA7, giocatore indispensabile per questa Olimpia. 

Flop

Ricky Hickman
Ricky Hickman

Gentile-Hickman - 11 punti in due (6 per l'ex Maccabi, 5 per Ale) e 4/14 dal campo complessivo, con 3 palle perse a testa e la generale sensazione di non essere mai entrati nel match: problema non di poco conto, per l'Olimpia, che in due importanti elementi del proprio quintetto base non è riuscita a trovare quella qualità e quantità di punti normalmente attribuibile a grandi attaccanti simili. Hickman, in particolare, continua a litigare con un tiro da 3 punti che proprio di entrare non vuole saperne: 6/26 complessivo in Eurolega per un misero 23,1%, senza riuscire a ripetere la prestazione da grande ex pienamente riuscita nella prima uscita stagionale contro il Maccabi Tel-Aviv.

4° quarto EA7 - 7 punti segnati, 21 subiti, blackout offensivo totale e super parziale del terzo periodo cancellato. In generale, di fronte ad una prova difensiva nel complesso buona e con dieci punti in meno subiti rispetto alla media (89.3) precedentemente registrata, a mancare è stata ancora la fase offensiva, in netto calo dopo la bella prova contro Vitoria ed autrice di 140 punti complessivi in due gare: da primo a terzo (87.3 punti di media) miglior attacco dell'Eurolega, per un piccolo calo che ha fatto decisamente perdere smalto e fluidità a questa Olimpia. 

Gestione Repesa - Si è detto deluso da diverse prestazioni della sua squadra, con "aspettative troppo alte" createsi attorno al gruppo biancorosso dopo una super campagna acquisti. Eppure, nella gara di ieri, Repesa sembra forse aver perso i momenti adatti nella gara per rinunciare ad alcuni elementi e schierarne altri: troppo poco, a primo impatto, lo spazio concesso ad Abass (in grande crescita nelle ultime settimane) e Pascolo, positivi nei pochi (rispettivamente 7 e 9) minuti giocati ieri; tanta, al contrario (seppur non direttamente collegata) l'insistenza nel puntare su Hickman e Gentile, mai capaci di dare risposte e segnali convincenti con continuità nel match. Nel più classico dei concetti di squadra, nella sconfitta di ieri sembra giusto dover dividere equamente gli errori tra panchina e parquet, davanti ad un grande Forum da 12mila persone che forse, nel complesso, avrebbe meritato qualcosa in più dalla propria squadra.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.