Alla faccia! Venti 20 calciatori ideali per una maschera di Halloween

Dai ricci di Valderrama alle creste di Nainggolan, passando per l'alternativo Taribo West e il duro Stam, fino ai classici Ribery e Taddei: a voi la scelta.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Si sa, alle feste ciò che più conta è il vestito che si indossa. La scelta del look deve essere studiata, non si può lasciare nulla al caso se si vuole veramente colpire. Se poi l'invito è per una festa in maschera, allora possiamo davvero dare spazio a tutta la nostra fantasia e creatività. Trucchi, colori e accessori di ogni tipo sono i principali alleati per un travestimento coi fiocchi. Avete una voglia matta di mettere paura agli altri invitati? Potreste pensare ad una maschera da "duri" o ad una da film degli orrori. O preferite strappare una risata? Allora forse è meglio se indossate un costume buffo e stravagante. L'importante è divertirsi, non prendersi sul serio e mantenere una certa originalità. 

È un po' quello che accade durante la notte di Halloween, la festa di origine anglosassone celebrata anche in Italia il 31 ottobre. Ognuno si attrezza per risultare più brutto e spaventoso possibile, utilizzando spesso travestimenti tradizionali come quelle di fantasmi, streghe e teschi. E se provassimo ad inventarci nuovi costumi, magari prendendo spunto dai calciatori? L'idea sarebbe sicuramente autentica. Sono numerosi i giocatori che a causa delle loro strane pettinature o delle disarmonie somatiche potrebbero benissimo ispirare una maschera per la festa di Halloween. Ne abbiamo scelti 20 che, per un motivo o l'altro, farebbero la loro "brutta" figura.

Vota anche tu!

Vi travestireste da calciatore per la notte di Halloween?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

I grandi classici

Quando si vuole andare sul sicuro, si va sul classico. Anche nel mondo del calcio esistono personaggi che potrebbero essere ritenuti dei "classici" per la serata del 31 ottobre. Denti storti, cicatrici sul viso e capigliature rivedibili contraddistinguono il loro aspetto rendendoli tra i più gettonati. Vediamo chi sono.

1. Franck Ribéry

Alla faccia, Franck! Non ce ne voglia, ma di certo Ribery non è il ritratto della bellezza. Le due cicatrici che porta sul volto, segni rimasti evidenti a seguito di un incidente d'auto insieme ai genitori quando aveva solo due anni, gli sono valse il soprannome di "Scarface". Se si dà uno sguardo anche al sorriso, è facile intendere perché potrebbe ispirare un nuovo costume. Con la sua maschera sareste perfetti per Halloween e fareste invidia a chi ancora sceglie fantasmi e teschi.

Ribery, attaccante del Bayern Monaco
Non sarà un Adone, ma Ribery è ideale come maschera per Halloween

2. Carlos Tevez

Cambia il personaggio, non la sostanza. Certamente diversi per caratteristiche tecniche quando scendono in campo, Ribery e Tevez fanno a gara a chi è più spaventoso. Anche l'argentino, quando aveva appena dieci mesi, è rimasto vittima di uno sfortunato e doloroso episodio: gli è caduta sul viso dell'acqua bollente e si è procurato una vistosa cicatrice. 

Tevez col Boca Juniors
Un altro classico è Carlitos Tevez

3. Rodrigo Taddei

Ai tempi della Roma, Rodrigo Taddei era spesso oggetto di battute da parte dei tifosi della Lazio per il suo aspetto. Ricordatevi di tenere i capelli leggermente lunghi, lisciateli e, se potete, procuratevi anche una fascetta o un elastico per mantenere libera la larga fronte: seguendo queste indicazioni dovreste assomigliargli parecchio. Ah, disegnatevi anche un bel sorriso sulla faccia per rendere il tutto ancora più realistico. Da "cartone animato", questa una delle prese in giro più frequenti rivolte al brasiliano, a maschera per Halloween il passo non è stato nemmeno tanto lungo.

Rodrigo Taddei, ex calciatore della Roma
Il bello della maschera di Taddei è che è sempre sorridente

4.Taribo West

Avviso: per chi si sente un artista incompreso, questo è il personaggio che può fare al caso vostro. Seguendo il pazzo stile di Taribo West, ex giocatore dell'Inter rimasto famoso non solo per aver mentito sulla sua età ma anche (e soprattutto) per le sue particolari acconciature, potrete sbizzarrirvi creando nuove colorate pettinature. Ce ne sono di esempi da cui prendere spunto: dai ciuffi di treccine verdi, a quelle gialle, passando per quelle nero-blu, il nigeriano ha fatto della sua testa un quadro da decorare. Magari, in omaggio alla festa anglosassone, si potrebbero sperimentare le treccine arancioni.

Taribo West, ex Inter
Taribo West, qui nella versione in verde

5. Carlos Valderrama

Da un classico a un altro, i capelli di Valderrama hanno fatto scuola. Qui però l'impatto è diverso: si punta tutto sull'effetto ricci d'oro. L'ex centrocampista colombiano ha fatto della sua folta chioma bionda un invidiatissimo stile. Non dimenticate di riprodurre sul vostro viso i baffoni scuri, pensati apposta per rendere meglio il contrasto con i capelli: sono quelli a trasformarvi in un sudamericano DOC.

Valderrama
Cascata di ricci, baffoni e sguardo misterioso: ecco Valderrama

6. Joleon Lescott

Non stava in macchina con Ribery quando si è procurato quelle cicatrici, ma il risultato è stato lo stesso. Una grossa e vistosa ferita sulla fronte, senza contare un taglio di capelli piuttosto discutibile, lo inserisce tra i calciatori non proprio affascinanti. Un'eventuale maschera che lo rappresentasse richiederebbe la cura di pochi (ma fondamentali) dettagli.

Lescott
Cicatrice alla Ribery sulla fronte e capelli opinabili: la maschera di Lescott richiede pochi particolari

7.Gervinho

Non vi convincono le treccine di Taribo West, nemmeno quelle sperimentali arancioni? Allora, provate a mascherarvi da Gervinho. Le differenze tra il nigeriano e l'ex giocatore di Roma e Arsenal ci sono. Nel caso in cui decideste di assomigliare a Gervinho, non dovreste spazientirvi nel trovare il colore più adatto alle vostre treccine. Lunghe, nere e tenute strette intorno alla testa da una fascia per non svelare il trucco. Quale? L'attaccatura dei capelli non è esattamente alla moda. 

Il velocissimo Gervinho
Meglio Gervinho o Taribo West? Gara a suon di treccine

I nuovi mostri

La categoria dei "nuovi mostri" prova a rappresentare un'alternativa alle maschere più classiche viste fino ad ora. Qualcuno è una vecchia conoscenza della Serie A, altri hanno fatto valere i propri difetti fisici soprattutto nei campionati esteri. Eccoli in tutto il loro splendore.

8. Emilson Cribari

L'ex difensore centrale della Lazio è stato uno dei pochi ad aver indossato una doppia maschera. Spiegamoci meglio. Gli occhi piccoli e le labbra leggermente gonfie già lo rendono fonte d'ispirazione per un travestimento di Halloween, dunque una maschera. Poi, l'aggiunta di una mascherina colorata stile Zorro, di quelle che si mettono a protezione del volto dopo un infortunio, gli ha dato un tocco in più e a noi ha suggerito un'opzione validissima per la nostra serata.

Cribari
La maschera di Cribari con la mascherina colorata sopra

9. Sulley Muntari 

Nemmeno Muntari poteva passare inosservato. Le sue smorfie ed espressioni esibite durante le partite o durante i festeggiamenti per un gol, hanno attirato la nostra attenzione. Troppo buffo, Sulley. Quei "canotti" al posto delle labbra, quel naso così schiacciato e ingombrante e quella fronte spaziosa fanno del ghanese un personaggio esilarante. Allo stesso tempo, una sua maschera farebbe fare un balzo a chi lo vede all'improvviso: diciamocelo, buffo sì ma anche bruttino, Sulley.

Muntari
Qui Muntari in tutta la sua bellezza

10. Alvaro Pereria

Per la par condicio, dobbiamo schernire anche un ex giocatore dell'Inter. Álvaro Pereira ci rende il lavoro piuttosto agevole, visto come si concia. Le ha provate un po' tutte per apparire più bello: dal capello lungo raccolto all'indietro, alle treccine, sino ad un taglio più contenuto con rasatura intorno. Non è che sia migliorato più di tanto, è pure vero che era difficile camuffare quella bocca così larga. Non importa anzi, bene così: per la notte di Halloween è perfetto.

A. Pereira
Álvaro Pereira (a sinistra) insieme a Forlán e Maxi Pereira con la maglia dell'Uruguay

11. Angel Di Maria

La leggenda narra che la notte di Halloween le creature più misteriose e macabre se ne vadano in giro per la città. La morte aleggia sulle case e la zucca intagliata ne è il simbolo. Allora cosa c'entra Angel Di Maria? Più che un personaggio funereo, a noi sembra un elfo spiritato tipico delle fiabe più dolci. Chissà se durante la notte delle streghe non si trasformi pure lui. Impegnandovi, potrete esaltare le caratteristiche dell'argentino proponendo la maschera di un mostriciattolo: orecchie a punta, viso allungato ed occhi sbarrati potrebbero fare concorrenza ai costumi più paurosi.

Di Maria
Un elfo ad Halloween: ecco Di Maria

12. Hector Herrera

Ecco, qui serve uno sforzo maggiore. Per costruire la maschera di Héctor Herrera, centrocampista del Porto e della Nazionale messicana ed in passato obiettivo di mercato del Napoli, è necessario lavorare soprattutto sui dettagli. La base di partenza è ottima: le orecchie alla Dumbo e la dentatura sporgente già vi permetterebbero di essere abbastanza spaventosi. Ma a tempo perso - magari per questo fatevi aiutare da qualcun altro, è richiesta precisione - potreste calcare meglio i lineamenti del viso, accentuando i tratti del mascellone e definendo la gobba sul naso. A quel punto potreste ritenervi veramente soddisfatti.

Herrera
La maschera di Herrera richiede un impegno maggiore, ma il risultato finale sarà da urlo

13. Nico Lopez

Il suo soprannome è il "Conejo", e fin qui tutto ok. Vedendo un tenero coniglietto, chi potrebbe mai spaventarsi? Non è come sembra, però. L'ex attaccante di Roma ed Udinese del coniglio ha conservato solo gli incisivi e, al massimo, la rapidità nel "saltare" gli avversari. Per il resto, l'aspetto lascia parecchio a desiderare. Detto ciò, voi comunque quando domandate 'Dolcetto o scherzetto?' provate ad intenerirli con Nico, non si sa mai che i vicini di casa siano amanti degli animali...

Nicols López
Il "coniglio" López

14. Modibo Diakité

Quel colosso di Modibo Diakité vi suggerisce un'altra possibilità. Se la vostra stazza ve lo consente, potrete travestirvi da orco indossando proprio la maschera dell'ex Lazio. Se poi durante la festa esibite anche un passo dinoccolato, tipico del centrale francese, allora non sareste solo bravi nel camuffamento ma apparireste anche esperti imitatori.

Diakité
Per assomigliare a Diakité, oltre alla stazza, serve anche un passo sciolto

15. Mesut Ozil

Tanto forte in campo con le maglie di Real Madrid ed Arsenal, quanto bruttino. C'è da dire però, che ha sempre mantenuto un look decisamente sobrio. Il problema è nell'espressione del viso: spenta. Gli esperti di estetica sono sicuri: gli occhi a palla del tedesco, evidenziati anche dalle occhiaie, rovinano quel viso così pulito ed ordinato. Capito, Mesut? Meno serate in discoteca e qualche ritocco in più e vedrai che presto lascerai il posto a qualcuno meno "carino" di te. Per il momento goditi Halloween e...grazie per la tua maschera.

Ozil
Viso pulito e sobrio, peccato per gli occhi

Facce da duri

Non è detto che si debba per forza incutere timore con maschere e costumi da mostri. C'è anche chi preferisce mettere paura semplicemente indossando il volto di calciatori famosi per il loro duro atteggiamento in campo (e non solo). Vediamo chi sono questi "cattivi".

16. Radja Nainggolan

È la novità degli ultimi anni, Nainggolan ha lanciato una vera e propria moda. Il suo corpo è un tappeto di tatuaggi, ma il pezzo forte è nella cresta: ogni tanto ne propone una diversa modificando o il colore o il taglio. Va per la maggiore quella gialla tutta pettinata, anche se ultimamente preferisce utilizzare piccoli elastici per dare forma a dei "ciuccetti". Siete preoccupati per la realizzazione di questa maschera perché vi sembra troppo complessa? Tranquilli, a tutto c'è una soluzione. Ritirate fuori dall'armadio il costume impolverato di Djibril Cissé, altro calciatore a cui piacevano creste e disegni sul corpo, e con qualche lavoretto avrete risolto il problema.

Nainggolan
Radja Nainggolan

17. Joey Barton

"L'ha combinata grossa Joey Barton", è una delle frasi rimaste vive nella mente di ogni appassionato di calcio. Il riferimento è ad una delle tante sciocchezze commesse dal calciatore inglese, attualmente in forza ai Rangers, durante una partita. Tanto per fare la conoscenza del personaggio Barton, ai tempi del Manchester City pensò bene di spegnere un sigaro acceso sulla faccia di Jamie Tandy, un giocatore delle giovanili dei Citizens. Quando militava tra le fila del Liverpool, aggredì un tassista in piena notte. Più recente (maggio 2012), invece, l'episodio che lo vide coinvolto da capitano del Qpr: si fece espellere dall'arbitro per una gomitata su Tevez e a gioco fermo rifilò una ginocchiata sulla gamba di Aguero. Le cose sono cambiate al giorno d'oggi: solo pochi giorni fa è stato cacciato dall'allenamento dei Rangers. Mi raccomando, se proprio non potete fare a meno di vestire la maschera dello scalmanato Joey, quantomeno non imitatelo in tutto per tutto.

Barton
Temperamento piuttosto aggressivo quello di Barton

18. Eric Cantona

Da un irascibile a un altro. Oltre ad essere ricordato, in particolare dai tifosi del Manchester United, per i suoi gol, Eric Cantona è ancora oggi considerato uno dei calciatori più cattivi mai visti. Quando giocava per i Red Devils, durante una trasferta contro il Crystal Palace venne espulso per aver colpito con un calcio un avversario che lo aveva trattenuto. Avviandosi verso gli spogliatoi, diede un calcio ad un tifoso del Crystal Palace che lo stava insultando. Sicuramente se decideste di optare per la maschera di Cantona, avreste il fascino della leggenda ed acquisireste una giusta dose di ignoranza.

Cantona
Il fascino di una leggenda: Eric Cantona

19. Gennaro Gattuso

Prima di travestirvi da Gattuso assicuratevi che nel posto dove andate non ci siano ragazze vestite da Catwoman. In quel caso il costume di "Ringhio" rischierebbe di diventare un problema. A meno che il vostro obiettivo non sia proprio quello di farle scappare. 

Gattuso
Bella idea la maschera di ringhio, sperando di non dover passare la serata all'aperto

20. Jaap Stam

Certamente è avvantaggiato chi è calvo per entrare perfettamente nel personaggio di Jaap Stam. Grandioso calciatore, difensore dal fisico possente e uomo di poche parole. Duro come pochi altri, ad Halloween una sua versione spaventerebbe anche i buttafuori della festa.

Stam
Stam, sguardo di ghiaccio da far paura

Insomma, di idee ce ne sono davvero molte per passare la serata del 31 ottobre in allegria. Cercate di essere più brutti o duri possibile prendendo ispirazione da uno di questi calciatori. Poi si sa, ciò che più conta alle feste è il vestito che si indossa e ad Halloween proprio non si può sbagliare.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.