Bournemouth, Ibe minacciato con un coltello: rubato Rolex da 29mila euro

Paura per Jordon Ibe. L'attaccante in forza al Bournemouth è stato speronato da alcuni rapinatori che lo hanno costretto a cedere un Rolex da 29mila euro.

Jordon Ibe

488 condivisioni 0 commenti

di

Share

Brutto quarto d'ora vissuto dall'attaccante esterno in forza al Bournemouth Jordon Ibe. Il giovane talento dell'Under 21 inglese è stato rapinato nelle vicinanze della stazione Surrey Quays di Londra, in data 6 novembre 2016. Al termine di una sessione d'allenamento mattutina, Ibe è stato speronato dall'auto di alcuni malintenzionati che lo hanno prima costretto a scendere dall'auto, intimandogli successivamente di sfilarsi l'orologio sotto minaccia di un coltello. Nessuna opposizione da parte del calciatore in forza delle Cherries, che ha consegnato senza alcuna remora il proprio Rolex da 25.000 £ - circa 29.000 € - al gruppo di rapinatori, dileguatosi subito dopo.

Ibe Bournemouth

Aggressione, quella subita dal prodotto del settore giovanile del Liverpool, riconducibile secondo le prime indagini di Scotland Yard agli stessi criminali che hanno aggredito soltanto quattro giorni prima Andy Carroll. Il 2 novembre scorso l'attaccante del West Ham era stato approcciato da due motociclisti armati di pistola. Più fortunato tuttavia il centravanti degli Hammers, capace di seminare l'accoppiata di delinquenti dopo un breve inseguimento. 

Carroll West Ham

Proseguono imperterrite le indagini da parte delle autorità inglesi, che stanno cercando di carpire eventuali legami tra i due episodi occorsi ad entrambi i calciatori militanti in Premier League. Nonostante gli indizi raccolti, non vi è infatti la necessaria chiarezza per ricondurre con certezza le due aggressioni agli stessi mandanti e/o esecutori materiali. Sta di fatto che il verificarsi di tali episodi nel mese di novembre ha messo in allerta parecchi calciatori militanti nei vari campionati britannici. Non resta che attendere il consueto svolgere delle operazioni di ricerca mosse dalle forze di polizia d'oltremanica.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.