Due anni di dichiarazioni d'amore di José Mourinho a Lionel Messi

"Quando Messi avrà 34 anni piangeremo tutti". Sono solo gli ultimi elogi di una lunga serie che l'allenatore del Manchester United ha rivolto al fuoriclasse del Barcellona.

Allenatore United, capitano Barcellona

605 condivisioni 0 commenti

di

Share

Non lo ha mai allenato, ma José Mourinho è da sempre un fan di Lionel Messi. Spesso e volentieri lo ha affrontato in sfide delicatissime di Champions League quando era alla guida di Chelsea e Inter, senza dimenticare i precedenti sulla panchina del Real Madrid in Liga, nei Clasicos contro il Barcellona.

Allenatore United e attaccante Barcellona
José Mourinho e Lionel Messi

Tutti piangeremo tra cinque anni, quando Lionel varcherà la soglia dei 34 e inevitabilmente non sarà il giocatore che è adesso.

Ha recentemente affermato il manager del Manchester United, confrontando l'attuale situazione di Michael Carrick a quella futura di Lionel Messi. Parole al miele slegate da ogni tipo di contesto calcistico. 

L'inizio

Lionel Messi e Cristiano Ronaldo sono due grandi giocatori. Non hanno bisogno di vincere con le rispettive nazionali per dimostrare di essere forti. Tutti si aspettano che lo facciano perché Zidane, Maradona e Ronaldo l'hanno fatto, ma non è così.

Capitani di Argentina e Portogallo
Cristiano Ronaldo e Lionel Messi capitani delle rispettive nazionali

Dichiarazioni datate 6 marzo 2014, alla vigilia del Mondiale in Brasile in cui entrambi avevano la pressione di un'intera Nazione sulle spalle. L'Argentina fallirà clamorosamente l'obiettivo in finale, mentre il Portogallo si fermerà addirittura ai gironi. 

Apprezzamenti nonostante la sconfitta

L'Argentina perde clamorosamente la finale ai supplementari contro la Germania per 1-0. L'opinione pubblica punta il dito contro Lionel Messi, colpevole di aver fornito una prestazione opaca nell'atto conclusivo del Mondiale. Mourinho però la pensa diversamente:

Lionel ha tutto il mio rispetto. Gioca sempre dove gli viene chiesto, a volte facendo due ruoli. Si mette sempre al servizio della squadra, non è una dote molto comune tra i giocatori.

Capitano Argentina
Lionel Messi durante la premiazione della finale del Mondiale 2014

Messi è unico

A quasi un anno di distanza, lo Special One ammette di aver perso diverse ore a studiare ogni mossa dell'argentino per provare a trovare delle contromisure, con molta difficoltà:

È stato senza dubbio l'avversario più forte che abbia mai incontrato. Ho sempre provato a limitare le sue giocate in maniera collettiva perché individualmente è praticamente impossibile: riesce sempre a fare la differenza

Messi sinonimo di vittoria

Tridente d'attacco del Barcellona
Suarez, Messi e Neymar campioni d'Europa con il Barcellona

José Mourinho non è proprio l'ultimo arrivato in tema di Champions League. L'allenatore portoghese l'ha conquistata sia con il Porto nel 2004, sia con l'Inter nel 2010. Nonostante questo, Mourinho crede che esista una scorciatoia per salire sul tetto d'Europa, un sentiero che lui purtroppo non ha mai potuto utilizzare (dichiarazioni del 17 marzo 2016).

Con Lionel Messi in squadra ogni grande squadra può vincere la Champions League. Con lui in campo, conquistarla diventa molto più facile.

Sul podio dei giocatori più forti di sempre

Probabilmente quella che rappresenta la definitiva investitura da parte di Mourinho a Lionel Messi. Il 19 luglio 2016 l'attuale allenatore del Manchester mette l'argentino sul podio dei giocatori più forti della storia del calcio.

Credo che lui, Pelé e Diego Armando Maradona, rappresentino i tre giocatori più forti nella storia del calcio

Messi e Maradona
Messi e Maradona, che insieme a Pelé compongono il podio di Mourinho

Futuro?

Attualmente non sembrano esserci i presupposti affinché tutte queste dichiarazioni d'amore portino al matrimonio. José Mourinho sulla panchina del Manchester United, nonostante risultati alterni, non sembra avere vita breve e difficilmente accetterà di lasciare la panchina dei Red Devils con un fallimento. Lionel Messi invece è "bloccato" da un ricco contratto praticamente eterno con il Barcellona, e se il futuro sarà lontano dal Camp Nou, con tutta probabilità sarà in Argentina con la maglia del Newell's Old Boys. Ma se son rose...

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.