Formula 1: la Force India ufficializza l'arrivo di Esteban Ocon

Il ventenne francese sarà il nuovo pilota della Force India insieme a Sergio Perez. Alla fine è riuscito a spuntarla sul suo ex compagno alla Manor, Pascal Wehrlein.

Esteban Ocon, il nuovo pilota della Force India

66 condivisioni 0 commenti

di

Share

Era nell'aria da un po', adesso è ufficiale. Il nuovo compagno di Sergio Perez nella Force India del 2017 sarà il pilota francese (ma di chiare origini spagnole) Esteban Ocon, che riesce così ad avere la meglio sul suo ormai ex partner nella Manor, il tedesco Pascal Wehrlein, con il quale è rimasto in ballottaggio fino all'ultimo. Entrambi erano in lizza per sostituire Nico Hulkenberg, anche per via della programma giovani di Mercedes, che oltre a fornire motori ha anche stretto da tempo una forte sinergia con la scuderia angloindiana.

"Talento eccezionale"

A comunicare l'ingaggio di Ocon ci ha pensato direttamente il proprietario del team di Silverstone, Vijay Mallya:

È davvero un piacere dare il benvenuto a Esteban, il nostro nuovo pilota titolare per il 2017. È un talento eccezionale e lo ha dimostrato. Abbiamo seguito la sua crescita anno dopo anno e non abbiamo dubbi che possa sbocciare nella nostra squadra. Lui ha corso con noi nei test dell'anno scorso e le sue prestazioni ci hanno convinto da subito.

Le prime parole

Grande felicità anche per lo stesso Esteban Ocon, che ha subito commentato l'inizio di questa sua nuova avventura:

Sono entusiasta di entrare a far parte della Force India. Il team lo conosco già piuttosto bene visto che sono stato test driver lo scorso anno. Adesso non vedo l'ora di cominciare a lavorare nuovamente per questa scuderiaVorrei ringraziare la Manor e Mercedes-Benz per il supporto e la fiducia che hanno riposto in me.

Il giovane francese che ha da poco ha compiuto vent'anni è impaziente di poter cominciare a lavorare con la scuderia di Silverstone:

Sono in Formula 1 da poco, ma trascorrere mezza stagione alla Manor mi ha comunque permesso di accumulare una buona esperienza: mi sento pronto per questa opportunità in Force India.

Due titoli in carriera 

Ocon si affaccia nel mondo delle quattro ruote nel 2006, precisamente nei kart dove riesce subito a mettersi in mostra vincendo l'edizione 2007 del campionato francese. Risultati che gli permettono, nel 2009, di salire di categoria e approdare in KF3: ci resta appena due anni, il tempo di conquistare il titolo francese e terminare al secondo posto nel WSK Euro Series. Anche questa categoria gli sta già stretta, il passo nelle monoposto è fisiologico: l'opportunità gliela concede la Koiranen Motorsport, che lo lancia nella Eurocup Formula Renault 2.0.

Lui coglie l'occasione andando per quattro volte a punti e centrando addirittura un podio nella corsa di casa, a Le Castellet. L'anno successivo passa all'ART Junior Team e qui riesce a ottenere la prima vittoria, concludendo poi la stagione al terzo posto in classifica generale. Sempre nel 2013 arriva anche l'esordio in Formula 3 con la Prema Powerteam nel Gran Premio di Macao: riesce a convincere così tanto che la scuderia lo conferma l'anno successivo e lui ripaga vincendo il suo primo titolo in F3, addirittura con una gara d'anticipo. La seconda (e al momento ultima) vittoria arriva invece nel 2015 in GP3 Series nelle fila dell'ART Grand Prix.

La Formula Uno

Le sue doti non sfuggono agli osservatori del Circus: nel 2014 viene scelto per essere test driver della Lotus e già in quell'anno debutta pure nel corso delle prove libere del Gran Premio di Abu Dhabi. Nel 2016 arriva finalmente il passaggio definitivo in Formula Uno quando arriva la chiamata della Manor, pronta a puntare su di lui a stagione in corso per sostituire l'indonesiano Rio Haryanto nel Gp del Belgio. Guida anche nelle sei gare successive, senza mai riuscire ad arrivare in zona punti. Ma il suo modo di guidare ha colpito comunque la Force India e lui non vede l'ora di ripagare questa fiducia:

È qualcosa per cui ho combattuto tutta la mia vita e ho intenzione di dedicare tutto me stesso per ottenere i risultati che la squadra si aspetta da meI prossimi mesi saranno piuttosto impegnativi, lavorerò molto alla factory e al simulatore, cercando di conoscere al meglio gli ingegneri e il resto del team.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.